• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

GfM44

Membro Junior
#1
Buongiorno, vorrei sottoporre alla vostra attenzione il mio problema sperando che nella discussione qualcuno mi possa aiutare: nel 1980 acquistammo con un parente un terreno su una lottizzazione, comproprietà 50% a lui e l'altro 50% a me e mia moglie in comunione dei beni. La proprietà è indivisa ma di fatto dall'acquisto ad oggi lui, deceduto ne 2106, ne ha utilizzato una parte costruendovi dei manufatti e noi l'altra parte facendo due tettoie per coprire una roulotte e un piccolo prefabbricato da cantiere. Per i nostri manufatti nel 1994 chiedemmo il condono (pratica ancora non definita) pagando tutte le oblazione previste.
Nel 2012 L'Agenzia delle entrate ha accatastato d'ufficio uno dei manufatti costruiti dal nostro parente (una grande tettoia) e successivamente alla sua morte ha inviato a me e mia moglie la richiesta di pagamento della sanzione per quell'abuso. Sanzione da noi immediatamente pagata. Nessun avviso all'erede del nostro parente. Qualche mese fa abbiamo fatto demolire quella tettoia a nostre spese e abbiamo fatto demolire anche manufatti costruiti nella "nostra" metà per i quali avevamo chiesto il condono, chiedendo anche all'erede proprietario del 50%, che è sempre stato a conoscenza dell'abuso, di demolire i manufatti restanti costruiti a suo tempo dal nostro parente, senza avere risposta positiva. Durante questi giorni mia moglie ed io abbiamo ricevuto un invito a comparire dai Carabinieri Forestale per spiegare la presenza di quei manufatti, nella lettera di convocazione viene invitata, in modo informale e non in indirizzo, anche la persona che ha ereditato. Che significa? Abbiamo speso molti soldi nel tempo sia per la richiesta di condono che per le successive opere di demolizione e di ripristino della situazione, non è possibile che l'erede non venga coinvolto dagli uffici competenti sia per sanare che per eventualmente demolire. Dobbiamo continuare a provvede noi? Mi sembra ingiusto e immorale!
Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
#2
Posto che eravate pure voi parenti del defunto...è stata fatta la "successione" ?

Comunque, se il terreno era in comproprietà indivisa non rileva chi avesse costruito cosa...agli enti preposti equivale come anche le costruzioni fossero di tutti (in comunione).

Chi avesse sostenuto pagamenti (es. sanzione) potrà rivalersi sugli altri.
 

basty

Membro Storico
#3
non rileva chi avesse costruito cosa...agli enti preposti equivale come anche le costruzioni fossero di tutti (in comunione).
Va bene, ma perchè allora questa disparità di trattamento?
nella lettera di convocazione viene invitata, in modo informale e non in indirizzo, anche la persona che ha ereditato.
... a qualcuno pare piaccia il gioco facile ...
 

GfM44

Membro Junior
#4
Grazie Dimarez,
la successione è stata fatta da oltre un anno e il diritto spettava ad una sola erede. Non mettiamo in discussione tale diritto, riteniamo però che l'erede debba assumere degli obblighi, per la parte di proprietà, per quanto riguarda situazioni derivanti da abusi edilizi esistenti in terreni ereditati e di cui noi siamo solo comproprietari.
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Membro Storico
#5
Agli "impiegati" degli uffici preposti non interessano i rapporti fra i comproprietari e se e come "pareggino" le questioni finanziarie fra di loro.

Figurati che non interessa loro nemmeno quando il rapporto è venditore/compratore...se chi compete il pagamento delle tasse non assolve si rifanno sulla controparte.

Tocc poi al "danneggiato" rifarsi su chi competev tutta o parte della "spesa".
 
#6
se è intervenuta la forestale avete fatto un abuso in una zona soggetta a vincoli paesagistici ambientali (Parchi) abusi non sanabili per cui avete perso le somme versate per il condono.
non è possibile che l'erede non venga coinvolto dagli uffici competenti sia per sanare che per eventualmente demolire. Dobbiamo continuare a provvede noi?
prova a parlare con l'erede del 50% se non risponde dovrai portarla in tribunale.
 

Gianco

Membro Storico
#7
se è intervenuta la forestale avete fatto un abuso in una zona soggetta a vincoli paesagistici ambientali (Parchi) abusi non sanabili per cui avete perso le somme versate per il condono.
Non è detto visto che il corpo forestale vigila su tutto il territorio per combattere tutti i reati di natura ambientale ed edilizia, ovviamente perseguiti se non autorizzati.
 

Gianco

Membro Storico
#8
Durante questi giorni mia moglie ed io abbiamo ricevuto un invito a comparire dai Carabinieri Forestale per spiegare la presenza di quei manufatti, nella lettera di convocazione viene invitata, in modo informale e non in indirizzo, anche la persona che ha ereditato.
Potrebbe essere che sia stata presentata la dichiarazione di successione, ma non la sua domanda di voltura in catasto.
 

Gianco

Membro Storico
#10
Da noi c'è una squadra per la sorveglianza edilizia composta da un vigile e da un geometra, che fanno gli accertamenti dopo che arriva la segnalazione dei barracelli (vigilanza agraria comunale).
 
#11
da noi la Forestale esce solo per controllare le aree soggette a vincolo paesagistico ambientale per esempio Parco di Vejo, Parco urbano dell'insugherata, Parco dell'appia antica ecc... ecc... .
 

Gianco

Membro Storico
#12
I nostri forestali sono molto più efficienti. Si guadagnano lo stipendio. I cantonieri dell'ANAS addirittura, divenuti pubblici ufficiali, fanno i posti di blocco o perlomeno li ho visti farlo, tempo fa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto