1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ren2

    ren2 Nuovo Iscritto

    ciao a tutti
    qualcuno mi può dare qualche consiglio?
    vorrei comprare una casa che molto probabilmente andrà all'asta dove i propietari sono 5 uno di questi è minore
    a che cosa vado incontro':domanda:
     
  2. zanclag

    zanclag Membro Attivo

    Per acquistare la casa anche al minore devi chiedere l'autorizzazione al giudice tutelare.
    Per partecipare all'asta non ho idea come puoi fare. Alle aste normalmente partecipa una sola persona per ogni offerente. Forse è possibile successivamente, alla aggiudicazione, intestare il bene a tutti gli intestatari con l'autorizzazione del giudice tutelare per il minore.
     
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    visto che l'asta è giudiziale forse i problemi connessi al fatto che uno dei proprietari sia un minore sono già stati affrontati e risolti. hai provato a chiedere al'ufficio del tribunale che segue la vicenda?
     
  4. fausto manca

    fausto manca Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se non ho capito male, il minore é uno dei proprietari della casa che potrebbe essere messa all'asta, non un futuro acquirente; il tutore del minore dovrà chiedere al giudice tutelare, spiegando i benefici che si otterrebbero da una vendita diretta piuttosto che a un vendita all'asta e producendo un perizia di valore dell'immobile, l'autorizzazione alla vendita. Spesso, trovato l'acquirente, é lo stesso notaio che svolge la pratica presso il tribunale competente.
     
  5. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Se come dici, la casa probabilmente andrà all'asta, ciosa significa: che oltre all'ipoteche è già stato notificato il pignoramente del bene? Oppure è una previsione fondata in quanto non sono state pagate alcune rate di mutuo?
    Una volta chiarita la situazione effettiva pendente, ove intendi acquistarlo evitando l'asta dovrai fare una ricognizione di tutti i creditori dei 5 comproprietari per potere trovare degli accordi con essi, altrimenti attendi che vada all'asta e lì in quella sede cercherai di acquistarla.
    Per quanto concerne la posizione del minore, ove si voglia ricorrere all'acquisto dell'immobile occorrerà l'autorizzazione del giud. tutelare, e per far questo si rende opportuno far fare da un tecnico una perizia di stima giurata, nonchè motivare adeguatamnte l'opportunità dell'operazione.
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    SE LA CASA è GIA IN ASTA e fissata l'udienza davanti al Notaio delegato, tutto questo è gia stato fatto nei confronti del minore, e pertanto non ti devi preoccupare, se visioni la perizia vedi quanto ti interessa e in seguito potrai agire come meglio credi:daccordo:
     
  7. ren2

    ren2 Nuovo Iscritto

    grazie
    dalle informazioni che ho... sembra che il padre del minore abbia donato la sua quota al minore stesso dopo la notificazione di un decreto ingiuntivo
    perchè vuole ricomprarla quando andrà all'asta ,o lui o altri x lui
    perchè nessuno è interessato ad una casa con una quota di propietà di minore ........ cosa succede a questo punto
     
  8. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Se la pendenza, da quanto tu affermi, risiede nel decreto ingiuntivo, ovvero in un credito, hai valutato l'ammontare di esso, ed inoltre, essendo 5 i comproprietari, il credito vantato è solo nei confronti del padre del minore o di tutti gli altri comproprietari, escluso il minore?
    Quanto ti ho chiesto serve a valutare la possibilità di evitare che la casa vada all'asta.
    Si più chiaro su queste premesse, poi valuteremo il resto.
     
  9. brun

    brun Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    quoto adimecasa
    controlla che non vi sia segnalato un "rischio di evizione del bene" per contenziosi in essere.
     
  10. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Ove l'immobile fosse acquisibile all'asta non potrebbe sussistere alcun rischio sul pacifico godimento del bene. altriment che asta sarebbe?
     
  11. brun

    brun Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ....e secondo te me la sarei inventata io una formula così barocca?
     
  12. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    No, assolutamente, l'evizione è una definizione cogente:

    L’evizione si verifica quando il compratore, dopo aver acquistato la proprietà dell’immobile, venga poi a perderla per effetto di diritti che un terzo abbia fatto valere su di essa.

    ne consegue che nella compravendita di immobili è indispensabile inserire la c.d. garanzia per evizione che il venditore deve offrire al compratore.
    Quanto ho affermato è cosa diversa, in quanto nelle aste giudiziarie non ricorre questo rischio.
     
  13. brun

    brun Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    diciamo che se il rischio c'é é segnalato.....a meno che questa non sia una pesca parrocchiale di beneficenza.
     
  14. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    [I Questi sono i potenziali rischi dell'acquisto all'asta[/I] che non ineriscono la fattaspecie sottoosta, ovvero quella relativa alla presenza del minore, essendo un fatto conosciuto a priori:
    I rischi

    I rischi dell'acquisto all'asta esistono, per quanto complessivamente minori di quelli tipici di una compravendita tradizionale. Le perizie dovrebbero garantire indagini molto attente sulla “storia” di un immobile e sulle sue condizioni di conservazione. In pratica però, esistono due problemi. Vi sono periti che svolgono con scrupolo il loro lavoro, dando tutte le informazioni possibili, e altri periti che si limitano al massimo la fatica, trincerandosi dietro gli accertamenti burocratici. Ad esempio capita che il perito non accerti l’esistenza reale di occupanti o di inquilini dell’immobile, limitandosi a affermare che nessuno ha risposto al citofono al momento dell’ispezione e che non esistono contratti di locazione registrati. Inoltre le indagini su eventuali abusi edilizi sono spesso solo formali. Il secondo problema è che le perizie sono spesso “datate” anni prima alla vendita: nel frattempo può essere successo di tutto: da gravi problemi statici, a atti di vandalismo fino addirittura (è capitato) al fatto che sia maturata l’usucapione ventennale da parte di un occupante. I lodevoli tentativi di qualche tribunale di aggiornare le perizie rimangono fatti isolati.

    La legge n. 80/2005 ha comunque disinnescato uno dei rischi: quello dell'ipoteca iscritta dopo il pignoramento che, per quanto inefficace, ritarda tutte le procedure. Ora i professionisti incaricati debbono aggiornare le visure ipo-catastali fino a una data prossima a quella del decreto di trasferimento.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina