1. Benvenuti su propit.it !

    Stai navigando nella nostra community come Ospite. Unisciti a migliaia di persone che si sono già iscritte!

    Avere un account su propit.it è gratuito a vita e ti permetterà di aggiornarti, informarti, condividere problemi, esperienze e soluzioni, in modo piacevole e semplice.

    propit è il primo forum italiano per Proprietari di Casa, Inquilini, imprese e professionisti.

    Crea il tuo Account oggi, è Gratis per Sempre!

l'immagine è stata rimossa.
L'indirizzo internet è stato criptato.
L'indirizzo e-mail è stato criptato.
Il media è stato rimosso.
  1. marvit40

    marvit40 Ospite

    Ciao a tutti,
    non so se questa discussione stia meglio in questa rubrica o in altra, trattandosi di delbera as-sembleare o di benefici fiscali.
    In assemblea ordinaria c'era all'o.d.g. l'eventuale richiesta di detrazione fiscale per una manu-tenzione straordinaria da eseguire e sono intervenuto esprimendo una domanda: qualora la mag-gioranza intendesse deliberare per il sì, un condòmino che non ne abbia interesse o semplicemen-non volesse aderire per motivi propri (ad. es. sta antipatico il commercialista incaricato di curare la pratica) deve forzatamente partecipare alla ripartizione della spesa del professionista? anche se il motivo non è propriamente legato alla gestione dell'edificio ma è legato alla convenienza eco-nomica non gestionale privata di ciascuno? Alla fine, con l'appoggio dell'amministratore/se-gretario, è stata adottata la delibera a dire di tutti vincolante anche per il dissenziente.
    Se così fosse, allora si potrebbe approvare in assemblea anche di giocare al lotto con una quota a carico del condòmino dissenziente, solo perchè l'eventuale vincita verrebbe versata nella cassa condominiale (non so se regge il paragone)?
  2. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Professionista
    La suddivisione di una spesa straordinaria per il ricupero del 50% 0 65% deliberata in assemblea l'amministratore deve fare il riparto ed ad ogni condominio inviare copia dei versamenti e copia delle fatture, poi ogni condomino in base ai proprio mm. per le quate personali pagate, va da chi piu gli aggrada per le pratiche inerenti a quanto sopra detto
  3. essezeta67

    essezeta67 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Infatti!! L'intervento di un commercialista non è obbligatoria a meno che un condomino decida di fare la dichiarazione dei redditi presso il suo studio, ma questa è una faccenda privata. Ognuno si arrangia come vuole per usufruire di queste agevolazioni fiscali, può anche decidere di non usufruirne e di conseguenza non spende niente..Saluti.
    A marvit40 piace questo elemento.
  4. marvit40

    marvit40 Ospite

    Grazie adimecasa (quasi coetaneo e quasi vicino), quindi se ho ben capito la tua sintetica risposta- visto che ero presidente dell'assemblea- devo considerare corretta la decisione (quindi adottata a maggioranza e non all'unanimità) di aderire alla richiesta di sgravio fiscale per i maggioritari ma che non è vincolante per il dissenziente, e in questo senso dovrà essere redatto il verbale
    Un quesito supplementare: leggendo i due ultimi notiziari dell'agenzia delle entrate (di Settembre 2013 e ottobre 2013) relativi alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie o per il risparmio energetico (forse più nel primo caso che nel secondo si classifica l'instal-lazione della contabilizzazione calore a cui mi rfersco) è citato che "dal 1 Gennaio 2014 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% (e con il limite di 48.000 euro per u.i.) nel caso di ristrutturazione", mentre per il risparmio energetico si dice che"dal 1 Gennaio2014
    -per i condòmini dal 1 Luglio 2014-l'agevolazione sarà sostituita con la detrazione fiscale (del 36%) prevista per le ristrutturazioni edilizie".
    E' giusto o nel frattempo sono stati emanati altri provvedimenti o si prevede che lo saranno (certamente), tanto per predisporre una scaletta degli impegni?
    Ringrazio tutti per risposte "univoche" e spero non "equivoche".

    Scusami "essezeta67" se non ti ho citato prima, ma avevo già predisposto in prece-denza la risposta ad "adimecasa". In ogni caso ho apprezzato anche la tua risposta
    ugualmente chiarificatrice.
    Ultima modifica di un moderatore: 22 Novembre 2013
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Professionista
    :maligno:devi fare una sola cosa, fare i lavori di ristrutturazione pagare con bonifici appositi, fare il riparto a tutti i condomini per le loro quote in base hai mm. di pp. e inviare a tutti copie dei documenti che giustificano i pagamenti per quote e nient'altro, poi ognuno dovra indicare nelle proprie denuncie dei redditi quanto pagato, chi non vorrà ricuperare problema suo, come da faccine allegata

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina