1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. D3luX

    D3luX Membro Junior

    Proprietario di Casa
    salve a tutti, ho un quesito da porvi:

    abito in uno stabile dove è presente un appartamento (il mio) un locale cantina (sempre di nostra proprietà) e un locale sottotetto, accatastato come c/2, che inizialmente avremmo dovuto acquistare come pertinenza del nostro appartamento ma poi non se n'è fatto niente ed è rimasto di proprietà del costruttore.
    Successivamente è passato per diversi proprietari, i quali non lo hanno mai utilizzato, ad eccezion fatta degli ultimi: una coppia che lo ha arredato ed attivato utenze elettriche e del gas, a dispetto della normativa che vieta l'utilizzo di un c/2 come locale ad uso abitazione.
    Inoltre non possiede neanche i requisiti per la trasformazione in a/2 poichè le altezze e i rapporti aeroilluminanti non sono soddisfatti.

    Dato che la coppia in questione non è delle più quiete e silenziose, e noi avevamo scelto quello stabile anche in funzione della tranquillità, sto valutando di segnalare l'illecito. I vigili urbani purtroppo, nel mio paese, si guardano bene dall'intervenire in problematiche, a loro dire "di poco conto. Mi resta la denuncia presso i Carabinieri (ma la vedo molto estrema come cosa) e la segnalazione all'ASL, in quanto leggevo che hanno i poteri per disporre lo sgombero immediato del locale, qualora ravvisino irregolarità.

    Qualcuno sa confermarmi, magari avendo avuto o essendo a conoscenze di episodi simili?

    Grazie mille
     
  2. Ollj

    Ollj Ospite

    La Polizia Comunale non potrà non dar corso alla sua segnalazione.
    Consideri semmai che a seguito di ciò i suoi rapporti coi vicini degenereranno.
    A lei il decidere sul da farsi, valutati benefici e disagi.
    Saluti.
     
  3. D3luX

    D3luX Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ah, stia tranquillo che i rapporti con questi soggetti sono l'ultima cosa che mi interessa
     
  4. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    è doveroso fare dei distinguo in quanto la sua lamentela si divide in più fronti con relative competenze:
    1) uso illegittimo dei locali;
    2) disturbo della quiete condominiale con violazione di regole del condominio se eventualmente prevedesse tale clausola.
    Per quanto riguarda l'assenza del certificato di agibilità dei locali essendo non ad uso residenziale in quanto mancano di altezza idonea la competenza sarebbe del Comune per la parte del titolo abilitativo in materia edilizia/urbanistica in quanto non e dell'ASL per quanto riguarda l'abibilità mentre per il rumore la competenza è sempre del Comune che tratteranno il suo caso con le leggi regionali in materia ambientale...
    Tutti e due gli enti devono attivarsi a seguito di un suo esposto e questa dovrebbe essere una cosa certa..., mentre più incerta sarà l'esito finale che potrebbe necessitare di adire per vie legali a seguito di un esposto alla forze dell'ordine carabinieri o polizia di stato che potrebbe risolversi per vie stragiudiziali ... comunque con un impegno economico non indifferente.
    Le consiglierei inizialmente di trattare la cosa con il proprietario che riferirà ai conduttori in via bonaria poi se dovesse restare lettera morta tastare il terreno andando di persona a parlare con il responsabile dei suddetti uffici prima di inoltrarsi in un 'ginepraio' ...
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    quello che è strano nella vicenda è che se i nuovo proprietari/conduttori hanno spostato la residenza i VV.UU. uscendo per le verifiche del caso dovrebbero notare che l'unità immobiliare non rispetta i requisiti per l'abitabilità quindi dovrebbero segnalare la faccenda sia all'anagrafe, negando la residenza, e sia all' U.T. comunale.
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se fai la segnalazione, tracciata, ai VV.UU. o al protocollo o con Raccomandata A.R., sono obbligati ad intervenire, pena essere incriminati per omissioni o interessi privati. La certezza di un solerte intervento l'avrai se invii la comunicazione al comandante della Polizia Locale e per conoscenza alla Procura della Repubblica per conoscenza. Come potrai ben capire, ci sarà il rischio che la pratica venga seguita con un interesse e con dei risvolti prevedibili. Ovviamente la verifica dell'ufficio tecnico e della ASL sarà una conseguenza logica.
     
  7. giuscaf

    giuscaf Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    e poi ci sarebbe certamente il non allontanamento dall'immobile,nessuno si prenderebbe ad oras la responsabilità di metterli x strada.

    con i documenti sicuramente,ma praticamente rimarrebbero ancora per tanto tempo.
     
  8. Hug

    Hug Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E' da alcuni anni che i fornitori di acqua, luce e gas richiedono le coordinate catastali in sede di allaccio delle rispettive forniture. E' strano che abbiano proceduto gli allacci ad una unità immobiliare non abitativa.
     
  9. giuscaf

    giuscaf Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    è stata richiesta allacci per locale C/2 qual'è il prob.?

    anche i box auto hanno acqua e luce
     
  10. Hug

    Hug Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se sussistono motivi di sicurezza qualcuno si dovrebbe muovere.
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se il locale non è agibile credo proprio che dovranno sloggiare in tempi ristretti.
     
  12. giuscaf

    giuscaf Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    per esperienza,non credo proprio,specialmente se non hanno alternative e non hanno niente da perdere, basta qualche anziano con loro,un disabile, qualche certificato..... ,ci vuole tempo ,anticipo di soldi e MOLTA perseveranza.
     
  13. Hug

    Hug Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Queste presenze dovrebbero essere elementi aggravanti, elementi che rendono lo sgombero più opportuno.
     
  14. giuscaf

    giuscaf Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    (risp. ad HUG) Ok, HAI ragione ,la persona interessata proceda pure, gli faccio tanti auguri di buona riuscita della situazione.
     
  15. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non ho esperienze al riguardo, ma temo tu abbia ragione.

    Del resto i parametri di legge sulla agibilità sono stabiliti a tavolino: ed in zone montane non sono stringenti.
    Come non sono obbligatori per vecchie abitazioni: e nessuno ha mai pensato di sloggiare certi nostri montanari che risiedono ancora in baite con soffitti ad altezza 2,30 m e finestrelle microscopiche.
    Anzi: ad es la Val d'Aosta impone che le ristrutturazioni di edifici tradizionali rispettino i vecchi canoni.
     
  16. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    certamente.
    Questo fatto me ne fa venire in mente un altro datato circa 50 anni fa quando con un gruppo di amici avevamo fondato un gruppo escursionistico speleologico. Avevamo preso in affitto un seminterrato dove noi tenevamo le nostre attrezzature per andare in grotta e in montagna (corde, scalette in alluminio, carburo ecc... ecc...) tuttavia dopo cena ci si trovava tra di noi (il locale era anche arredato con sedie, tavoli e poltrone dismesse da casa nostra) avevamo anche un vecchio frigo dove mettere vino e birra. Si tirava mezzanotte e dintorni parlando e programmando le uscite della settimana successiva oppure disegnando le planimetrie delle grotte rilevate la domenica precedente.
    Sullo stesso piano seminterrato c'era una rilegatoria il cui proprietario, divorziato e senza parenti, aveva adattato un angolo del locale mettendoci un letto per dormire. Il paradosso era che mentre l'attività era regolarmente registrata (almeno così mi pareva) il soggetto non aveva la carta di identità perché il comune non gli aveva concesso la residenza in quel posto in quanto il locale pur avendo l'altezza (3,80 m), grandi finestre a livello strada e grandi volumetrie non aveva l'abitabilità. Mi risulta che il soggetto, allora settantenne, sia andato avanti così per circa 10 anni dalla mia conoscenza, poi sentitosi male fu ricoverato in ospedale dove nel giro di una decina di giorni, morì.
     
  17. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    ma in comune dove hanno la risidenza
     
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    In certe località montane le baite hanno dei parametri differenti: altezze utili e rapporto aero-illuminante e superficie vano inferiore ai mq 9.
     
  19. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se ricordo alcune precisazioni di nemesis, il Comune aveva pure commesso un abuso: la residenza non la si chiede e concede. La si dichiara....
    ... compreso il caso di residenza sotto i ponti.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  20. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Appunto: ecco perchè dico che i parametri standard sono stabiliti a tavolino, e non hanno un rapporto diretto con la salubrità: che si viva meglio a palazzo reale non lo dubita nessuno, ma misurare l'aria e la luce interni, come se uno vivesse solo sempre chiuso in casa, è abbastanza discutibile.
    Buttare in mezzo alla strada chi non si può permette di meglio non è la alternativa migliore.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina