• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Salve, vorrei sapere se chi riceve un risarcimento dall'assicurazione come erede di un danneggiato, può chiedere l'accesso agli atti per conoscere tutte le quietanze di liquidazione che l'assicurazione ha fatto.
Ho letto :
'Il diritto di accesso è limitato e può essere esercitato unicamente con riferimento alle parti del documento contenenti notizie o informazioni relative alla parte istante, mentre è escluso l’accesso a quelle parti del documento contenenti notizie o informazioni relative a terzi, salvo che la loro conoscenza non sia necessaria per difendere interessi giuridici del richiedente.
Non ho ben capito cosa si intenda per terzi,ed un erede di un danneggiato di un sinistro può anche accedere a tutte le liquidazioni degli altri eredi del danneggiato? o c'è un discorso di privacy? Grazie
 

Fift@

Membro Ordinario
Professionista
Solo l'intestatario dell'assicurazione, in mancanza solo in caso di richiesta di atti per un processo per esempio. Tu non essendo intestatario non puoi accedere alle informazioni che richiedi anche se erede. Consulta eventualmente un legale ma la vedo dura
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ma se subentri nel processo in qualità di erede, allegando un'autocertificazione, puoi richiedere la documentazione necessaria alla vertenza.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
vorrei sapere se chi riceve un risarcimento dall'assicurazione come erede di un danneggiato, può chiedere l'accesso agli atti per conoscere tutte le quietanze di liquidazione che l'assicurazione ha fatto
l'avvocato che difendeva il de cuius dovrebbe avere la sentenza o la copia dell'accordo extragiudiziale, dovrebbe essere lui,che è in possesso di tali documenti, a girarteli.
Se il risarcimento riguarda una serie di condòmini la pratica dovrebbe averla anche l'amministratore del condominio perché il risarcimento viene dato al condominio con specificato gli importi destinati ai condòmini danneggiati.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Vi ringrazio, la situazione è un po piu ingarbugliata. Alcuni eredi del de cuius seguiti da un avvocato hanno chiesto un risarcimento, in sede stragiudiziale, mentre l'altro erede a parte chiede anche lui il risarcimento con un altro avvocato, quindi le richieste sono separate. Entrambi con avvocati diversi in tempi diversi chiedono il risarcimento per lo stesso fatto. Ora i primi eredi possono chiedere l'accesso agli atti e conoscere le liquidazioni del secondo erede o viceversa (tramite avvocato), premesso che non ci sia stato un processo giudiziale? Insomma un erede, ha un mezzo per conoscere le quietanze totali dell'assicurazione che ha risarcito, pur non avendo fatto la richiesta di risarcimento assieme a quegli eredi?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Ora i primi eredi possono chiedere l'accesso agli atti e conoscere le liquidazioni del secondo erede o viceversa (tramite avvocato), premesso che non ci sia stato un processo giudiziale?
Direi proprio di no: si tratta di accordi extragiudiziali privati dove due gruppi hanno trattato per lo stesso danno subito ed ottenuto/accettato, ciascheduno, il risarcimento che era più conveniente per loro.
Trovo strano però il fatto che se il danno era unico come mai la assicurazione abbia trattato lo stesso danno con due gruppi di danneggiati differenti. Insomma la assicurazione avrebbe dovuto riunire la controparte e fare una offerta globale del danno gli eredi avrebbero dovuto suddividersi l'indennizzo proporzionalmente alle loro quote di eredità.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ora i primi eredi possono chiedere l'accesso agli atti e conoscere le liquidazioni del secondo erede o viceversa (tramite avvocato), premesso che non ci sia stato un processo giudiziale? Insomma un erede, ha un mezzo per conoscere le quietanze totali dell'assicurazione che ha risarcito, pur non avendo fatto la richiesta di risarcimento assieme a quegli eredi?
La richiesta di accesso agli atti è accettata se:
- è un atto pubblico;
- il rilascio è autorizzato dal titolare del documento, se è relativo a questioni private. E comunque se l'Ufficio riterrà validi i motivi della richiesta.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Trovo strano però il fatto che se il danno era unico come mai la assicurazione abbia trattato lo stesso danno con due gruppi di danneggiati differenti.
Infatti hai ragione, i primi eredi hanno omesso l'esistenza di un secondo erede all'assicurazione quando li ha liquidati immagino, il quale essendo venuto a conoscenza dopo di un risarcimento ha chiesto successivamente il risarcimento. Immagino l'assicurazione ha fatto una offerta globale ai primi eredi pensando non ce ne fossero altri, in quanto loro avranno dichiarato questo. Non so se l'assicurazione avrebbe dovuto informarsi prima e ricercare tutti gli eredi , e se ha degli obblighi in merito, o chi ha omesso l'esistenza di altri eredi avrebbe dovuto invece non farlo. Cmq c'è stato un chiaro comportamento negativo degli altri eredi, ma legalmente probabilmente penso sia tutto in regola.
Cmq grazie lo stesso, dalle risposte mi confermate c'è il discorso della privacy, mi metterò l'animo in pace :)
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Cmq c'è stato un chiaro comportamento negativo degli altri eredi, ma legalmente probabilmente penso sia tutto in regola.
quando accade un sinistro questo sinistro viene identificano con un codice (ogni assicurazione ha il suo metodo) quando avviene il risarcimento la pratica viene chiusa e francamente non so se possa essere riaperta tale e quale: probabilmente avranno usato lo stesso numero e poi gli avranno messo dopo un trattino 01 oppure B. E' onere da parte della assicurazione accertare l'identità per proprietario del bene; tuttavia a volte per imperizia del perito o per pigrizia si crede alle dichiarazioni del richiedente (sopratutto come in questo caso). Se andiamo a vedere tu dovresti fare causa ai tuoi parenti che ti hanno pretermesso dalla trattativa. Vedi se è il caso.
 

elisa696

Membro Junior
Conduttore
Grazie, se è onere dell'assicurazione accertare l'identità, al livello teorico posso rivalermi anche sull'assicurazione? o solamente sui parenti? o su entrambi?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
ti puoi rivalere sulla assicurazione solo se questa si rifiuta di risarcirti oppure ti risarcisce una somma per te non congrua e che devi rifiutare. Mi sembra ovvio che, se vai per le vie legali, l'assicurazione coinvolgerà i parenti già risarciti (chiamata del terzo art. 269 c.p.c.).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto