1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. zeeprime

    zeeprime Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Vorrei acquistare un appartamento in comproprietà con mio figlio sposato, vorrei fare in modo che lui diventi proprietario al 50% ed io del restante 50% cedendogli l'usufrutto.
    In pratica io acquisterei solo la nuda proprietà.
    E' fattibile secondo voi ?
     
  2. erwan

    erwan Membro Attivo

    non è così chiaro cosa tu abbia in mente:
    comproprietà al 50% è una cosa, nuda proprietà lui ed usufrutto tu è un'altra;
    ma si può comunque fare!
     
  3. zeeprime

    zeeprime Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Provo a chiarire un pò meglio:

    Proprietà al 50% io e 50% mio figlio.
    Mio figlio ci va ad abitare e diventa per lui Abitazione Principale, per risparmiare su IMU, mio figlio avrebbe oltre al suo 50% anche l'usufrutto del mio 50%.
     
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    detto in termini più precisi:
    figlio pieno proprietario del 50% e usufruttuario dell'altro 50%;
    padre nudo proprietario del 50%.

    anche così si può ovviamente fare.
    ma qual'è l'utilità per lei di mantenere la titolarità di quel diritto?
    impedire che il figlio rivenda liberamente o cosa?
     
  5. zeeprime

    zeeprime Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Innanzitutto grazie per la risposta.

    Si, è per stabilire un minimo di vincolo per la vendita, ma anche perchè sono convinto che oggigiorno ci si dimentica molto in fretta dei regali ricevuti.
    Intravedi qualche altra soluzione ?
     
  6. erwan

    erwan Membro Attivo

    di solito si fa il contrario:
    i genitori tengono l'usufrutto e con esso il potere di gestire il bene, di cui i figli diventano pieni proprietari solo quando i genitori non ci saranno più.

    ovviamente però chi ha l'usufrutto è anche il soggetto chiamato a pagarci le tasse...

    ma se ci sono dubbi sulla gratitudine futura il mezzo più sicuro è rinviare tutto effettuando le attribuzioni con un testamento, che può essere rivisto nel tempo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina