• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

alfietto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve a tutti,

ho da poco acqusitato casa.
Il venditore ha consegnato al rogito l'ACE in originale ma il Notaio ha trattenuto per sè l'originale ed ha accluso all'atto una copia dello stesso.
E' valida una simile procedura?

Grazie a tutti
 

griz

Membro Storico
Professionista
Secondo me dovresti avere il documento originale, anche perchè vale 10 anni e potrebbe servirti per un'eventuale rivendita da parte tua
 

alfietto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie
ma il Notaio mi ha detto che in caso di vendita nei 10 anni devo chiedere a lui un estratto
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ti conviene richiederne una copia al tecnico che te l'ha redatta. Probabilmente ti costerà di meno. Comunque, il notaio può presentare una copia che lui stesso autentica.
 

alfietto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie Gianco.
Ma un copia ce l'ho ed è quella acclusa all'atto vidimata dal Notaio.
Mi chedo se quella copia va bene qualora debba rivendere la casa
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
No ti serve una copia con firma in originale che solo il professionista che l'ha redatta te la può produrre o una copia autenticata dal notaio. Fino a qualche tempo fa l'autentica la potevi ottenere presentando l'originale e la copia all'Ufficiale di Stato Civile del comune.
 

alfietto

Membro Attivo
Proprietario Casa
La copia facente parte dell'atto credo sia autenticata xchè bollata con il sigillo del notaio e da lui vidimata.
Va bene secondo te?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Fino a qualche tempo fa l'autentica la potevi ottenere presentando l'originale e la copia all'Ufficiale di Stato Civile del comune.
L'autenticazione delle copie in comune può essere tuttora fatta dal segretario comunale, o da altro funzionario incaricato dal sindaco.
L'ufficiale dello stato civile, in quanto tale, non è un soggetto titolato all'autenticazione. Nulla vieta però che la persona che sia delegata dal sindaco alle funzioni di ufficiale dello stato civile, riceva dal sindaco stesso anche l'incarico necessario per le autenticazioni di copie.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
ma visto che l'ACE si fa con un programma apposito, il tecnico può stampare diverse copie che sono tutte originale, perché quello che conta è la sua firma ed il timbro dell'ordine a cui appartiene. Per cui una copia originale al venditore, una copia originale in Regione, una copia originale per il Notaio.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
A me pare di capire che è l'acquirente a scrivere, e non conosce il tecnico....

Ritengo comunque che se il notaio a dichiarato la copia allegata all'atto, conforme all'originale, questa equivale all'originale a tutti gli effetti.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
L'autenticazione delle copie in comune può essere tuttora fatta dal segretario comunale, o da altro funzionario incaricato dal sindaco.
Ero, erroneamente, convinto che non fosse più possibile ottenere l'autenticazione dal comune. Credevo che, siccome, era un'operazione veloce, comoda ed economica, fosse stata eliminata dalle normative opprimenti di questo stato sanguisuga.
E' bene non divulgare la notizia altrimenti, se sene accorgono, eliminano questa agevolazione!
 

alfietto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma al momento in cui devo rivendere mica posso utilizzare la copia autentica allegata all'atto.
Anche perchè è incollata nello stesso
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma al momento in cui devo rivendere mica posso utilizzare la copia autentica allegata all'atto.
Anche perchè è incollata nello stesso
Ti consiglierei, se sei fresco di rogito, di pretendere o l'originale o una seconda copia autenticata, rivolgendoti al caro Notaio. Hai tutto il diritto di averla. E credo possa rilasciarla senza richiedere ulteriore obolo.... almeno per decenza.

Devo però aggiungere che in caso di locazione è previsto solo di dichiarare che l'inquilino ne ha preso visione e che gli hai fornito copia eventualmente da te dichiarata conforme all'originale (se vuole con atto di notorietà).

In caso di ri-vendita francamente mi sorprende si voglia tuttora far girare tutta questa carta, specie su un documento che in fondo è il meno importante: mica si allega ogni volta il documento di rilascio della licenza edilizia: se ne citano solo gli estremi: eppure ha una valenza ben superiore.

Non capisco quindi perchè non debba essere sufficiente citare il numero di protocollo della APE nel registro regionale, con nome del tecnico che l'ha depositata.
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
A me sembra una discussione fuori dal mondo:
L'attestato :
-ha una sua numerazione univoca
-ha la data di emissione
- la data di scadenza
- il nome ed il numero di iscrizione del tecnico che l'ha rilasciato
- tali dati vengono riportati nel rogito di acquisto dell'immobile
- esiste copia firmata e timbrata dal notaio e allegata al rogito di acquisto
- esiste copia e registrazione in Regione'.

...ergo, ma perché sommergere la Nazione di cartacce inutili con grave nocumento all'ambiente e all'economia nazionale ?
In fondo la digitalizzazione a cosa servirebbe ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Si ma se dovessi vendere l'immobile ha i requisiti che se del caso potrai richiamare nel nuovo atto se non ci sono state alterazioni.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
buonasera..allo stato attuale abito con mia madre ..sono disoccuppata.
Quando mia madre sarà defunta questa casa dovrò dividerla con mio fratello.
Mio fratello percepisce una pensione di invalidità e ha un amministratore di sostegno.
Nel corso di questi anni mia madre ha accumulato debiti e quindi in caso di successione si ripercuoterà sugli eredi.
io posso decidere di pensarci se accettare l'eredità?quanto tempo?
Alto