• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

masagu

Membro Attivo
Spulciando i vari 730 degli anni precedenti mi sono accorto che nel 2015 (redditi 2014) non sono stati inseriti correttamente i mesi di detrazioni per il figlio minore di 3 anni. Nella colonna 6 ho erroneamente messo "1" in quanto ero convinto che bisognava segnare il numero dei figli minori di 3 anni e non i mesi in cui spettava la detrazione che sarebbero dovuti essere 12 e nella colonna 7 "100%".
Guardando infatti il prospetto di liquidazione al rigo 22 ossia "detrazione per figli a carico" vedo 751 euro. So che per il 2014 la detrazione teorica è di 1.220 euro. Come posso fare a capire quanti mesi sono stati calcolati e se nonostante l'errore sono stati caricati correttamente in base al codice fiscale messo?
Secondo voi si può fare qualcosa oppure ormai è trascorso molto tempo?
Grazie a tutti! :)
 
Ultima modifica:

masagu

Membro Attivo
MI sa che i termini sono scaduti:
>=<span________class=&lang=it
Amen Alberto pazienza...sto cercando comunque di fare un calcolo per capire se il sistema nonostante il mio errore "formale" abbia calcolato il codice fiscale del figlio minore di 3 anni e abbia comunque erogato l'importo corretto. Sto leggendo questa guida:
 

masagu

Membro Attivo
Ho fatto questo calcolo che ho visto nella guida:
Esempio:
Reddito complessivo di euro 28.000,00 sottratta la deduzione per abitazione principale e relative pertinenze pari ad euro 1.046,00
Calcolo detrazione IRPEF prevista per il 2015:
Reddito complessivo= 28.000,00 - 1.046,00 = 26.954,00.
Quoziente = (95.000 - 26.954) / 95.000 = 68.046 / 95.000 = 0,7162
Detrazione spettante = detrazione teorica x quoziente = 433,33 x 0,7162 = 310,35

Ho capito bene che nell'esempio su un reddito complessivo di 28.000 le detrazioni annue spettanti sono 310,35?:occhi_al_cielo:
 

masagu

Membro Attivo
Ho usato un calcolatore e se non è sbagliato purtroppo per un mio errore ho perso un pò di soldini...pazienza. Ma il calcolo dell'esempio sopra è corretto? Giusto per capire se il calcolatore on line che uso non fa errori..
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
Per caso avevi dei contratti di locazione a tuo favore in regime di cedolare secca ?Dovresti verificare se il conteggio delle detrazioni è stato fatto con il "Reddito di Riferimento" che trovi nel Modello 730-3 (Rigo 137).
 

masagu

Membro Attivo
Per caso avevi dei contratti di locazione a tuo favore in regime di cedolare secca ?Dovresti verificare se il conteggio delle detrazioni è stato fatto con il "Reddito di Riferimento" che trovi nel Modello 730-3 (Rigo 137).
Grazie Alberto si infatti non aggiungevo quelli per l'appunto e non riuscivo a capire. Adesso tutto coincide. Ho perso circa 190 euro. Ma pazienza.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
si può fare qualcosa
Puoi presentare una dichiarazione integrativa entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione (dichiarazione integrativa – art. 2, comma 8 del D.P.R. n. 322/1998). In questo caso l’importo a credito potrà essere utilizzato in compensazione, ex art. 17 del D. Lgs. n. 241/1997, per eseguire il versamento di debiti maturati a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione integrativa. Nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta in cui è presentata la dichiarazione integrativa è indicato il credito dal minor debito o dal maggiore credito risultante dalla dichiarazione integrativa.
 

masagu

Membro Attivo
Puoi presentare una dichiarazione integrativa entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione (dichiarazione integrativa – art. 2, comma 8 del D.P.R. n. 322/1998). In questo caso l’importo a credito potrà essere utilizzato in compensazione, ex art. 17 del D. Lgs. n. 241/1997, per eseguire il versamento di debiti maturati a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione integrativa. Nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta in cui è presentata la dichiarazione integrativa è indicato il credito dal minor debito o dal maggiore credito risultante dalla dichiarazione integrativa.
Grazie Nem...recupererei quasi 200 euro. A presto! ;)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto