1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. PepeNica

    PepeNica Membro Attivo

    Buongiorno,
    sono il proprietario di una piccola villetta situata lungo il pendio di una collina. Il corridoio che circonda la base della villetta, e' adiacente (da un lato) ad un muro in cemento (alto circa tre metri) che fa da contenimento per il giardino della palazzina adiacente alla mia, posta ovviamente piu' in alto. Il muro di contenimento ed il giardino relativo, sono di proprieta' del mio vicino. Ultimamente questo muro sta facendo la classica "pancia" cioe' si e' gonfiato (causa piogge) e sta quasi per crollare contro la mia casa. C'e' da dire che io (previa autorizzazione verbale ...ovviamente) ho sempre mantenuto negli anni, in questo corridoio, una piccola tettoia in plastica sostenuta da tubi in ferro piantati in questo muro, ho anche un piccolo lavandino in marmo murato in questo muro. La proprietaria di questo muro NON vuole intervenire per rinforzare il muro stesso onde evitarne il crollo. Il mio problema e' il seguente: se questo muro crolla, a chi spetteranno le spese per la sua ricostruzione ? Altra cosa, da un po' di tempo purtroppo, l'acqua piovana filtra pure attraverso questo giardino soprastante e defluisce all'interno DELLA MIA SCALA !!! Chi deve intervenire secondo voi ?

    Grazie dei preziosi consigli.
     
    A Marco Costa piace questo elemento.
  2. felixgiovanni

    felixgiovanni Nuovo Iscritto

    Se il muro è del proprietario a monte che, peraltro, pare che non abbia ben regimentato le acque meteoriche con l'effetto, peraltro prevedibile, di posteriori danni ....non vedo come non possa essere di sua esclusiva competenza ogni opera di riparazione, nonchè di risarcimento per infiltrazioni. Se vi è stato accordo consensuale di fatto nella comunione di quel tratto di muro dovresti corrispondere, solo per quel tratto, quota degli oneri per conseguenti migliorie/adeguamenti/innovazioni. Non credo comunque che il muro abbia "sofferto" per l'infissione dei paletti a sostegno delle onduline in plastica per cui, in ogni caso, gli oneri per semplice riparazione, dovrebbero rimanere a intero carico del confinante, essendo per quanto asserito, sua ogni responsabilità. Insomma bisogna che un tecnico accerti la cause dei danni e progetti i rimedi, previa verifica immediata della stabilità del muro, esortando se del caso il confinante a tempestivi interventi provvisionali o adottandoli in danno, magari anche con denuncia di danno temuto. Lo "spanciamento" della muratura, senz'altro accompagnato da fessurazioni, può essere un avviso premonitore da non sottovalutare, specie se a contenimento di terreno scarsamente drenante e saturo, nonchè incombente su casa di civile abitazione....Occhi aperti!
     
    A PepeNica piace questo elemento.
  3. Marco Costa

    Marco Costa Membro dello Staff

    Consiglierei di fare denuncia di sinistro con raccomandata AR al vicino per far intervenire la sua assicurazione con i relativi periti
     
    A PepeNica e mario giuseppe piace questo messaggio.
  4. Pino2

    Pino2 Membro Attivo

    secondo il mio parere,per quanto riguarda le infitrazioni d'acqua piovana il problema non e da addebitare al propietario del giardino soprastante,inquanto il muro fa da contenimento alla terra del giardino e non all'acqua piovana.Per assurdo potrebbe rinunciare al giardino ed avere una scarpata,in questo assurdo caso come fermeresti l'acqua piovana?
    Le spese per il rifacimento del muro sono a carico del propietario del giardino essendo anche propietario del muro.
    in buona sostanza per il muro dovrebbe provedere il propietario del muro, per le infitrazioni d'acqua piovana penso che che deve provedere PepeNica
     
    A PepeNica piace questo elemento.
  5. Marco Costa

    Marco Costa Membro dello Staff

    Salve, consiglio la lettura dei seguenti disposti ed eventuale approfondimento delle sentenze in versione integrale

    Codice civile art. 887 Fondi a dislivello negli abitati:
    se di due fondi posti negli abitati uno e' superiore e l'altro inferiore, il proprietario del fondo superiore deve sopportare per interole spese id costruzione e conservazione del murodalle fondamentaall'altezza del proprio suolo, ed entrambe i proprietari devono contribuireper tutta la restante altezza.
    Il muro deve essere costruito per meta' sul terreno del fondo inferiore e per meta' sul terreno del fondo superiore.

    Corte di Cassazione, 29 ottobre 2001, n. 13406
    In tema di limitazioni legali della proprietà di fondi cosiddetti a dislivello la disciplina prevista dall'art.
    887 c.c. in tema di regime delle spese relative al muro di confine non trova applicazione né quando la
    creazione di un dislivello ex novo (ovvero l'aumento dell'originario dislivello naturale) sia opera del
    proprietario del fondo inferiore, incombendo su quest'ultimo, in tal caso, l'onere della realizzazione e
    manutenzione del muro di sostegno della scarpata da lui stesso creata (resa maggiormente soggetta a
    smottamenti), né qualora il muro sia stato costruito esclusivamente sul suolo di uno dei due fondi,
    superiore od inferiore, nel qual caso sussiste la proprietà esclusiva del muro in capo al proprietario del
    relativo fondo, né quando il muro sia stato costruito dal solo proprietario del fondo inferiore, di propria
    autonoma iniziativa, allo scopo di realizzare una struttura necessaria, o anche solo utile, per il proprio
    fondo, nel qual caso resta a suo carico, con l'onere della costruzione, anche quello della manutenzione
    del muro.
    L'art. 887 c.c., nel disciplinare il regime delle spese di costruzione e conservazione del muro di confine
    comune tra fondi a dislivello negli abitati, pone una presunzione semplice di comproprietà di detto
    muro, salvo il diritto degli interessati di provare con ogni mezzo (e di potere del giudice di raggiungere
    il relativo convincimento anche per via presuntiva) la proprietà esclusiva del muro a favore del
    proprietario del fondo sopraelevato o di quello sottostante, a seconda che il muro sia stato costruito interamente sul suolo di uno soltanto dei due confinanti, allo scopo, rispettivamente, di contenere il
    fondo sopraelevato o di realizzare una struttura necessaria o utile per il fondo a valle.

    Il proprietario confinante, peraltro, ove ritenuto opportuno per la tutela dei propri diritti ed
    interessi, potrebbe esperire le azioni giudiziali c.d. cautelari previste dalla legge, al fine di
    impedire che un eventuale crollo dell’edificio abbandonato coinvolga il suo immobile.
    Soccorre, all’uopo, il combinato disposto degli artt. 1172 c.c. e 688 c.p.c., che consente il
    promuovimento di un giudizio di “denunzia di danno temuto”: il suddetto articolo del codice
    civile, infatti, prevede che “il proprietario, il titolare di altro diritto reale di godimento o il
    possessore, il quale ha ragione di temere che da qualsiasi edificio, albero o altra cosa sovrasti
    pericolo di un danno grave e prossimo alla cosa che forma l’oggetto del suo diritto o del suo
    possesso, può denunziare il fatto all’autorità giudiziaria e ottenere, secondo le circostanze, che
    si provveda per ovviare al pericolo”.



    quindi:


    è una situazione di pericolo quindi non bisogna aspettare che crolli.
    quindi la procedura potrebbe essere:

    - segnalazione al Tecnico Comunale per potenziale pericolo alla pubblica e/o privata incolumità
    - sopralluogo del tecnico Comunale che rediga un verbale e successiva Ordinanza di ripristino
    oppure se il tecnico non soddisfa o non vuole intervenire:
    - richiesta di intervento dei VV.F, i quali faranno la comunicazione al Sindaco e a cascata si arriva alla stessa ordinanza


    Saluti Marco ;) ;)
     
    A PepeNica e Pino2 piace questo messaggio.
  6. PepeNica

    PepeNica Membro Attivo

    Grazie, Grazie infinite.

    Quindi mi sembra di capire che, alla fine, le spese toccheranno ad entrambi (anche perche' in questo caso non e' conveniente perdere tempo nell'intento di dimostrare che la proprieta' e' del titolare del fondo sottostante oppure soprastante), sopratturro la cosa importante e' intervenire subito, o in modo concordato tra entrambe le parti, o in modo "forzoso" passando attraverso il Tecnico Comunale oppure Vigili del Fuoco. Unico neo e': .............. ma con i tempi burocratici che ci sono, non e' che prima che si sia chiuso il cerchio (es: VV.F --> ......ordinanza)..... il muro mi e' gia' crollato sulla testa ?


    Speriamo bene.

    Comunque grazie di cuore per l'aiuto.

    Saluti

    Roberto
     
    A felixgiovanni e Marco Costa piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina