1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. melisia deagostino

    melisia deagostino Nuovo Iscritto

    buongiorno,
    avrei un delicato quesito da porvi.
    Il mio nucleo è formato da mia madre, insegnante prossima al pensionamento residente in fabbricato rurale, e da me e il mio fidanzato, residenti in abitazione accatastata civile di proprietà della mamma, in campagna vicina alla suddetta cascina.
    Recentemente è venuto a mancare mio padre, i cui eredi siamo solo io e mia madre.
    La cascina è interamente rurale, poichè mio padre era coltivatore diretto, risicoltore.
    Ed ora coltivatore diretto sono io.
    Riguardo alla casa ci è stato detto dal commercialista che: poichè la cascina è stata ereditata da mia mamma, che ne ha la residenza ed è insegnante, dovremmo procedere con l'accatastamento totale delle stanze percui al passaggio dell'abitazione (esclusi magazzini, capannoni e poricati) al catasto civile.
    Come interesse futuro si pensava tuttavia di voler invertire i domicili e residenze, cioè io presso l'abitazione in azienda e mia mamma nella casa civile dove ho residenza io.
    Spero che fin qui sia tutto chiaro.
    Se noi spostassimo ora le residenze, la casa rimarrebbe rurale, poichè occupata da me, coltivatrice diretta?
    Grazie mille
    Melisia Deagostino
     
  2. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    La soluzione da Lei auspicata si verifica se vengono mantenute le condizioni di ruralità secondo i presupposti di cui all' Art. 9 D.L. 30/12/1993 n. 557 come modificato da ultimo dalla Legge 29 novembre 2007, n. 222 . A parere di chi scrive per una serie di considerazioni che sarebbe troppo lungo esporre la condizione ottimale sarebbe contarre con la mamma un contratto di affitto agrario (vedi punto 2)

    omissis
    .
    3. Ai fini del riconoscimento della ruralita' degli immobili agli effetti fiscali, i fabbricati o porzioni di fabbricati destinati ad edilizia abitativa devono soddisfare le seguenti condizioni:
    a) il fabbricato deve essere utilizzato quale abitazione:
    1) dal soggetto titolare del diritto di proprieta' o di altro diritto reale sul terreno per esigenze connesse all'attivita' agricola svolta;
    2) dall'affittuario del terreno stesso o dal soggetto che con altro titolo idoneo conduce il terreno a cui l'immobile e' asservito;
    3) dai familiari conviventi a carico dei soggetti di cui ai numeri 1) e 2) risultanti dalle certificazioni anagrafiche; da coadiuvanti iscritti come tali a fini previdenziali;
    4) da soggetti titolari di trattamenti pensionistici corrisposti a seguito di attivita' svolta in agricoltura;
    5) da uno dei soci o amministratori delle societa' agricole di cui all'articolo 2 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99, aventi la qualifica di imprenditore agricolo professionale;
    a-bis) i soggetti di cui ai numeri 1), 2) e 5) della lettera a) del presente comma devono rivestire la qualifica di imprenditore agricolo ed essere iscritti nel registro delle imprese di cui all'articolo 8 della legge 29 dicembre 1993, n. 580;
    b) (lettera abrogata);
    c) il terreno cui il fabbricato e' asservito deve avere superficie non inferiore a 10.000 metri quadrati ed essere censito al catasto terreni con attribuzione di reddito agrario. Qualora sul terreno siano praticate colture specializzate in serra o la funghicoltura o altra coltura intensiva, ovvero il terreno e' ubicato in comune considerato montano ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 31 gennaio 1994, n. 97, il suddetto limite viene ridotto a 3.000 metri quadrati;
    d) il volume di affari derivante da attivita' agricole del soggetto che conduce il fondo deve risultare superiore alla meta' del suo reddito complessivo, determinato senza far confluire in esso i trattamenti pensionistici corrisposti a seguito di attivita' svolta in agricoltura. Se il terreno e' ubicato in comune considerato montano ai sensi della citata legge n. 97 del 1994, il volume di affari derivante da attivita' agricole del soggetto che conduce il fondo deve risultare superiore ad un quarto del suo reddito complessivo, determinato secondo la disposizione del periodo precedente. Il volume d'affari dei soggetti che non presentano la dichiarazione ai fini dell'IVA si presume pari al limite massimo previsto per l'esonero dall'articolo 34 del decreto del Presidente della Repubblica 26
    ottobre 1972, n. 633;
    e) i fabbricati ad uso abitativo, che hanno le caratteristiche delle unita' immobiliari urbane appartenenti alle categorie A/1 ed A/8, ovvero le caratteristiche di lusso previste dal decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 agosto 1969, adottato in attuazione dell'articolo 13 della legge 2 luglio 1949, n. 408, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27 agosto 1969, non possono comunque essere riconosciuti rurali.
    3-bis. Ai fini fiscali deve riconoscersi carattere di ruralita' alle costruzioni strumentali necessarie allo svolgimento dell'attivita' agricola di cui all'articolo 2135 del codice civile e in particolare destinate:
    a) alla protezione delle piante;
    b) alla conservazione dei prodotti agricoli;
    c) alla custodia delle macchine agricole, degli attrezzi e delle scorte
    occorrenti per la coltivazione e l'allevamento;
    d) all'allevamento e al ricovero degli animali;
    e) all'agriturismo;
    f) ad abitazione dei dipendenti esercenti attivita' agricole nell'azienda a tempo indeterminato o a tempo determinato per un numero annuo di giornate lavorative superiore a cento, assunti in conformita' alla normativa vigente in materia di collocamento;
    g) alle persone addette all'attivita' di alpeggio in zona di montagna;
    h) ad uso di ufficio dell'azienda agricola;
    i) alla manipolazione, trasformazione, conservazione, valorizzazione o commercializzazione dei prodotti agricoli, anche se effettuate da cooperative e loro consorzi di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228;
    l) all'esercizio dell'attivita' agricola in maso chiuso.
    3-ter. Le porzioni di immobili di cui al comma 3-bis, destinate ad abitazione, sono censite in catasto, autonomamente, in una delle categorie del gruppo A.
    4. Fermi restando i requisiti previsti dal comma 3, si considera rurale anche il fabbricato che non insiste sui terreni cui l'immobile e' asservito, purche' entrambi risultino ubicati nello stesso comune o in comuni confinanti.
    5. Nel caso in cui l'unita' immobiliare sia utilizzata congiuntamente da piu' proprietari o titolari di altri diritti reali, da piu' affittuari, ovvero da piu' soggetti che conducono il fondo sulla base di un titolo idoneo, i requisiti devono sussistere in capo ad almeno uno di tali soggetti. Qualora sul terreno sul quale e' svolta l'attivita' agricola insistano piu' unita' immobiliari ad uso abitativo, i requisiti di ruralita' devono essere soddisfatti distintamente. Nel caso di utilizzo di piu' unita' ad uso abitativo, da parte di componenti lo stesso nucleo familiare, il riconoscimento di ruralita' dei medesimi e' subordinato, oltre che all'esistenza dei requisiti indicati nel comma 3, anche al limite
    massimo di cinque vani catastali o, comunque, di 80 metri quadrati per un abitante e di un vano catastale, o, comunque, di 20 metri quadrati per ogni altro abitante oltre il primo. La consistenza catastale e' definita in base ai criteri vigenti per il catasto dei fabbricati.
    6. Non si considerano produttive di reddito di fabbricati le costruzioni non utilizzate, purche' risultino soddisfatte le condizioni previste dal comma 3, lettere a), c), d) ed e). Lo stato di non utilizzo deve essere comprovato da apposita autocertificazione con firma autenticata, attestante l'assenza di allacciamento alle reti dei servizi pubblici dell'energia elettrica, dell'acqua e del gas.
    7. I contratti di cui alla lettera b) del comma 3, gia' in atto alla data di entrata in vigore del presente decreto, sono registrati entro il 30 aprile 1994. Tale registrazione e' esente dall'imposta di registro.
    .... omissis .....


    Per ulteriori approfondimenti:

    1.D.P.R. 23/03/1998 n. 139.
    2.D.legislativo 24 marzo 2004 n. 99.
    3.Circolare 50/E del 21/03/2000 del Ministero delle Finanze.
    4.Circolare 6/E del 06 febbraio 2007 dell'Agenzia delle Entrate.
    5. Circolare 7/2007 del 15/06/2007 dell'Agenzia del Territorio.
    5.Guida fiscale per il settore agricolo dell'Agenzia delle Entrate (Agenzia delle Entrate (home)).
    6.Studio n. 152-2006 T del Consiglio Nazionale del Notariato.
     
    A oigiano piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina