• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

andreaf83

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti, avrei bisogno di qualche consiglio su una situazione un po particolare di cui non riesco a venirne a capo.
Dunque, ho acquistato una casa qualche anno fa, di cui sono unico proprietario, ed insieme alla casa ho acquistato anche una piccola quota della casa adiacente alla mia (casa + quota erano vendute insieme).
La casa adiacente, che ha una decina di proprietari tutti con la stessa percentuale, incluso me, è del tutto abbandonata da anni ed ormai è quasi pericolante. Io sarei anche disposto ad acquistarla ma il problema è che alcuni dei proprietari sono irreperibili (apparentemente si sono trasferiti all'estero da anni e non si riesce a rintracciarli in nessun modo, potrebbero anche essere morti per quanto ne so!). La maggior parte degli altri proprietari che sono riuscito a contattare sono invece d'accordo con la vendita. La domanda è, c'è qualcosa che si può fare a livello legale per poter acquistare la casa anche senza riuscire a rintracciare tutti i proprietari?

Grazie a tutti!
Andrea
 

andreaf83

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie Dimaraz, ma non è un rischio? Nel senso io posso acquistare le quote di chi si presenta, ma se poi in questi 20 anni uno dei restanti proprietari (o un suo erede) si fa vivo? E magari non vuole vendere la suo quota o la cede solo per un prezzo fuori mercato?
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
L'usucapione è il possesso alla luce del sole, con ANIMUS POSSIDENDI, ossia devi comportarti in tutto e per tutto come se fossi tu il proprietario (paghi le tasse, paghi il condominio, fai le ristrutturazioni, ...) e nessuno DEI VERI PROPRIETARI deve manifestarti rimostranze scritte o in carta bollata per 20 anni consecutivi: se invece ciò accade, si azzera il conteggio dei vent'anni, e si riparte daccapo.

E' chiaro, è un rischio.

Intanto compra le quote da chi puoi, se sei interessato. E comunque prima di dichiarare irreperibile una persona, ce ne sono, di prove, da fare!
Facendo una SEMPLICE VISURA CATASTALE avrai l'elenco dei 10 codici fiscali dei proprietari, e i loro nomi e cognomi.
Da qui con qualche operazione di rintraccio a pagamento, riuscirai a trovare anche gli irreperibili.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Più che una semplice visura direi almeno una visura storica. Sperando di individuare poi tutti gli attuali proprietari.

Quanto agli "irreperibili" io conosco un precedente: vero che non si trattava di una casa, ma di un reliquato di terreno di una particella che era appartenuta ad una famiglia valdostana, emigrata all'estero da tempo.
Tale "francobollo" si frapponeva tra un lotto edificabile in vendita, e la strada provinciale.

Il notaio rogitò lo stesso, scrivendo comunque"fatti salvi eventuali diritti dei terzi".

Certe che un conto sono pochi mq, altro è comprare le quote, ristrutturare, e poi dover fare i conti con i comproprietari riemersi, che pretenderanno anche la quota sulla nuova casa
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Bisogna chiedere il certificato di residenza di ogni codice fiscale che si ha.

Si può fare anche on line. E' chiaro che ha un costo.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
mandando raccomandata all'ultimo Comune in cui risultano residenti?
mi pare che si possa
Temo non sia così facile.
A volte ho tentato di rintracciare ex inquilini morosi.
L'ultimo Comune di residenza (nel mio caso Torino) comunica il Comune dove risulta che la persona sia migrata, ma non l'indirizzo.
Recandomi presso l'Anagrafe del nuovo Comune, sempre in Piemonte, in alcuni casi ho ottenuto l'indirizzo compilando un modulo in cui dichiaravo i motivi della ricerca (nel mio caso recupero credito). Ma una volta mi hanno risposto che per la legge sulla privacy non mi potevano dare l'informazione: avrei dovuto mandare ai loro sportelli il mio avvocato con una richiesta più circostanziata.

Se la persona da rintracciare si è trasferita all'estero penso diventi ancora più difficile.
Forse è meglio rivolgersi ad un'agenzia investigativa online come dice @possessore, che trova e fornisce queste informazioni a pagamento.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma una volta mi hanno risposto che per la legge sulla privacy non mi potevano dare l'informazione
Fatti salvi i divieti di comunicazione di dati, stabiliti da speciali disposizioni di legge, l'ufficiale di anagrafe rilascia a chiunque ne faccia richiesta, previa identificazione, i certificati concernenti la residenza, lo stato di famiglia degli iscritti nell'anagrafe della popolazione residente, nonché ogni altra informazione ivi contenuta.
Al rilascio di cui sopra provvedono anche gli ufficiali d'anagrafe di comuni diversi da quello in cui risiede la persona cui i certificati si riferiscono. (*)
(*) se il comune è già subentrato all'ANPR (anagrafe nazionale della popolazione residente).

Basta quindi farne richiesta, e si otterrà un certificato di residenza, dopo aver assolto l'imposta di bollo e pagati i diritti di segreteria.
 
Ultima modifica:

gattaccia

Membro Attivo
Proprietario Casa
potrebbe essere il caso di trasferimento all'estero senza essere iscritti all'AIRE (che fa da residenza a tutti gli effetti e viene comunicata dall'anagrafe)
in questo caso dicevo appunto che potrebbe valere l'ultima residenza, ma presso il Comune
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se la persona da rintracciare si è trasferita all'estero penso diventi ancora più difficile.
Se i "mososi" sono relativamente giovani, c'è oggi un mezzo empirico piuttosto agevole per rintracciarli all'estero: Facebook.
Non so invece quanto agevole sia intentare una causa di recupero crediti nei confronti di un residente all'estero. Temo che il gioco non valga la candela.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Non so invece quanto agevole sia intentare una causa di recupero crediti nei confronti di un residente all'estero
Agevole quanto intentarla a un soggetto residente in Italia. Basta notificare il provvedimento monitorio o la citazione in giudizio all'indirizzo estero.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Agevole quanto intentarla a un soggetto residente in Italia. Basta notificare il provvedimento monitorio o la citazione in giudizio all'indirizzo estero.
Modifico la "domanda": nel confronto cosa ci si deve aspettare in termini di spese ed in termini di probabilità di riscossione, ad esempio attraverso il pignoramento del quinto dello stipendio? (es. in Francia?)
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
cosa ci si deve aspettare in termini di spese
In termini di spese il costo per il creditore aumenta.
Quando ho fatto il pignoramento del c/c bancario di un ex inquilino moroso, ho avuto la sfortuna che lui si era trasferito in un altro Comune. Sempre in provincia di Torino, a pochi km dall'abitazione che gli avevo locato.
Però cambiava la giurisdizione del Tribunale: la pratica non era di competenza del Tribunale di Torino (che aveva convalidato lo sfratto per morosità) ma del Tribunale di Ivrea.
Così ho dovuto pagare una parcella più salata al mio avvocato che si è recato sul posto per l'udienza con la quale il Tribunale di Ivrea ha disposto il pignoramento.

Se il debitore vive all'estero e i suoi beni e redditi aggredibili non sono in Italia, il credito si può recuperare ma i tempi si allungano e i costi aumentano.
E' sempre una questione di costi e benefici!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
i tempi si allungano e i costi aumentano.
Lo immagino: avevo appunto modificato la domanda per questo motivo essendo Nemesis sempre estremamente attento alle parole. Agevole non era letteralmente sinonimo di "equivalente" in termini economici.

Sarebbe interessante per curiosità sapere se il pignoramento del 1/5 dello stipendio sia una prassi possibile anche nei confronti di uno stipendiato in Francia o altro paese UE.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
i tempi si allungano e i costi aumentano.
Lo immagino: avevo appunto modificato la domanda per questo motivo essendo Nemesis sempre estremamente attento alle parole. Agevole non era letteralmente sinonimo di "equivalente" in termini economici.

Sarebbe interessante per curiosità sapere se il pignoramento del 1/5 dello stipendio sia una prassi possibile anche nei confronti di uno stipendiato in Francia o altro paese UE.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Sarebbe interessante per curiosità sapere se il pignoramento del 1/5 dello stipendio sia una prassi possibile anche nei confronti di uno stipendiato in Francia o altro paese UE.
Io non so rispondere.
E' opportuno che apri un'altra discussione specifica sull'argomento.
Qui non si stava parlando di recupero crediti, ma di come rintracciare delle persone proprietarie di un immobile, oppure acquistare quell'immobile se parte di quei proprietari non sono rintracciabili.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Buonasera. Avrei una domanda. Sono nuda proprietaria di una casa di cui mia madre detiene l'usufrutto ma che mia madre non utilizza in quanto é in campagna. É rimasta vuota x dieci anni ed ora che mi sono separata ho portato la residenza. É ugualmente dovuto l'IMU che in questi anni ha pagato mia madre visto che non ha ricevuto bollettino come gli altri anni?
Alto