1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Dieci anni fa ho acquistato un appartamento, a scopo investimento, e contestualmente, con lo stesso rogito, ho acquistato anche un sottoscala, però catastalmente non direttamente collegato all’appartamento stesso. In questo sottoscala esiste un armadio tipo Telecom che l’ impresario mi aveva assicurato non utilizzato in quanto predisposto solo per i vecchio progetto Socrate poi abbandonato. Ingenuamente ho creduto all’impresario, anche perché, essendo l’armadio chiuso a chiave non potei verificare.

    Tutto è andato tranquillo fino ad ora quando l’amministratore mi ha chiesto di dare accesso al locale ad una delle tante società ( Valtellina per conto di ENEL OPEN FIBER) che si propongono per gli impianti fibra, per un sopraluogo.

    Sono cosciente che ingenuamente mi sono accollato una servitù, che mi è stata appioppata in modo truffaldino, e che quindi devo dare accesso al titolare degli impianti ( che è TELECOM). Quello che chiedo è se sono obbligato a dare accesso a tutte le varie altre compagnie che si presenteranno, per verificare la possibilità di proporre e quindi installare impianti fibra, oppure il mio obbligo è solo nei confronti di Telecom. Dato che io non abito nello stesso condominio, la continua disponibilità sarebbe pertanto fastidiosa.

    Grazie per quanti mi potranno ragguagliare in proposito.
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Sarebbe importante sapere se la servitù fosse già stata imposta. In tal caso potresti chiederne conto al venditore che ti ha omesso di trasferire il vincolo. Non capisco come possa esistere un armadio con i terminali degli impianti in una proprietà privata inaccessibile.
     
  3. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    La servitù si può presumere, penso, dalla solita nota sempre indicata in tutti i rogiti " la proprietà viene venduta con tutti i vincoli e le servitù esistenti...." senza specificare quali. Per approfondire, bisognerebbe vedere l'atto di costituzione del condominio, cosa forse possibile, ma certamente tortuosa. Per maggior chiarezza preciso che l'imprenditore che mi ha venduto l'immobile è quello che ha costruito il condominio nonchè padre dell'amministratore.....
    Approfondendo però le notizie riguardo la tecnologia Enel Open Fiber, mi sembra di avrei capito che la stessa sfrutta i condotti esistenti della corrente elettrica e non quelli dei cavi telefonici. Se quindi ho capito bene, l'allaccio dovrebbe essere ai contatori della corrente e non alle centraline telefoniche. Se così fosse, sarei salvo perchè nel mio sottoscale c'è solo l'armadio Telecom.
    Cosa ne pensate?
     
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    perché truffaldino? Il venditore ti ha detto che era un armadio di Telecom che non usava. Il fatto che Telecom non lo usasse non significava che l'armadio fosse rientrato nelle disponibilità del costruttore. Bisogna aspettare 20 anni di non utilizzo per far cessare la servitù. Tieni presente che se Telecom ha messo un armadio in una proprietà privata per pubblica utilità ci deve essere un accordo scritto tra l'allora proprietario del sottoscala e la telecom.
     
  5. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Ho usato il termine truffaldino, forse un po' forte, solo per indicare la non correttezza nel fornire l'informazione, in quanto l'armadio, già allora conteneva collegamenti telefonici e quindi operante.
    Mi sarebbe utile però conoscere se le mie supposizioni sul sistema di installazione di Open Fiber sono corrette, perchè in tal caso, cade tutto il problema. Grazie.
     
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Conosco Valtellina perché fino a 15 anni fa frequentavo la galassia della installazione delle fibre ottiche, ora essendo fuori dal giro non sono aggiornato. Ma il tentativo di far passare le fibre ottiche in condotti esistenti, visto il costo della installazione delle infrastrutture nell' ultimo miglio, erano già note allora. La lettura dei contatori elettrici è fatta su principi analoghi a quello di cui chiedi lumi: far passare il segnale del contatore lungo lo stesso cavo di alimentazione. Ma il principio potrebbe consistere nel trascinare fuori il vecchio cavo di rame telefonico o di qualsiasi servizio e introdurre a seguire il cavo a fibra ottica.
     
  7. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Aggiungo alla discussione una nuova domanda, forse a risposta scontata, ma la faccio ugualmente.
    Nel caso Enel Open Fiber faccia il suo sopralluogo, faccia il progetto, ottenga tutte le varie autorizzazioni (anche del condominio), voglia installare la scatola di derivazione nella stessa mia cantina dove c'è l'armadio Telecom, posso rifiutarmi, visto che si tratta di un servizio aggiuntivo, da parte di una società privata? Ritengo la cosa abbastanza improbabile in quanto nella mia cantina vi sono solo le canalizzazioni Telecom, non certo sfruttabili (anche per questioni di spazio), e inoltre di proprietà di un, per ora, loro concorrente. La cosa più logica sarebbe quindi posizionare la scatola di derivazione, che è abbastanza piccola, adiacente alla zona contatori. Ma non si sa mai......E inoltre si parla di tempi biblici, se non addirittura con esito fallimentare, come successo per il progetto Socrate, di cui ci troviamo in casa canalizzazioni vuote.
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    dimentichi che Telecon può affittare le proprie canalizzazioni vuote anche a concorrenti cosa che è avvenuta in passato.
     
  9. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Si ma qui non stiamo parlando di canalizzazioni occupate, almeno in parte. Poi consideriamo che il concorrente potrebbe essere altamente competitivo e spiazzare l'operatore attuale. E infatti, se non sbaglio, sono in corso trattative future di fusione.
    la questione principale è : dove è più conveniente istallare il ripartitore? Da quanto ho letto sembra vicino ai contatori, quindi speriamo.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    all'epoca della fase 2 del Progetto Socrate Telecom occupava tutto il sottosuolo cittadino disponibile posando fino 3 tritubi (ogni tubo diam 50 mm) oppure tre tubi in P.E. A. D. da 125 mm. Considera che un cavo contenente un centinaio di fibre multicanali avrà 5 mm di diametro. Quindi nello stesso tubo in coabitazione ci stanno diversi cavi che o sono già di proprietà Telecom perché installati al momento della posa oppure sono installati nella stessa infrastruttura dai concorrenti di Telecom.
     
  11. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Ringrazio per tutte le risposte extratecniche, che però, per mia ignoranza in materia, non mi aiutano a capire. La mia domanda era più terra terra e di tipo.....amministrativo, ovvero: possono obbligarmi (amministrazione) a concedere la mia cantina per l'installazione di un nuovo armadio ripartitore (ROE o PTE), ed accollarmi così una nuova servitù?
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il Condominio non può deliberare sulla tua proprietà ancorché gravata da servitù in favore di Telecom: solo Telecom può usare l'armadio per i suoi scopi.
     
  13. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Perfetto, come pensavo. Grazie di tutto.
     
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    A mio parere sarebbe importante leggere la documentazione relativa all'imposizione iniziale e e se la Telecom avrebbe potuto ampliare il vincolo.
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    concordo pienamente magari il nostro amico può chiedere qualche soldo agli operatori della telefonia. Se Telecom paga un canone per mantenere l'armadio in funzione nel sottoscala questi soldi adesso dovrebbero arrivare a @ensiro in alternativa il costruttore può aver venduto il sottoscala tenendosi lo spazio occupato dall'armadio telecom.
     
  16. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Non penso che il gioco valga la candela per una cantina di 2 mq !! Penso che la soluzione che adotterò sarà quella di un categorico rifiuto.
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Comunque, è necessario che ti chiarisca quali siano i tuoi ed i loro diritti e doveri. Giusto per saperlo e poterti tutelare nei loro confronti e di quelli del condominio.
     
  18. ensiro

    ensiro Membro Attivo

    Giusto e ti ringrazio per l'aiuto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi