1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. enenxx

    enenxx Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno.. vorrei un parere su come comportarmi visto che a giorni ho un incontro con amministratore, avvocato e condomini. Faccio un sunto della questione:
    Ho acquistato all'asta un appartamento nel novembre 2011.
    Ben sapendo che l'articolo 63 dice che devo pagare spese arretrate anno in corso più anno precedente il mio problema è questo: non sono d'accordo su quanto mi chiedono per l'anno precedente.

    - il condominio ha tenuto un'assemblea approvando consuntivo per il periodo 01/05/2010 - 30/04/11 (12 mesi) e preventivo per il periodo 01/5/11 - 30/09/11 (5 mesi)
    - poi ha tenuto una seconda assemblea approvando consuntivo per il periodo 01/05/11 - 30/09/11 e preventivo per il periodo 01/10/11 - 30/09/12(attuale anno in corso)

    Da parte mia nulla da dire per l'anno in corso ma l'amministratrice ed i condomini (coadiuvati sembra?? dall'avvocato ) per l'anno precedente voglio addebitarmi tutti e due i consutivi (ultimo e precedente) quindi pari a 17 mesi. Possono farlo? E' mio diritto rifiutarmi e pagare solo ultimo consuntivo (o comuqnue solo 12 mesi?) - vale a dire ultimo consutivo pari a mesi 5 piu 7 mesi del precedente??
    Preciso che le chiusure, mi è stato detto, non sono state fatte con le solite scadenze di 12 mesi ma in questo modo poichè il nuovo amministratore subentrato si è accorto che in precedenza venivano fatte in una data (1° Maggio) che non coincideva con quella indicata nel regolamento condominiale (nel quale era indicato il 30 Settembre).

    E possono chiedermi spese legali nei confronti di altri due condomini morosi (che dicono da loro anticipate) ma che non figurano in questi consuntivi ma nei precedenti ??? Che faccio?? Pago le loro richieste o mi rifiuto e mi batto per i 12 mesi arretrati e solo per quanto risulta a consuntivo??Insisto sulla mia posizione volendo pagare solo max 12 mesi - mi prendo un'avvocato o soddisfo le loro richieste?
    Ultima informazione le spese vanno per cassa vero????
    A dimenticavo di dire che prima che pretendessi di avere una copia dei verbali delle ultime 3 assemblee con relativi consuntivi/preventivi l'amministratore (ci ho messo due mesi e qualche discussione per averli) mi aveva inviato un consuntivo complessivo di 17 mesi ma che confrontato con la somma dei due reali è di 50.000 euro più altro per cui mi chiedeva spese per circa 3.000 euro in più da cio che risulta in realtà dai due consuntivi. Come si può chiamare questo comportamento??? Posso richiedere la sostituzione dell'amministratore. Insomma dopo questo non ho alcuna fiducia.
    Ringrazio per qualsiasi risposta e suggerimento. Enrica
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao Enrica
    Per il quieto vivere ti consiglierei di proporgli di pagare solo quanto previsto nel precedente indirizzo giurisprudenziale e cioè pagare strettamenteciò che è stato deliberato nei 12 mesi antecedenti la tua compravendita o aggiudicazione all'asta.
    Se inveci ti senti derubata o ritieni di non voler pagare la sentenza del Supremo Collegio, con la pronuncia n. 16920 del 21 luglio 2009 (Corte di Cassazione) ha sentenziato che le obbligazioni condominiali sono rette dal principio di parziarietà e non da quello di solidarietà.
    Per il cambio dell'amministratore occorre indire un assemblea con ordine del giorno specifica del cambio amministratore ed avere le maggioranze disciplinate dall'art. 1136 del cod. civ.
    Ciao salves
     
  3. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao Enrica
    Per il quieto vivere ti consiglierei di proporgli di pagare solo quanto previsto nel precedente indirizzo giurisprudenziale e cioè pagare strettamenteciò che è stato deliberato nei 12 mesi antecedenti la tua compravendita o aggiudicazione all'asta.
    Se inveci ti senti derubata o ritieni di non voler pagare la sentenza del Supremo Collegio, con la pronuncia n. 16920 del 21 luglio 2009 (Corte di Cassazione) ha sentenziato che le obbligazioni condominiali sono rette dal principio di parziarietà e non da quello di solidarietà.
    Per il cambio dell'amministratore occorre indire un assemblea con ordine del giorno specifica del cambio amministratore ed avere le maggioranze disciplinate dall'art. 1136 del cod. civ.
    Ciao salves
     
  4. enenxx

    enenxx Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salves grazie per la risposta ... il consuntivo deliberato antecedente alla mia compravendita è quello di 5 mesi. Quindi secondo te meglio che la chiuda con 5 mesi + solo 7 mesi del precedente ??? E se non accdettano e insistono sui due consuntivi precedenti vale a dire 17 mesi?
    Boh.... che pasticcio
     
  5. enenxx

    enenxx Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ops.... essendo nuova devo avere sbaglaito qualcosa .. e messo due volte il post.... Come faccio ad eliminare il primo. E' possibile?
     
  6. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    No solo gli amministratori del forum possono farlo.
     
  7. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ti ho citato una sentenza che sancisca la parziarità e non la solidarietà, cioe chi ha provveduto a creare il debito deve pagarselo da se.
    Se l'amministratore non accetta in via bonaria come indicato nel post sopra, devi solo consultarti con un legale e vedere il da farsi, facendogli presente della sentenza indicata sopra, e vedi cosa ti dice.
     
  8. enenxx

    enenxx Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    pazienza... anche se è doppio non fa male a nessuno. Se magari un amministratore se ne accorge .... questo sarebbe da annullare.
     
  9. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se ricordo bene, sul condomino subentrante nel caso di morosità, ricade l'anno in corso ed i dodici mesi precedenti. Ciao.
     
  10. enenxx

    enenxx Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie ... anno in corso ed anni precedenti. Resterò ferma su questo anche se loro stanno tentanto di chiedere di più.
     
  11. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Confermo. Chi acquista (attenzione! Per il riferimento temporale fa fede la data dell'atto di trasferimento del tribunale, NON la data di aggiudicazione all'asta) è tenuto al pagamento delle spese dell'annualità in corso e di quella precedente.

    Per l'individuazione dell'annualità di riferimento, devi considerare la data prevista dal regolamento condominiale. Pertanto, i conteggi ti dovranno essere fatti con rferimento a tale data.

    Per tutte le spese insolute relative a periodi precedenti, queste, ove non sia possibile escutere il precedente condomino (ad es: risulta nullatenente), vanno ripartite tra tutti i condomini, compreso chi acquista, in misura delle tabelle millesimali.
     
  12. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    C'è una sentenza citata nel topic n. 2 che sancisce i debiti condominiali hanno principio di parziarita e non di solidarietà.
    Se poi si decide di voler pagare gli arretrati che possono chiedere sono quelli dei 12 mesi antecedenti al rogito.
    Ciao salves
     
  13. enenxx

    enenxx Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Purtroppo il pasticcio sta proprio nella data di chiusura prevista dal condomimio. Negli anni precedenti - sempre sbagliando ?? chiudevano l'esercizio ad Aprile-
    - l'anno scorso facendo una chiusa 1 maggio 30 settembre - hanno spostato la data di chiusura degli esercizi al 30 settembre (data previstra tra l'altro dal regolamento condominiale)
    per cui mi chiedono l'ultima chiusura e quella precedente pari a 17 mesi...
    da quello che ho letto ed anche dalle vostre risposte mi pare di aver capito che mi aspetta anno in corso e l'anno precedente per cui insisterò per voler pagare solo l'ultima chiusura pari a 5 mesi più 7 mesi della chiusura precedente.... IN QUESTO MODO SONO DALLA PARTE DEL GIUSTO SECONDO VOI??

    Mi sembrava di aver letto da qualche parte che per tutte le spese antecedenti anno in corso ed anno precedente (spettanti a chi subentra) vanno suddivise tra tutti gli altri condomini in base hai millesima escuso il subentrante che si è fatto carico dell'anno precedente ???
    E' un'informazione sbagliata?
    Comunque questa sera ho l'incontro. Vi farò sapere com'è andata.

    ps.... ma sulla questione che in prima battua l'amministratore mi avesse inviato un riepilogo spese complessivo superiore di 50.000,00 euro?? - richiedendomi una quota di ben 3000 euro superiore a quella che risulta dalla somma dei due consuntivi???? lascio perdere per il quieto vivere ho chiedo spiegazioni? Posso avvanzare poi richiesta di cambio amministratore in funzione di questo? Uno così a me non da nessuna fiducia
     
  14. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Bene il principio, ma chi lo spiega ai fornitori che devono essere pagati? Metti che il riscaldamento è centralizzato (il cliente è il condominio, non il singolo utente) e che la morosità pregressa comporta l'interruzione della fornitura di combustibilie. Che si fa, si rimane tutti al freddo d'inverno perché non ci si vuole far carico della spesa? Non credo. Si paga e poi, se del caso, ci si rivale sul condomino (o ex condomino) moroso.

    Art. 63, secondo comma, disp. att. cod. civ. Chi subentra nei diritti di un condominio è obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all’anno in corso e a quello precedente. Quindi, si può arrivare fino a 24 mesi e non solo 12.

    La responsabilità tra acquirente e venditore (o esecutato, in questo caso) è solidale. Ciò vuol dire che l’amministratore potrà pretendere le quote condominiali, per l’anno nel quale è avvenuta la vendita e per quello precedente, indifferentemente, sia al venditore (o esecutato) che dall’acquirente.
    Pagando, l'acquirente acquisisce titolo per rivalersi, se ne vale la pena, sul venditore (o esecutato).

    La norma che prevede la solidarietà (l’art. 63, secondo comma, disp. att. c.c.) è derogabile, ossia la sua applicazione può essere esclusa da un accordo tra le parti (ovviamente, non è il caso di acquisto tramite asta giudiziaria).

    Tu devi pagare questo anno ed i 12 mesi dell'esercizio precedente (dal 1 ottobre 2010 al 30 settembre 2011) in base ai millesimi di proprietà.

    Cerca di capire se non si tratti solo di un errore o se vi sia stata malafede. Tuttavia, prima di pagare e visti i precedenti, chiedi (è un tuo diritto) di poter prendere visione di tutta la documentazione a supporto delle spese rendicontate. In tal modo potrai verificare la correttezza del rendiconto e, solo allora, pagare quanto ti spetta.
     
    A romrub piace questo elemento.
  15. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quanto alla sostituzione dell'amministratore, ti è già stata data risposta da salves nel post #3
     
  16. enenxx

    enenxx Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    molto esauriente... e grazie a tutti
     
  17. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Sono daccordo con te, il tuo discorso è corretto.

    Secondo me non si deve dare spiegazione ai fornitori in quanto il condominio ha ottemperato alla liquidazione di quanto in morosità c'era, ma all'amministratore ed agli altri condomini, che intanto richiedono una copertura oltre a quanto stabilito dal Cod.Civ. cosa non corretta, e poi i condomini avrebbero dovuto agire al risarcimento contro l'ex condomine moroso in tempi addebiti e non ora che a questo condomine poco possono prendere vista la vendita dell'immobile tramite atto giudiziario.
    Allora vista la sentenza, e la possibilità economica soggettiva partendo dal presupposto che tali somme non mi competerebbero, vedrei di conciliare la cosa cioè proporrei di pagare in via del tutto eccezionale in quanto la sentenza darebbe ragione, della sola quota dei 12 mesi antecedenti il mio atto di proprietà e la rateizzazione quanto più confacente alle mie possibilità.
     
  18. Riccardo imag

    Riccardo imag Nuovo Iscritto


    Salve a tutti, anche io sono "implicato" in un caso simile, ma quindi per tirare le somme, secondo lart.63 da quanto ho capito si è responsabili dell'anno in corso e quello precendete tranne nel caso dell'acquisto tramite asta giudiziaria? cioè tramite asta cambia qualcosa sugli anni precedenti?

    Thanks
     
  19. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina