1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ho appena ricevuto dal Comune di Milano una comunicazione di accertamento nella quale mi si contesta un insufficiente versamento dell'ICI per l'anno 2009.
    A parte le considerazioni nel merito per la richiesta di pagamento, la contestazione non doveva essere effettuata entro i 5 anni successivi all'anno di imposta, ossia entro il 31/12/2014?
    Faccio notare che la comunicazione e' datata 15/12/2014, risulta accettata da Poste Italiane il 05/01/2015 (come risulta dalla ricerca effettuata sul sito di Poste Italiane in base al numero della Raccomandata) ed e' stata a me recapitata il 10/01/2015.
    Qualcuno dei forumisti ha esperienza di casi simili? Posso evitare di pagare? Che cosa mi consigliate di fare?
    Grazie in anticipo a tutti.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì, ex art. 1, comma 161 della legge n. 296/2006 (legge finanziaria 2007).
    Sì, dato che il plico è stato consegnato a Poste Italiane in data successiva al 31/12/2014.
    Presentare istanza per l'annullamento in autotutela al Comune di Milano:
    https://www.comune.milano.it/portal...ISHED&categ=IT_CAT_Bisogni_12_01&type=content
     
    A Gianco piace questo elemento.
  3. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ringrazio Nemesis per le risposte ed il suggerimento.
    Ciò che temo è che non abbia validità legale la data riportata sulla pagina del sito delle Poste che traccia l'iter delle Raccomandate; d'altro canto io non ho la copia della cartolina di ritorno firmata al postino, sulla quale doveva essere indicata la data di accettazione del plico.
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non c'è il timbro dell'ufficio postale con la data di accettazione sulla busta?
     
  5. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    No, la busta e' completamente bianca e da una finestrella trasparente appare il numero di Raccomandata stampato su un foglio interno separato che riporta pure l'indirizzo. Il collegamento con il resto del documento e' dato da una numerazione progressiva a caratteri minuscoli a fondo pagina.
     
  6. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Preciso meglio: la busta ha l'intestazione di Posteitaliane e l'indicazione "raccomandata A.R." sopra alla relativa finestrella. Nessun timbro o scritta a mano.
     
  7. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Vedi la data della notifica della comunicazione (data in cui hai ritirato la raccomandata, a casa o all'ufficio postale), se la data è il 15/1/2015 per l'anno tributario 2009 dovrebbe essere intervenuta la prescrizione, che il Comune non è tenuto ad applicare d'ufficio.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quella data è irrilevante per stabilire se la notificazione sia perfezionata nei confronti del comune. Ha rilievo solo per stabilire quando decorre (per il destinatario) il termine per ricorrere alla commissione tributaria provinciale.
    Se il comune avesse consegnato il plico all'ufficio postale entro il 31/12/2014, la notifica sarebbe valida, indipendentemente da quando il destinatario lo riceva.
    Staremmo vivendo nel futuro.
    Che cosa significherebbe?
     
  9. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Chiarisco meglio: non ho ricevuto una notifica, ma solo una Raccomandata AR, consegnatami dal postino come se fosse un pacchetto. Dopo aver firmato la cartolina di ritorno, non mi e' rimasto altro che il plico con il numero della Raccomandata.
    Presumo che l'invio sia un servizio di PosteItaliane per i grandi clienti perchè la busta ha l'intestazione di PosteItaliane e le finestrelle per mostrare il mittente, il destinatario e il numero di Raccomandata stampati su un singolo foglio contenuto all'interno.
    Ho seguito il consiglio di Nemesis (grazie ancora!), ho compilato il modulo con l'istanza di annullamento in autotutela e l'ho inviato via PEC con i dovuti allegati al Comune ed anche all'Associazione AltroConsumo. Ora mi metto in attesa: se entro 60 giorni non succede nulla andro' di persona a chiedere spiegazioni all'Ufficio Tributi.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    È meglio che ti accerti dell'avvenuto annullamento in autotutela ben prima di quel termine. L'istanza di annullamento in autotutela non sospende i termini per presentare il ricorso alla Commissione tributaria provinciale.
     
  11. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Sì, certamente, so che non bisogna fidarsi. Nel caso che non venga annullata subito valuterò eventualmente cosa fare.
    Quasi quasi non mi dispiacerebbe di essere uno tra tanti in questa situazione perchè in tal caso la questione avrebbe eco sui giornali e maggiori possibilità di essere risolta favorevolmente.
    Sembra quasi che il Comune abbia deciso all'ultimo momento di fare cassa con vecchi errori di calcolo ed integrazioni, cadendo clamorosamente in un ritardo dovuto alle Poste.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non è un eventuale ritardo di Poste Italiane che causa la "caduta". Ma il ritardo del comune stesso a consegnare l'atto all'ufficio postale.
     
  13. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Bene, la data della notifica è la data in cui il postino ti ha consegnato la raccomandata, facendoti firmare, ossia il 10/1/2015. Se ad esempio si fosse trattato di una contravvenzione (violazione del CdS), quella data sarebbe stata il riferimento per i 5 e per i 60 giorni del pagamento.
     
  14. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Non mi sono spiegato bene: la mia ipotesi e' che il Comune abbia consegnato in tempo un blocco di avvisi (datati 15/12/2014) alle Poste usufruendo del servizio di imbustamento e spedizione, e che poi le Poste abbiano tardato ad inoltrarli. La busta ha l'intestazione delle Poste, e non del Comune (vedi allegato).
     

    Files Allegati:

  15. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Secondo me per valutare la prescrizione vale la data della notifica al contribuente, non quella della consegna del Comune alle poste.
     
  16. ilpa1949

    ilpa1949 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Va bene, ma ai fini della prescrizione si considera la data di accettazione dell'avviso di accertamento da parte della Posta (data di invio), e non la data di consegna del plico al destinatario.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  17. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    ...mi chiedo se non sia possibile richiedere ufficialmente una certificazione di "tracciamento" a Poste Italiane (nel frattempo, tanto per dimostrare la fiducia che si ripone in questa S.p.A. di Governo, sarebbe anche opportuno stampare una "videata" del <dove e quando> di Poste Italiane da cui risulti la data di accettazione del plico, magari facendola firmare da 2-3 testimoni...)
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Peccato che tu abbia torto.
     
  19. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Intervengo con un esempio, sia pure contraddittorio. Se il 31 del mese di FradJACOno mi scade
    un pagamento dove il ritardo fosse sanzionato con una pesantissima
    penale e la banca che mi ha quietanzato il pagamento per un suo disguido interno non inoltra in tempo utile l'accreditamento, anzi lo smarrisce completamente per cui il creditore inizia la pratica legale per il recupero e il risarcimento danni, ivi compresa la penale prevista...ebbene io debitore, una volta chiarito di non essere responsabile del disguido, sarò assolto con tante scuse... Ritornando al post: se il comune ha consegnato in tempo utile, anche dimostrandolo, e nel caso entro il 31 dicembre l'avviso debitorio singolo o collettivo che fosse, non vi potrà essere prescrizione come ben ha evidenziato Nemesis. La pretesa di controllare i Tempi così indicati può essere controproducente e dannosa...Mentre onestà imporrebbe il controllo nella sostanza...e cioè:
    Se l'ho pagata, non la pago ( a me è accaduto dal comune di OULX per la prima rata di giugno 2007 notificatami allo scadere del 2011)...Se non
    l'ho pagata, la pago...Schiaffeggiando in tal modo il concetto così caro ai professionisti che la forma è e diventa sostanza...Quiproquo.
     
  20. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Puoi indicare quale è la norma che io ignoro? Grazie.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina