1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. oculista

    oculista Membro Attivo

    Buongiorno,
    circa 1 mese fa mi è arrivato (e pochi giorni fa è arrivato anche alle mie sorelle) un accertamento ICI per il 2010 ed uno al 2011 relativo alle quote di immobili ereditati da mio padre a fine 2009 di cui siamo comproprietari io, le mie sorelle e mia mamma. Vengono richiesti dal comune a me e alle mie sorelle circa 1000 Euro per anno. Nulla è richiesto a mia mamma (vedere dopo).

    Nel testamento di mio babbo (pubblicato) era scritto che mia mamma sarebbe stata usufruttuaria di tutti gli immobili ereditati da mio padre. Il geometra che ha seguito la pratica testamentaria "dovrebbe" aver fatto tutta la procedura (prima notarile poi credo con agenzia entrate) per fare in modo che mia mamma risultasse usufruttuaria di tutto.
    E sapendo che tutto era stato fatto la mia mamma ha pagato da sempre l'ICI per tutti con un unico F24 (2 volte anno) a Suo nome. Quindi con un unico F24 è stato pagato ICI relativo a tutte le quote mie, delle mie sorelle e di mia mamma.

    Oggetto dell'accertamento è il fatto che al comune risulta effettivamente il pagamento di mia mamma (ho tutte le ricevute), ma non il nostro (mio e delle mie sorelle). In sostanza al comune non risulta che mia madre sia usufruttuaria ma risulta che ognuno ha la sua quota e che quindi (così penso io) i pagamenti andavano suddivisi in un F24 per ciascun membro della famiglia.

    Naturalmente è arrivato da pagare a noi, ma non è che è arrivata una lettera di rimborso a mamma perchè ha pagato anche per noi!!!

    Il geometra ormai scappa dalle mie telefonate e da quelle di mia mamma. Fino a qualche giorno fa diceva che era tutto a posto, che doveva prendere dei foglio dal notaio, ecc... Il notaio a cui ho telefonato (ora cerco di prendere un appuntamento) ha detto che lui ha pubblicato solo il testamento (il geometra invece dice che oltre alla pubblicazione del testamento è stata fatta la procedura x l'usufrutto). Il commercialista di mia mamma dice che lui l'ICI la calcola sulla base di quello che faceva il precedente amico di mio babbo che faceva i calcoli di ICI e IRPEF e che non ha alcun foglio dell'usufrutto (e nonostante ciò fa un unico F24 in cui paga tutto mia mamma)...

    Dopo la premessa ecco le domande:

    1) C'è il modo di sapere ufficialmente se mia mamma è usufruttuaria e noi abbiamo solo la nuda proprietà? Io ho scaricato più volte dal sito dell'agenzia delle entrate i dati catastali delle mie proprietà e figuro da tutte le parti come proprietario di quote e non come "nudo" proprietario... Ma leggo su alcuni siti che i dati catastali dell'agenzia delle entrate non sono aggiornati... C'è la possibilità di vedere la situazione reale e attuale?

    2) Supponendo che questa pratica dell'usufrutto non sia mai stata fatta c'è la possibilità almeno in parte di sanare la situazione per tutti gli anni a partire dal 2010? In fondo è stato tutto pagato (lo so, considerazione semplicistica). Ma al limite almeno il rimborso a mia mamma lo farebbero visto che ha pagato x tutti?

    3) Io nel frattempo, visto che a giorni (il 25/09) mi scadono i termini dell'accertamento, se non trovo questo "documento" posso fare l'istanza per autotutela allegando gli F24 in cui evidenzio che mia mamma ha pagato per tutti? E poi fare la stessa cosa per le mie sorelle?

    Grazie

    Umberto
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Premesso che sarebbe meglio tu andassi direttamente all'ufficio tributi del tuo Comune a spiegare i fatti...non sarebbe servito fare usufrutto visto che come "coniuge superstite" tua madre aveva comunque diritto a mantenere la residenza come prima casa e sollevare gli altri eredi dal pagamento.

    Temo che il "professionista" che ha seguito la dichiarazione di successione ...sia poco professionale (capitato pure a me)...ma neppure il "commercialista" si rivela preciso e meticoloso nelle verifiche.

    La faccenda è ingarbugliata dagli anni trascorsi e dalle modifiche alle varie tasse.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Al coniuge è riservato il diritto di abitazione solo sulla casa adibita a residenza familiare e pertanto, limitatamente a quell'immobile, è il solo soggetto d'imposta.
     
  4. oculista

    oculista Membro Attivo

    Grazie per le risposte, ma il problema è relativo all'usufrutto su fondi commerciali e seconda casa. Mia mamma paga ICI per tutti noi in quanto il babbo aveva scritto nel testamento regolarmente pubblicato che Lei sarebbe stata usufruttuaria. E quindi il comune chiede a noi i soldi relativi alle nostre quote su questi immobili... Soldi che in realtà sono già stati pagati dalla mamma regolarmente in quanto, a quanto detto dal geometra, era stato tutto fatto regolarmente al momento della successione x fare in modo che la mamma fosse usufruttuaria di tutto, anche delle nostre quote relative a fondi e seconda casa....
     
  5. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Come faceva il Comune a conoscere il nome degli eredi?
     
  6. oculista

    oculista Membro Attivo

    Immagino che il comune ricavi i dati dal catasto. Anche io se vado sul sito Agenzia Entrate posso ricavare i dati catastali degli immobili di cui sono comproprietario con sorelle e mamma. Il problema è che, anche al catasto (perlomeno quando scarico da Agenzia Entrate) non figura che la mamma è usufruttuaria (da quel poco che ci capisco dovrebbe apparire che i figli sono hanno nuda proprietà delle loro quote). Quindi il comune vede che noi fratelli siamo comproprietari e giustamente ci chiede di pagare ICI arretrato senza tenere conto che però la mamma ha pagato ICI per tutti (in teoria come chiede i soldi a noi dovrebbe mandare rimborso alla mamma che ha pagato anche le nostre quote)...
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E quale sarebbe la differenza rispetto a quanto ho scritto?

    Il "limitatamente" era implicito visto che non puoi avere la residenza su svariati immobili!!!

    Quindi non sarebbe servito l'usufrutto su quello che era l'immobile di residenza...ma solo su eventuali altri.
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Esatto...ma la cosa si complica perchè alcune "parti" di tali tasse sono andate allo Stato.
    Per questione simile occorsami...hanno potuto "compensare" solo sull'ultimo anno...per il resto presenti domanda...aspetti e speri (senza farsi illusioni).
     
    Ultima modifica: 10 Settembre 2015
  9. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se l'ICI è stata pagata (dalla mamma) dovete fare quella che l'ADE chiama istanza di annullamento (il comune non so come la chiami). Insomma portate le ricevute di pagamento all'Ufficio Tributi e loro vi indicheranno come annullare l'avviso di liquidazione.
     
  10. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    se il tutolo di proprietà attuale (successione) riporta che la mamma ha l'usufrutto è questo che fa fede, il diritto è quello e la mamma ha pagato correttamente le imposte, l'intestazione catastale si può facilmente rettificare e per quanto riguarda il comune se si fa presente che la situazione catastale non è corretta in quanto differisce dalla reale situazione di proprietà, ritireranno le loro richiesta. Se il geometra ha fatto male il lavoro, troverete sicuramente un altro professionista in grado di sistemare
     
  11. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Prima di tutto occorre andare carte alla mano all'Ufficio tributi. Forse l'ufficio risolve facendo predisporre ai destinatari dell'avviso di accertamento una semplice istanza di annullamento in autotutela.
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    non l'ho scritto in modo esplicito ma era quello che intendevo anch'io, se la situazione di diritto è quella, su quella si pagano le tasse, cosa che avete fatto correttamente, il comune deve prenderne atto, il catasto si sietema
     
  13. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    1) Esiste un Testamento che si dice sia stato reso pubblico: quindi degli eredi certi ed un usufruttuario.
    2) Dovrebbe anche esserci stata Dichiarazione di Successione ai fini fiscali e @oculista (sua madre o gli altri fratelli) dovrebbe averne relativa copia
    3) Accertarsi cosa in essa sia stato riportato: questo è l'atto formale cui riferirsi ed eventualmente da eccepire al Comune ove fosse conforme alle dichiarazioni testamentarie.
    4) La Dich. di successione potrebbe essere erronea e/o inesistente e qui ci sarà da discutere alquanto con chi se ne prese l'onere (e fu adeguatamente retribuito per compilarla e presentarla) = sua responsabilità professionale = suo obbligo di risarcire il danno cagionato.
    5) Quanto al Comune, chiedere il rimborso di quanto versato (per quanto ancora nei termini) e pagare le sanzioni richieste.

    Per @oculista non vi sarà danno alcuno: risponderà di tutto l'assicurazione professionale del Geometra che curò l'incarico (o lo stesso personalmente in mancanza d'assicurazione)
     
  14. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Lo sarebbe nel caso non vi fosse altra norma che, ai fini fiscali, impone una corretta Dichiarazione di Successione (che sostituisce, in caso di successione, la Dichiarazione ICI)
     
  15. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ciò vuol dire che io non posso pagare le imposte di un altro anche se il codice tributo è corretto, giusto?
     
  16. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se manca la dichiarazione e/o è erronea al Comune risulterà sempre un debitore diverso; ergo: il pagamento fatto non potrà mai andare a buon fine.
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Probabilmente tutto il pasticcio è dovuto al fatto che la domanda di voltura presentata all'AdE della dichiarazione di successione è stata compilata in modo errato, ovvero potrebbe essere un errore dell'ufficio. Consiglierei di richiedere il certificato storico delle unità immobiliari e da li capirete se e dove esiste l'errore. Errore evidente perché il comune attinge i dati per le verifiche dagli archivi meccanografici dell'AdE.
     
  18. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Tutto possibile Gianco.
    come avevo su accennato a @oculista interesserà ben poco comprendere dove sia stato commesso l'errore; se oculista è in possesso di una regolare Dich. di Successione e nella stessa sono riportati correttamente i voleri testamentari, allora il problema nemmeno si porrà: lui potrà eccepire al Comune che, per sua parte, è tutto il regola; al Comune sbrogliare la matassa ed anullare quanto illegittimamente richiesto.
    Che sia il Comune a dimostrare il contrario.
     
  19. mandarino

    mandarino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Scusate intrusione in questo post.Sono nuovo del forum e vorrei evitare errori.
    Ho visto intervento di Gianco pochi minuti fà e chiedo cortesemente se può darmi un Suo illustre parere sul post che ho inoltrato circa al società francese.Grazie.Mi scuso ancora se non è la sezione adatta.
     
  20. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ollj, d'accordo con te. Però il comune attinge ai dati forniti dall'AdE, per cui sarà cura del contribuente rettificare l'eventuale errore e fornire le relative prove allegate all'istanza di rettifica dell'imposizione tributaria.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina