1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Lucadeoma

    Lucadeoma Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti gli utenti di questo bel forum.

    Come si capisce dal titolo io e mia moglie vorremmo acquistare l'appartamento sopra al nostrro ( di uguale pianta) e mettere in comunicazione le due unità immobiliari con una scala interna perché con 3 figli maschi stiamo un po stretti su 80 mq.

    Premetto che l'appartamento dove viviamo è di proprietà esclusiva di mia moglie da prima del nostro matrimonio (avvenuto in comunione dei beni) e che lei ha usufruito delle agevolazioni prima casa.

    Dopo aver letto diverse discussioni, su questo e altri forum , riguardanti argomenti molto simili stavo pensado di agire così:

    - fare un atto dal notaio per separazione dei beni.
    - comprare solo io l'appartamento sopra e prendereli la residenza per avere le agevolazioni prima casa e abitazione principale.
    -aprire una scala interna mantenendo le due proprietà separate (mi sembra che la pratica catastale sia detta accorpamento autorizzativo)

    Ci tengo a precisare che non sono un esperto in materia e che volevamo fare una "operazione" il più possibile reversibile (in futuro , quando i figli prenderanno la loro strada, noi toglieremmo la scala interna, chiuderemmo il solaio e torneremmo ad abitare in80 mq di mia moglie vendendo il piano di sopra).

    Voi cosa ne pensate? È corretto ciò che scrivo o ci sono vie alternative per raggiungere i nostri obiettivi?

    P.S. sono già al corrente che per la scala interna ci vuole la certificazione di un tecnico per i calcoli strutturali e bisogna presentare la DIA al comune (almeno agendo allo scoperto).
     
  2. Lucadeoma

    Lucadeoma Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Mi do già una prima risposta da solo citando l'utente di un altro forum( immobilio.it utente cafelab):

    Se la tua questione è "unirli fisicamente" si può fare.
    da un punto di vista burocratico alla DIA da depositare in comune va allegato un accordo fra privati, le 2 unità catastalmente e fiscalmente rimangono distinte e pagano le tasse indipendentemente.
     
  3. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Non è il parere tecnico che ti aspetti, te lo daranno i tecnici. Mi sono solo commossa a questa frase. Noi abbiamo dovuto aggiungere divani letto perché è vero che i figli prendono la loro strada ma poi tornano con mogli, figli... Dubito che potrete mai togliere la scala interna. Auguri
     
    A CAFElab e Lucadeoma piace questo messaggio.
  4. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Questa procedura è per non pagare l'IMU sull'appartamento che verrà acquistato? Se così si può fare di due appartamenti uno solo.
     
  5. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    No. Non è possibile. Avendo due proprietà diverse non è possibile catstalmente accorpare in unico appartamento.

    Fisicamente come ha detto #lucadeoma servirà l'accordo dei proprietari prima di presentare la pratica in Comune.

    Per l'acquisto potrà usufruire delle agevolazioni prima casa.
    Per l'IMU invece pagherà come seconda casa anche se porta la residenza, poichè per la legge in materia non è possibile avere la detrazione nello stesso Comune dove risiede il proprio nucleo famigliare.
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Per l'acquisto non è necessario procedere alla separazione dei beni, è sufficiente che tua moglie intervenga all'atto dichiarando che l'acquisto è un tuo bene personale. evidentemente per confermare questa affermazione occorre che tu abbia una disponibilità economica personale che giustifichi tale acquisto.
    Per quanto attiene l'accatastamento si può fare per fusione di due unità di fatto unite. La pratica è un po complessa ma è fattibile.
     
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se non ha la disponibilità economica può intervenire la moglie, con un prestito familiare, nulla cambia
     
  8. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Io faccio l'ipotesi dell'accorpamento. Quando ha avuto luogo, c'è un unico immobile esente da IMU (ma non dalla TASI).
     
  9. Lucadeoma

    Lucadeoma Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Prima di tutto grazie per le csollecite risposte.

    Il nostro obiettivo principale sarebbe quello di mantenere il più possibile le unita distinte (per facilitarne l'eventuale vendita in futuro) pur mettendole in comunicazione tra loro.

    Che ne dite? Voglio la botte piena e la moglie ubriaca?

    Ciao e grazie ancora.
     
  10. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La mia proposta ti permetti di perseguire il tuo desiderio. La fusione e la divisione la puoi ottenere con facilità ed il costo dovrebbe essere limitato, dipende dal tecnico. Come anche per il catasto i diritti sono di € 50 per ogni pratica DOCFA.
     
  11. CAFElab

    CAFElab Membro Attivo

    Professionista
    Rispondo visto che vengo citato... l'accordo fra i 2 proprietari si risolve semplicemente apponendo i 2 nominativi nella SCIA da depositare in comune; poi catastalmente
    si lasciano le 2 unità distinte come "porzioni di uiu"
    è stato fatto x questa casa cafelab progetto: casa Tuscolana
    metà della suocera, metà della moglie
     
  12. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    essendo un intervento per modificare una struttura portante (solaio) sicuramente bisognerà chiedere un parere anche all'assemblea condominiale o sbaglio.
    e comunque ci vorrà un progetto di un tecnico abilitato.
     
  13. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Questo se la pratica viene espletata on line con il catasto?
     
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Anche se la consegni allo sportello i diritti catastali sono sempre € 50 per ogni DOCFA.
     
  15. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
  16. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Dal primo giugno le pratiche catastali sono solo online
     
  17. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Puoi fare esempi di queste consultazioni? Grazie.
     
  18. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Non ci sono esempi da fare.
    Dall'1 giugno 2015 gli atti di aggiornamento catastale viaggeranno esclusivamente online. Diventa obbligatorio, infatti, l'invio via web all'Agenzia delle Entrate, da parte dei professionisti, dei documenti Docfa e Pregeo per l'aggiornamento delle banche dati catastali.
     
  19. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    L'aggiornamento di cui parli è una prerogativa dei professionisti oppure no? Grazie.
     
  20. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Solo per i professionisti, tecnici, iscritti ai rispettivi albi
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina