• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff

Rivoltando i pensieri, questa mattina ho un leggero brivido!
Il lavoro mi insegue, ma io sono più veloce e posso iniziare tra un po'.

Dopo colazione mi accorgo che da troppo tempo mi sento oppresso dalla nostra società, che ci schiaccia con un linguaggio "compresso" e da un andamento "costretto" nelle solite ragioni ed opinioni.

Mi chiedo: A che ora comincia la rivoluzione?

Ma subito dopo perdo il senso della questione, e ritorno ad occuparmi di cose inutili.

C' è qualcosa di più sensato da fare che concentrarci per fare sempre più soldi, al fine di farne ancora di più?

Ma che vita è?

Ho smesso di guardare la televisione, ma ciò non vuol dire che essa (la tv) smetta di guardare me, riflessa nelle stupidità che sento nei bar e in strada.

Possiamo salvarci? ...non so!

Molte "forze ostili" remano contro di noi ....abbiamo bisogno di una conversione totale!

Siamo tutti portati a pensare soltanto al nostro interesse, a mangiarci la vita l' uno con l' altro, ed io non so come liberarmi da questo condizionamento da solo!

Insieme forse possiamo farcela, ma come si fa a mettere insieme le persone?

Moltissima gente ha perso il senso della vita, e spende il suo tempo inseguendo il "niente" offerto con astuzia dalla pubblicità e dal marketing.

Tutti questi pensieri non sarebbero apparsi se stamattina non mi fossi attardato sul cesso a leggere una storia.

Ve la copio:

Il maestro accoglieva con gioia i progressi della tecnologia
ma era profondamente consapevole dei suoi limiti.

Quando un industriale gli chiese
quale lavoro facesse, rispose:
"Sono nell' industria della gente".

"E che sarebbe, se permetti?",
chiese l' industriale.

"Guarda te stesso", disse il maestro,
"I tuoi sforzi producono cose migliori; i miei
gente migliore".

Ai suoi discepoli disse poi:
"Lo scopo della vita
è il fiorire delle persone. Al giorno d' oggi
la gente sembra maggiormente interessata
al perfezionamento delle cose"


:fico:
 

ralf

Nuovo Iscritto
Interessante e condivido :daccordo: sull'ora d'inizio però proporrei non prima delle 16 per il pisolino pomeridiano e comunque che finisca entro le 19 19,30 per la cena:^^:
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff
A proposito della questione "Silvio Berlusconi" ho trovato in rete questa lettera che vi propongo, la quale esprime, a mio giudizio, delle idee che nel nostro paese sono popolari:

Signor Presidente,
Lei si è chiesto ed ha chiesto ai suoi più stretti collaboratori:"perchè
mi odiano?"
Io sono un signor nessuno, uno dei sessanta milioni di italiani senza
volto e senza nome, buoni solo per comparire come unità statistiche nelle
rilevazioni demografiche. Comunque, visto che lei ha fatto una domanda,
per quello che conta il mio parere, vorrei risponderle. Io sono tra
quelli che la odiano, nel senso che non la amano.
Intendiamoci: trovo l'odio un sentimento disdicevole. Ho ricevuto
un'educazione cristiana, sebbene l'abbia rinnegata; però certi valori mi
sono rimasti dentro. Nella mia vita ho cercato di essere sempre dalla
parte dei deboli e di trovare mille attenuanti per chi ha sbagliato.
Eppure nei suoi confronti provo un "non amore" irrefrenabile.
Stia tranquillo: sono un uomo di pace: faccio fatica anche ad ammazzare
le mosche;perciò il mio odio non si tradurrà in altro che in un desolato
isolamento. Scuoto la testa e da lei traggo insegnamento, per me e per i
miei figli, di quanto non sia esempio da imitare.
Lei non conosce me, ma io conosco lei, dai tempi in cui ella era un
oscuro costruttore edile quando, sindaco Carlo Sangalli (ora Presidente
della Camera di Commercio di Milano) fondò l'Edilnord e iniziò a
costruire a Brugherio. Ricordo le sue liti con la civica amministrazione
di quella città per gli abusi edilizi e come, già allora, avesse il vezzo
di ottenere con la prepotenza quello che non avrebbe potuto ottenere
secondo la legge. Poi l'ho seguita nella sua avventura con
Telealtomilanese e ancora con l'avvio delle Sue reti televisive. Ricordo
la legge Mammì, ricordo Craxi (che ho conosciuto di persona) e gli
indebiti favori che ella ha ricevuto e ricambiato con sostanziose
tangenti.
La conosco, Signor Presidente: abito a cento metri in linea d'aria dagli
studi di Mediaset ed a un Chilometro da Milano Due, che ella ha
costruito. Non parlo per "sentito dire" ma perchè ho testimonianza
diretta di quello che Ella è.

Devo dire che la Sua, non fosse una figura moralmente indecente, sarebbe
da ammirare per la genialità: non ha sbagliato nulla. E' partito con una
piccola impresa, a debiti e con finanziamenti di cui lei non ha mai bene
rendicontato ed ha costruito un impero, con fredda logica e con assoluta
lungimiranza. Lei dice che è entrato in politica nel 1994; non è vero.
Lei ha preparato il terreno molto, molto prima. Lo ha fatto comprando il
Milan, con le sue televisioni.
Più che merci lei ha comprato coscienze.
Lei ha compreso molto bene cosa sia il marketing e quali siano le
tecniche di vendita. Non fa mai nulla che non abbia un riscontro positivo
nei sondaggi.

Per lei non ha valore morale quello che fa: ella non è il "Principe"; ha
un disegno preciso, che coincide col suo interesse personale. Però ha
capito molto bene che, per avere consenso, deve azionare delle "leve",
che corrispondono ai processi di immedesimazione di emulazione.
Lei ha trasformato un perdente in un vincitore, un debole in un forte, un
povero in un ricco; e questo è il suo autentico miracolo. Tutto nella
finzione, ovviamente.
Però, e anche questo è un Suo "merito". Lei ha saputo rendere labile il
confine tra realtà e finzione. Lei è "nudo", come quel famoso Re; eppure
lo stuolo di cortigiani e di folle osannanti che la seguono sono pronti a
giurare che ella sia bello, invincibile, munifico.
Dal Principe di Machiavelli ha sicuramente imparato una cosa: il fine
giustifica i mezzi; ecco perchè non è mai andato per il sottile. Per lei
Lo Stato è un'azienda, la cultura un optional, la povertà un
"inconveniente" come arditamente l'ha definita.
Lei ha capito bene, come il Mefistofele che "la moneta cattiva scaccia
quella buona" e, più ancora, che se getta a terra una manciata di monete
la gente si accapiglierà per raccoglierle.
> Lei, da perfetto populista si appella al popolo perchè ratifichi le sue
scelte. Ma cos'è il popolo, chi è il popolo? E' forse un monolite che,
unum corde, prende decisioni all'unisono? No, lei lo sa benissimo, perchè
è contornato da statistici, che il popolo non esiste se non come somma di
tante unità che compongono l'insieme.
Lei sa che si compone e si scompone in continuazione e perciò ha bisogno
di suggestioni in cui riconoscersi. Il popolo è:
* quello che pochi giorni prima gridava " Osanna al figlio di David" e ,
poco dopo urlava a Pilato: "Libera Barabba".
* quello che sotto il balcone di Palazzo Venezia urlava in delirio per il
Duce che annunciava la dichiarazione di guerra alla Francia e poi, dopo
vent'anni sputacchiava il cadavere del duce nella polvere, prima che
fosse appeso a un distributore di benzina.
* quello che al nord odia i "terroni" e al sud odia i "polentoni";
* quello che si divide negli stadi, che si divide su tutto, che perde le
staffe quando è in coda, quello che cerca di non pagare le tasse e,
potendo, porta i denari all'estero.
Lei ha saputo trarre il peggio da questo popolo e ha fatto leva sui suoi
peggiori istinti. Ha contribuito grandemente ad affossare la nostra
cultura a fare di questo paese, una volta perla della civiltà, patria
della pittura, della scultura, della musica, un paese a rimorchio della
peggiore cultura altrui.
Le soap opera, i programmi violenti e dozzinali che le sue televisioni
somministrano al popolo, hanno contribuito grandemente a distruggere quel
patrimonio di saperi che hanno fatto dell'Italia uno dei paesi più
ammirati nella storia della civiltà.
*Lei ci ha lasciato il cafonal, l'idea che bisogna a tutti costi
primeggiare, essere vincenti.
*Ha convinto i poveri e gli stolti che la fortuna può "baciare tutti" e
che i cieli siano sempre azzurri: basta solo essere ottimisti.
* Ha definito la politica un teatrino, cancellando, con questo giudizio,
secoli di civiltà ereditati dall'ellenismo, dal continuo interrogarsi
dell'uomo sulla società, sui suoi poteri e limiti in rapporto ai diritti
dell'individuo.
* Si è preso burla della civiltà giuridica, ha definito i giudici
"persone mentalmente disturbate". Ha spiegato a milioni di italiani che è
meglio "avere" che "essere".

* Ha insegnato che non serve rispettare le regole; anzi: se queste non
corrispondono ai tuoi personali disegni fai in modo di cambiarle.
* La Casa di tutti l'ha trasformata nella casa dei vincitori, a qualsiasi
costo e a qualsiasi prezzo, anche quello della indecenza.
* Ha insegnato agli italiani che la corruzione, il rampantismo, lo
sgomitare per farsi largo sono la via giusta per affermarsi e che il
diritto e la ragione sono solo armi per i deboli. Vae victis.
Ecco perchè non la amo signor Presidente, perchè lei è l'opposto di tutti
quei valori in cui credo, che sono l'onestà, la sussidiarietà, la
solidarietà, l'altruismo, la compassione, la valorizzazione dei saperi,
delle bellezze naturali e artistiche di questo grande e meraviglioso
paese. Non credo nel demonio Signor Presidente, ma se esistesse avrebbe
il suo volto. Detto questo provo pena per lei che è stato colpito nel
fisico da un atto sconsiderato.
Io, da perfetta nullità, ho solo un'arma per poterLa colpire: il voto.
Purtroppo subirò il suo potere, indifeso come sono d'innanzi alla sua
forza devastatrice. Ma me lo consenta: di quello che lei fa, non c'è
nulla di fatto in nome mio.
Con disistima
Lettera firmata
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Io eviterei qualunque schieramento politico implicito od esplicito. Il Forum è di tutti e quindi cominciamo da noi a comportarci in maniera rispettosa. La mission è la tematica immobiliare.
La coscienza politica è quella che ognuno di noi porta dentro e che in questa sede stonerebbe contabilizzare.
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff
Sto leggendo un libro interessante che si chiama "Libertà in vendita", di John Kampfner

Vi lascio una frase che mi ha impressionato, senza commentarla, perchè ci sto ancora pensando:

"E' il fatto di comprenderne i limiti che rende possibile la libertà.
E' impossibile raggiungere il bene maggiore senza imporre una qualche restrizione all' individualismo.
La debolezza del liberalismo è il rifiuto di pagare il costo dell' appartenenza".


Questa prospettiva ideologica credo che abbia a che fare con la crisi dell' Euro e dell' Europa, e con la politica occidentale dell' ultimo anno, ma ancora non riesco a mettere bene a fuoco la relazione.
 

ralf

Nuovo Iscritto
Questa "Pausa caffè" è senza dubbio una parte importante del forum, la sensazione è che lo possa diventare ancora di più, l'ironia,magari anche pesante come in un altro frequentatissimo post, troverà quì sicuramente spazio,pure le valutazioni generali con punti di vista magari facilmente individuabili ritengo abbiano pieno diritto di "abitazione". Richiami diretti a persone, partiti, per attività specificatamente legate alle loro mansioni no, snaturerebbero il forum portandolo come tanti altri a scambi di "opinioni " assolutamente fuori luogo e senza fine. Complimenti e grazie veramente grazie per l'importantissimo apporto a Propit :daccordo:
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Quanto hai detto in parole molto diplomatiche, mi complimento con Ralf, non basta. Temo sia il caso di dirlo anche in maniera più incisiva. Il bello di questo forum è poter dare un parere concernete il mondo immobiliare, o meglio sforzarsi di fare una consulenza a prescindere dal credo politico, religioso, od altro.
Siamo pieni di media schierati dall'una o altra parte, lasciamo questa creatura, il Forum propit, bella, spontanea, fresca, indenne dalle schifezze della politica, che oltretutto, in un forum immobiliare, non centra nulla.
 

