1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. marafx

    marafx Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve. Vorrei chiedere un consiglio.
    Ci sono 2 fratelli entrambi lavoratori: uno a tempo indeterminato, l'altro medico privato
    La madre e in casa di riposo ma non e stata interdetta.
    Il padre e deceduto.
    Essiste un appartamento che la madre e i 2 figli hano ereditato.
    Esiste una macchina appartenente al padre defunto. Tale auto il figlio chiamato E. si e preso senza fare voltura proprietario e senza che fosse sogetto a eredita quindi e la macchina della madre ma tale madre non la puo usare essendo anziana in casa di riposo e senza patente
    Il figlio E. e entrato ad abitare nella casa genitoriale senza alcun consenso da parte della madre e del fratello. Ha pure iniziato a fare vai cambiamenti in casa.
    Cosa deve fare il fratello in tale circostanze?

    Di principio ci sono 3 proprietari sul immobile con quote diverse. Ma uno va ad abbitarla senza il consenso scritto degli altri.
    Il fratello E non vuole vendere la casa e non si riesce a discutere in alcun modo tra fratelli per sistemare un eventuale pagamento della quota che spetterebbe nel caso la madre morise.

    Per favore che dobbiamo fare?
    Temo che il fratello che non abita in casa si ritrovera senza eredita ... e senza possibilità di diffendere i suoi diritti.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Prima di discutere della (futura) eredità della madre, è il caso di sistemare l'eredità (attuale) del padre. Quindi o i coeredi trovano un accordo, oppure ciascuno di essi può chiedere lo scioglimento giudiziale della comunione ereditaria.
    Se il padre non ha fatto testamento disponendo diversamente, anche la "macchina" è caduta in successione come tutti gli altri beni e nelle medesime quote relative agli altri beni. Pertanto non è della sola madre, ma anche dei due fratelli. Ciascuno dei tre coeredi ha una quota pari a un terzo di tutto il patrimonio del defunto, ex art. 581 c.c.
    La madre, ex art. 540, comma 2 c.c., ha inoltre riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano (se anche questi mobili erano di proprietà del padre defunto o comuni con la madre).
     
  3. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa Nemesis ma per essere più precisi è :
    Più figli con coniuge = ( un terzo al coniuge e due terzi ai figli diviso in parti uguali ) nel caso che ci fossero più figli la cosa sarebbe differente ti sembra?:fiore:
     
  4. Rosario1955

    Rosario1955 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se i genitori erano in comunione di beni l'eredità va ripartita:
    Il 50% al coniuge superstite.
    Il rimanente 50%tra i figli compreso il coniuge superstite.In parti uguali.
    Il diritto di abitazione rimane al coniuge superstite.
     
  5. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    questa non mi risulta, il diritto di abitazione ok ma la proprietà va 1/3 al coniuge e 2/3 ai figli, comunque va fatta la sucessione e un figlio non può occupare l'immobile contro la volontà degli altri eredi
     
  6. Rosario1955

    Rosario1955 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Quando è morta mia madre siamo rimasti quattro figli e mio padre, a successione fatta essendo i miei genitori in comunione di beni i figli siamo diventati proprietari di 1/12 a testa di tutti i beni ora che non c'è più neanche mio padre sono proprietario di 1/4.Se c'è ancora un genitore in vita nella casa ci abita lui e non si paga neanche IMU.
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Certamente mi sembra. Infatti avevo riportato la norma applicabile: art. 581 c.c.
    E nella fattispecie in discussione, quella norma porta ad attribuire le quote come avevo indicato.

    E' ovvio che se un bene è in comunione tra i coniugi, alla morte di uno dei coniugi andrà in successione solo la quota di proprietà del coniuge defunto.
    Ma la comunione dei beni a nulla c'entra con le quote di eredità che la legge stabilisce.
    Quelle quote, stabilite dall'art. 581 c.c., non sono quelle da te riportate.
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non direi proprio.
    Situazione patrimoniale iniziale 1/2 dei beni al marito ed 1/2 dei beni alla moglie.
    Muore il marito: 1/3 di 1/2 di proprietà del marito alla moglie superstite; 2/3 di 1/2 di proprietà del padre in parti uguali ai 4 figli.
    Quindi dopo la morte del marito la moglie superstire diventa proprietaria di 8/12 del patrimonio mentre ciascuno dei quattro figli sarà diventato proprietario di 1/12.
    Con la morte anche della madre superstite si deve dividere in parti uguali il suo patrimonio di 8/12: 4 figli = 2/12 cad.
    Alla fine ciascun figlio riceverà in successione dalla morte di entrambi genitore 2/12+1/12=3/12=1/4 del patrimonio che era in comunione.
    Che poi sono le parti di cui hai scritto nell'intervento successivo.[DOUBLEPOST=1375802792,1375802524][/DOUBLEPOST]
    Posso aggiungere anche l'assicurazione della macchina? Anche se solo uno degli eredi può continuare il contratto e quindi stare nella classe di merito gli altri devono rinunciare con lettera scritta all'assicurazione.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Premesso che "stare nella classe di merito" dipende se tra gli eredi vi è il coniuge e se tra i coniugi vigeva la comunione legale dei beni. Oppure, in mancanza del coniuge, se gli eredi fossero conviventi (iscritti anagraficamente) con il de cuius.
    Che gli altri coeredi debbano rinunciare (a che cosa, poi?) con lettera scritta all'assicurazione non deriva da nessuna norma.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Posso dire che quando sono rimasto vedovo avevo chiesto ai fratelli ed ai nipoti di mia moglie se erano intersssati ad avere la sua vettura. Alla loro risposta negativa per intestare la macchina a me, quando mi sono rivolto all' ACI, ho dovuto allegare la dichiarazione di morte e di successione con le dichiarazioni di rinuncia degli altri eredi. La stessa cosa ha presteso l'assicurazione. Alle mie rimostranze l'impiegata mi ha spiegato che chiunque degli eredi avrebbe potuto essere interessato a subentrare nella classe di merito, come sono subentrato io.
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quindi non hai avuto figli.
    O gli altri chiamati hanno rinunciato (a tutta l'eredità, e non solamente all'autovettura), oppure essi dovevano accettare l'eredità, comprendente anche quella vettura. Per cui in questo caso per diventare tu unico proprietario bisognava intestare quella vettura a tutti gli eredi e poi solo a te (anche se non con distnte pratiche al PRA).
    L'assicurazione deve guardare l'intestazione della proprietà al PRA e basta. Il mantenimento o no della CU dipende da quanto avevo prima scritto e non da "rinunce" di altri soggetti che non compaiono nemmeno nella carta di circolazione o nel certificato di proprietà.
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se lo fermano per un controllo potrebbe scapparci il sequestro. Per esempio se l'intestatario fosse nato nel 1913 sarebbe centenario, la Polizia della Strada o i Carabinieri facendo un controllo anagrafico del proprietario non trovandolo tra i vivi potrebbero chiedere di presentare un certificato di esistenza in vita, non presentandolo nei tempi richiesti, senz'altro scatta il fermo. fino a quando non viene regolarizzato il tutto.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    In base a quale norma?
    Premesso che la Polizia della Strada e i Carabinieri non possono chiedere la presentazione di certificazioni anagrafiche, e quindi sono tenuti ad acquisire d'ufficio le relative informazioni, in base a quale norma scatterebbe senz'altro il fermo?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina