• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Laura.L

Membro Junior
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti. Vi espongo il mio quesito: mio padre è proprietario di una villetta classificata A3 composta da 2 appartamenti. In un appartamento abita lui e nell'altro io con regolare contratto registrato di usufrutto.
Stiamo valutando l'installazione di pannelli fotovoltaici per servire entrambe le utenze; i contatori sono separati ma il tecnico ci ha detto che è possibile sospendere un contatore e collegare all'altro l'impianto per entrambi gli appartamenti.
Secondo la stima dei consumi attuali basterebbe un impianto da 4,8 kwp, riflettendo però su un aumento futuro dei consumi pensavamo di installare direttamente 6 kwp.
Non mi è chiara però la questione sull'accatastamento, prima di incaricare un geometra per i calcoli dettagliati vorrei capire se c'è una formula di calcolo anche approssimativa, per farmi un'idea dell'eventualità o meno di un'aumento della rendita catastale.
Inoltre vorrei capire se devo considerare la rendita di entrambi gli appartamenti (pertinenze incluse o escluse) o solo quella dell'appartamento a cui è collegato il contatore attivo. Ho letto varie cose in rete ma mi sto confondendo sempre più le idee...
Sottolineo che l'utilizzo dei pannelli è esclusivamente per uso domestico, non c'è fornitura a terzi (a parte gse x scambio sul posto)

Grazie e buona domenica
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se l'impianto produce fino a 3 kw/abitazione non pone problemi.
Valore impianto, V x 0,75 x 0,50 (coefficienti fabbricati D) x 0,02 (tasso di fruttuosità per un fabbricato industriale) =< del 15% rendita appartamento
oppure valore standard di €/kw 1.200 x 0,02 (tasso di fruttuosità) =< 15% rendita dell'immobile.
Nel caso dovesse superare il 15% l'impianto dovrà essere accatastato in categoria D1. E sono dolori!
 

Laura.L

Membro Junior
Proprietario Casa
Buongiorno Gianco, grazie per la risposta. Quindi se ho capito bene: l'impianto da 6 kw costa chiavi in mano 12.000€ e il valore catastale dell'appartamento a cui è collegato l'impianto è 94.364€ (rendita 858 riv. 5%).
94.364 x 15% = 14.154
94.364 x 6 x 0,02 = 11.323 <15%
oppure
858 x 15% = 129
1.200 x 6 x 0,02 = 144 >15%

Scusami ma ancora non mi è chiaro, nel primo caso sono sotto al 15% ma nel secondo sono sopra.
Sto facendo confusione rispetto ai valori da utilizzare?
Inoltre, siccome l'impianto servirà 2 appartamenti, devo sommare le rendite (comprese quelle delle pertinenze) oppure devo considerare solo quello a cui è collegato l'impianto?
Grazie!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Ciao amici, pongo questo quesito:.
Siccome n° 5 condomini su un totale di 8, sono favorevoli che rappresentano 625 millesimi della scala, alla sostituzione del portoncino d'ingresso scala, quindi basta questa maggioranza o il consenso deve essere unanime? Spero di avere risposte a questo quesito al più presto.
Ciao Sammarco M.
Alto