1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Superbeo77

    Superbeo77 Nuovo Iscritto

    Salve..Siamo in predicato di acquistare un immobile insieme a mia moglie...Lei non è proprietaria di nessun immobile, mentre io sono il proprietario dell'appartamento che attualmente abitiamo (e che vorremmo tenere per, in futuro, lasciarlo a nostra figlia..). I notai interpellati in proposito, ci hanno dato ragguagli sulla prospettiva (più economica) che mia moglie si intesti al 100% l'immobile (come prima casa), sia che entrambi ce la cointestiamo al 50% (lei come prima, io come seconda...)soluzione quest'ultima molto più onerosa, ma lineare per garantire a entrambi i reciproci diritti per il futuro....Per garantire una soluzione di "compromesso" nella quale a entrambi venga riconosciuto il contributo dato all'operazione, un notaio ci avrebbe suggerito di gestire la transazione facendo in modo che a me (già proprietario di 1 immobile) sia ascritta la NUDA PROPRIETA' 100% del nuovo appartamento, mentre a mia moglie (non intestataria di alcun immobile) sia dato l'USUFRUTTO 100 % dell'immobile che acquisteremo (e nel quale trasferiremo la residenza..)
    Questa soluzione è già stata percorsa da qualcuno di voi ? Quali obblighi e\o situazioni "particolari" crea fra i coniugi, una volta applicata? Effettivamente, i diritti di entrambi sono paritariamente riconosciuti con questo espediente? Inoltre....nella fase successiva all'acquisto, i costi di gestione (IMU, tasse varie ecc) come si configurano ? Come prima casa o come seconda casa ?Grazie dell'aiuto
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Come al solito interessi economici e convenienze personali, male si sposano.
    Il Notaio che ti ha consigliato di intestarti la nuda proprietà e l'usufrutto a tua moglie, ha centrato la convenienza IMU, infatti tua moglie eleggerà I° casa e pagherà IMU agevolata ma...... Se, e perdonami se parlo di ciò che Dio ha unito, vi separaste, Lei userebbe la casa tutta la vita e alla sua dipartita diverresti tu il proprietario.
    Non c'è nulla di male, ovviamente, se siete sicuri di Voi,!
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Solo se la casa si trova in un comune diverso da quello dove è sita la casa del marito e dove sta vivendo attualmente la famiglia.
    Nel caso questa nuova casa fosse sita nello stesso comune della residenza attuale, pur con il cambio di residenza della moglie non ci sarebbero agevolazioni per abitazione principale a meno che non ci sia una separazione dei coniugi omologata dal tribunale. Saluti.
     
    A possessore piace questo elemento.
  4. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Infatti. Oggi aumentano a vista d'occhio le separazioni per motivi fiscali. Con i coniugi che fanno metter ben bene per iscritto in sentenza che ad esempio la moglie continuerà a frequantare assiduamente la casa dove effettivamente continueranno tutti a vivere per prestare la dovuta assistenza ai figli.
     
    A possessore piace questo elemento.
  5. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se lo stato costringe a certe scelte...se mi trovassi in un caso del genere farei anch'io la separazione.
     
  6. Superbeo77

    Superbeo77 Nuovo Iscritto

    In realtà entrambi gli alloggi sono nello stesso Comune : il notaio sa di questo aspetto, possibile che abbia suggerito questo "espediente" se davvero susssite l'obbligo che dici ?
     
  7. Superbeo77

    Superbeo77 Nuovo Iscritto

    In realtà io e mia moglie siamo spoasati in regime di separazione dei beni : è una condizione sufficente, quest'ultima , ad avvalorare la prospettiva indicata dal notaio?
     
  8. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il notaio ti puo consigliare sul risparmio circa l'acquisto dell'immobile ma per quanto riguarda l'IMU le decisioni spettano ai comuni. La separazione dei beni non ha alcun valore ai fini della residenza dei due coniugi. L a famiglia è una e, ai fini IMU, deve avere una unica residenza nell'ambito di un comune. In pratica i comuni non ammettono doppie agevolazione per una sola famiglia. Ovviamente per incassare maggiore imposta......Saluti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina