• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

MARMANF

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
Buongiorno a tutti, in un'appartamento che sto acquistando vorrei abbattere parzialmente il muro divisorio tra sala e corridoio lungo circa 2m ( resterebbe un muretto basso al posto del muro originario alto circa 1.2m) e rimuovere la porta in modo da rendere l'area piu aperta.
Sapete se questa modifica necessita un cambio a livello catastale o qualche permesso si qualche genere?
grazie
Marco
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#2
Inizialmente, è molto importante interpellare un tecnico che possa verificare se il muro è portante o meno ed eventualmente se il suo abbattimento possa arrecare pregiudizio alla struttura. Poi se non ci sono problemi menzionati si può eseguire il lavoro con una semplice comunicazione di opere interne al comune alla quale entro trenta giorni dalla comunicazione di fine lavori va presentata la pratica di variazione per diversa distribuzione di spazi interni in catasto.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#4
Il costo dell'intervento del tecnico per comunicazione, direzione dei lavori e variazione catastale, potrebbe aggirarsi sui 1000 €.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#7
Come si distingue a catasto una parete rispetto ad un muro alto 1,2 m?
Non è la simbologia catastale, poiché non esistono linee differenti fra muri sezionati ed infissi, la variazione consiste nella consistenza: nel caso in esame la sala viene unita al corridoio, che cessa di essere tale e la sala diventerà vano di passaggio. Conseguentemente cambierà la superficie della sala e la consistenza perderà 1/3 di vano.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#11
Piuttosto singolare come risultato: di fatto la sala rimane con la medesima superficie; ed il corridoio pure.... e per il catasto potrebbe diminuire la consistenza (e rendita...)
I vani hanno una superficie minima e massima, a seconda della categoria, oltre la quale interviene l'incremento di 1/2 di vano. Il disimpegno corrisponde ad 1/3 di vano per cui se fuso con il vano adiacente va ad incrementare la sua superficie e l'immobile perde il corrispondente 1/3. Pertanto, probabilmente la consistenza diminuirà. Questo resterà invariato fino a quando non entrerà il nuovo sistema che prevede il calcolo della rendita sulla sola estensione dell'immobile e forse gli accessori saranno conteggiati in quota.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#14
In tempi abbastanza recenti, il catasto invitava a non inoltrare variazioni se queste non modificavano significativamente la conformazione della u.i.
Dare maggior luce a sala e corridoio sarebbe stata una di queste ....
Mi sembra che la PA non conosca il termine "semplificazione": si pretende la modifica di una inezia, e non si riscontrano migliaia di interi edifici abusivi.

Così non si ottiene nè l'una nè l'altra.....
 

MARMANF

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#17
sono un po piu confuso..... ma ancora una domanda. La notifica al catasto deve essere fatta prima che I lavori inizino o puo essere fatta in un secondo tempo?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#20
..... ehm, diciamo che è un abuso minore: nessuno verrà a casa tua a riscontrare se è rimasto il muro, 3/4 di muro o mezzo muro .....
Certo che quando dovrai vendere ed occorrerà la conformità urbanistica e catastale, dovrai o ripristinare il muro o sanarlo, ... o accordarti con l'acquirente,... se non c'è di mezzo un perito di una banca che erogarà il mutuo ..
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, volevo dirvi che è in dirittura di arrivo l'acquisto dell'appartamentino attiguo a quello in cui abita mia figlia. dovendo procedere alla fusione mi chiedevo se fosse possibile aprire una porta tra i due balconi piuttosto che all'interno degli appartamenti. Grazie a chi mi darà una risposta circostanziata.
moralista ha scritto sul profilo di Tiziano71.
Avete steso un verbale della situazione dell'immobile, cosa avete concordato al momento della consegna?
Alto