ninetto

Membro Attivo
una volta, mezzo secolo fa, quando mancava il pane o lo zucchero o il sale, si correva dal vicino e il vicino era contento di aiutarti, adesso non abbiamo più bisogno di niente, solo di soldi, e il vicino s'è allontanato. Mia suocera guarda la tv senza vederla per ore ed ore, la voce da un orecchio entra e dall'altro esce. Col digitale poi, con due telecomandi rimane bloccata aspettando che qualcuno l'aiuti a mettere un programma che nemmeno vede e nemmeno ascolta. Stavamo meglio quando avevamo più bisogno?
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Scusate ma propongo la rimozione dell'articolo politico! #3
Guardiano, proprio perchè non ha importanza come la pensiamo, togliamo ogni possibile inquinamento da opinione schierata.
 

bolognaprogramme

Membro Assiduo
Professionista
sono d'accordo con giacomelli,la politica lasciamola a chi la dovrebbe saper fare!.


E chi la saprebbe fare ???:-o

Quelli che stanno al governo (chiunque essi siano) e inventano leggi che disattendono loro per primi e approfittano del ruolo che rivestono per fare gli affari loro ? :occhi_al_cielo:

O quelli che non stanno al governo (chiunque essi siano) e troppo occupati a litigare fra di loro, lasciano che gli altri approfittino di tutto x arricchirsi, aspettando il loro turno ???:???:

O quelli come noi , per. es. agenti immobiliari, , che non stanno nè al governo nè aspettando di entrarci e subiscono tasse, obblighi, adempimenti, sanzioni e chi più ne ha più ne metta, mentre tutti gli altri si fanno gli affari loro e si arricchiscono perfino in tempi di crisi ????!!!!!:shock:

Silvana
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Chiedo scusa, non avrei mai voluto scrivere questo messaggio, perchè ritengo sia sbagliato fare politica in questo forum, ma non essendo stata rimossa la lettera a Berlusconi, messaggio #3 contro Berlusconi, devo scrivere una lettera a Bersani, segretario ad interim del PD.

Caro Segretario Bersani, s'immagina se aveste vinto voi le elezioni, invece di Berlusconi?
Analizziamo:
Già Berlusconi aveva tolto la Tassa di successione, che ad ogni passaggio generazionale si portava via 1/3 abbondante del valore di una casa, poi il Vostro Prodi la reintrodusse, e per fortuna il governo attuale ha creato una tassa di successione con una franchigia di 1 milione di €, togliendo una vergognosa tassa "sui morti"
Se aveste vinto Voi, oltre a non toglierci l'odiosa tassa sui morti, non ci avreste tolto l'ICI dalla I° casa, altro merito di questo governo, che a chi possiede una casa dà un minimo di sollievo.
Non parliamo del solito problema dei rifiuti a Napoli, ma probabilmente li avremmo ancora.
Sicuramente in questi ultimi 18 mesi di crisi globale, ci avreste reintrodotta una "Patrimoniale" e le nostre case avrebbero pagato, una tassa non sulla rendita, ma sul valore, che è la cosa più illogica che esista, la tassa sul risparmio.
Ci avreste aumentato le aliquote delle tasse, ancor di più, spingendo, automaticamente l'evasione oltre i limiti già vergognosi di oggi.
Certo, sono sicuro che avreste introdotto un assegno di sostegno ai disoccupati, che se a primo acchito può sembrare una caritatevole manovra, non tiene conto che noi Italiano abbiamo una propensione alla furbizia, e avremmo avuto una corsa a conquistare lo status di disoccupato per accedere ad un assegno sicuro in attesa di tempi migliori. Molti artigiani in crisi, invece di lottare avrebbe chiuso la partita IVA e avrebbe fatto domanda di sussidio e in tutto questo avremmo avuto una spesa sociale alle stelle.
Naturalmente avreste introdotto una tassazione sulle rendite finanziarie, azzerando anche quel poco di interesse che gli investitori internazionali hanno per l'Italia.
E così con i vostri provvedimenti economici e con ministri come Visco o Padoa Schioppa, saremmo stati derisi da tutta Europa, mentre il Ministro Tremonti ci viene invidiato da tutta Europa.
Con voi al governo, non avremmo avuto i tanto criticati respingimenti e così ogni santo giorno da 2 anni a questa parte avremmo avuto centinaia di disperati, illusi di trovare benessere, arrivare in Italia a ingrossare le fila della malavita, come se non ne avessimo abbastanza.
Non posso dire che non vi sareste impegnati nella lotta alle cosche e alla mafia, ma di certo in questi anni, questo governo, ha raggiunto obiettivi mai visti.
Forse con Voi non avremmo avuto qualche legge ad personam, ma di certo con questo governo abbiamo avuto una magistratura che ha fatto processi ad personam, con continui e pretestuosi attacchi ad un primo ministro al quale gli italiano hanno chiesto di fare, di governare, poi una volta dimesso, per quello che ci riguarda potete metterlo in carcere, ma ora lasciatelo governare.
Forse anche la figura meschina che il ministro Scaiola, rischia di fare, non l'avremmo avuto, ma siccome i fatti sono del 2004, con voi al governo non ci saremmo risparmiati neanche quello.
Sono sicuro che anche la famosa battaglia contro il nucleare, bandita dalla sinistra con un famoso referendum che grosso modo recitava: "volete l'energia prodotta con la terribile centrale nucleare o preferite l'energia pulita?" ora saremmo ancora su quelle posizioni. Chiaramente il referendum ebbe l'esito noto mentre tutti i paesi europei, che non si sono mai avventurati in quesiti del genere, producono energia nucleare a prezzi di gran lunga inferiori e la vendono alla povera Italia, il nostro paese ha perso anni di tecnologia e sperimentazione in questa direzione.
In tutto ciò non è che Lei non possa divenire un bravo primo ministro, ma è ora che la politica sia una politica economica - sociale, non faziosa e falsamente populista. Se l'economia produce, stiamo tutti bene, viceversa spartirsi la ricchezza altrui, è pratica che dura assai poco.
Grazie della sua attenzione, auguri.
 

ralf

Nuovo Iscritto
Abbiamo un Guardiano assolutamente contrario alla censura :D Così il match è in pareggio :D Riprendiamo l'argomento dopo Natale:D E come diceva John Wajne : avanti coi carri :D
 

Il Custode

Custode del Forum
Membro dello Staff
Proprietario Casa
... e poi s'è mai visto un bar dove la chiacchiera non verte sul calcio e sulla politica? :D
Finchè si rimane entro confini accettabili di educazione e rispetto reciproco, non essendo argomenti del forum, non vedo la necessita di spazzare via fiumi di parole. E le parole sono sempre preziose :)
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff

Due vecchi saggi vivevano insieme
da molti anni e non litigavano mai.

Un giorno uno disse all' altro:

"Proviamo a litigare una volta anche noi
come fanno tutte le altre persone".

L' altro rispose:

"Non so come fare a iniziare una lite".

Il primo propose:

"Ascolta, mettiamo un mattone tra di noi e io dico: Questo è mio!
...e tu rispondi: No! è mio!

...e così iniziamo a litigare".

Così misero un mattone tra di loro e uno disse:

"Questo è mio!" e l' altro "No, è mio!"

E il primo replicò: "Si è vero, è tuo, prendilo!"

...e in questo modo se ne andarono,
incapaci di litigare.
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Per la verità, al bar, si parla si di calcio e politica, ma soprattutto di donne!
Io ho pensato che di censura non si doveva agire, ma ritengo che ne di donne, ne di calcio, ne di politica sia opportuno parlare in questa sede, un forum immobiliare con una grande armonia di fondo che io non avrei mai messo in discussione con faziosità estranee.
Ciò nonostante mi adeguo al volere del nostro amato guardiano
 

ralf

Nuovo Iscritto
Perchè al bar si parla di politica, calcio, donne ? Io aggiungerei allora anche uomini :risata: Comunque grazie a Propit per gli auguri di buon compleanno. :amore:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto