1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. contemascetti1926

    contemascetti1926 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Salve a tutti,
    sono interessato all'acquisto di una casa di proprietà di un anziano interdetto.
    La gestione del patrimonio dell'interdetto è affidata al nipote (futuro erede insieme alla sorella; l'anziano è vedovo e senza figli).
    Entrambi gli eredi non sembrano interessati all'immobile e sembrano disposti all'eventuale vendita futura.
    Il nipote al momento afferma di non avere il potere di vendita sull'immobile ma solo di gestione dei beni.
    Io ho urgenza di comprare la casa e soprattutto non volevo fare "la corsa al morto" (eticamente discutibile).
    La casa necessita di ristrutturazione. Pensavo di proporre un affitto da scalare al momento del decesso dell'interdetto. Eventualmente mi accollerei anche le spese di ristrutturazione, ma riuscirei a essere tutelato sul futuro acquisto? E lui puo affittarmela se non è abitabile? Il tutore non puo procedere in nessun caso alla vendita con l'interdetto ancora in vita? Se uscissero fuori eredi da parte della moglie (gia morta) dell'interdetto avrebbero diritto all'eredità?
    é una situazione piuttosto ingarbugliata, grazie per eventuali chiarimenti
    simone
     
  2. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ma l'interdetto ha qualche motivo per vendere?
    Ha necessità di denaro per andare avanti in quanto le sue entrate attuali non sono sufficienti?
    Se la situazione (ossia c'è un motivo importante) è questa allora il tutore dovrebbe rappresentare la situazione al giudice Tutelare e chiedere la possibilità di vendere.
    Se non c'è una necessità dell'interdetto poco si può fare.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Per poter vendere, l'amministratore ha necessità dell'autorizzazione del giudice tutelare al quale va presentata una richiesta motivata e la proposta destinazione dei fondi, accompagnata dalla perizia giurata di stima dell'immobile.
    Se non fosse possibile stipulare adesso, per non avere sorprese ti consiglio di attendere per verificare chi siano gli eredi.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    secondo me potrebbe essere il caso di proporre al giudice l'opportunità di vendere l'immobile giustificando l'operazione, visto l'interesse, come un'opportunità da cogliere in un momento di mercato difficile, ovviamente il valore di compravendita dovrà soddisfare il valore della perizia giurata che sarà presentena al giudice
     
  5. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    L'opportunità di vendere per chi?
    Per l'interdetto?
    Per il tutore futuro erede?
    Per il compratore?
    In Italia tutto è quasi possibile, questo caso sta nel quasi però.
     
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    per tutti gli interessati?
    scusa, senza polemica, c'è un interessato ad acquistare una casa da ristrutturare, perchè non valutare l'operazione?
     
  7. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    L'unico interesse valido è quello dell'interdetto, non ce ne possono essere altri.
     
    A Gianco e alberto bianchi piace questo messaggio.
  8. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    ok, l'interdetto però non può esprimere la sua volontà, ha un amministratore il cui operato è controllato da giudice, dobbiamo per forza intendere che si tratti di una manovra per raggirare il soggetto e non fare i suoi interessi?
     
  9. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Come dicevo prima, ci deve essere un bisogno alla vendita per l'interdetto. Questo bisogno deve essere rappresentato (dal tutore) al giudice il quale deciderà per quale direzione prendere.
    Anche se è un buon affare per l'interdetto, se non c'è bisogno della vendita per reperire fondi, allora il bene rimarrà nella disponibilità dell'interdetto e difficilmente il giudice autorizzerà una vendita.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  10. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai presente la sorella di Alberto Sordi ? Gli interessi soddisfatti sono stati quelli del maggiordomo, del notaio, dell'avvocato, etc.
     
  11. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Questo vale per l'amministrazione ordinaria, il tutore redige l'inventario annuo che viene presentato al Giudice Tutelare appunto ogni anno.
    L'amministrazione straordinaria non può essere attuata se non dopo la richiesta al giudice da parte del tutore (o protutore) e la sua autorizzazione a procedere
     
  12. contemascetti1926

    contemascetti1926 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Ringrazio tutti per la celerità e il tempo che mi state dedicando.
    Tengo a fare alcune precisazioni.
    La casa è disabitata da una decina di anni durante i quali non ha subito alcun intervento di manutenzione. Necessita di lavori che vanno dai pavimenti, ai bagni agli impianti sia elettrici che idraulici. é un appartamento in una piccola palazzina, con una metratura di circa 70 mq con piccolo giardino privato. Io sono interessato all'acquisto perche è nel palazzo dei genitori della mia ragazza; necessitando di comprare casa mi sembrava un'ottima opportunità per riqualificare con un solo investimento 2 appartamenti (una piccola palazzina con un appartamento maltenuto e disabitato ne subisce un calo di immagine a mio avviso). Quindi l'unico che vorrebbe velocizzare l'acquisto sono io. Il tutore si è detto soltanto disponibile ad una vendita futura (dopo il decesso dell'interdetto). Non aveva mai pensato all'affitto perche necessitava di troppi interventi e non voleva danneggiare il capitale dell'interdetto (a mio avviso si sta comportando molto bene nei confronti dell'anziano e lo sta tutelando in tutto). Per questo mi ero proposto di accollarmi le spese necessarie per renderla abitabile, ma vorrei sapere come poter tutelarmi sull'acquisto. Nelle condizioni che vi ho descritto, la casa puo essere affittata se io affittuario sono d'accordo? Dal quel che ho capito dai vostri commenti non ci sono le premesse perche il giudice acconsenta alla vendita.
     
  13. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ?????
     
  14. contemascetti1926

    contemascetti1926 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore

    ta di lavori che vanno dai pavimenti, ai bagni agli impianti sia elettrici che idraulici.
     
  15. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusa ma non mi è chiaro cosa intendi
     
  16. contemascetti1926

    contemascetti1926 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    scusa se non sono stato chiaro. Lui non è nella condizione di vendere giusto? Io vorrei proporgli di affittarmela però al momento non è abitabile. Il bagno è totalmente da rifare, non c'è l'impianto di riscaldamento, l'impianto elettrico presumo sia da rifare.
    Pensavo di accollarmi le spese del bagno, mettere uno split caldo-freddo e posticpare il resto degli interventi a dopo l'acquisto. In queste condizioni lui puo affittarmela? Le sembra una soluzione percorribile?
     
  17. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se entrano più fondi nelle disponibilità dell'interdetto nessun giudice dirà di no, lei però non avrà mai la certezza che gli attuali futuri eredi procedano con la vendita a lei quando diventeranno eredi effettivi. Inoltre se lo sistema avrà un valore maggiore rispetto al valore di adesso. Potrebbe nel contratto inserire che metà della locazione (o altra percentuale) va per i lavori di sistemazione fino alla cifra di X euro. Inoltre un contratto a lunga durata la dovrebbe salvaguardare un poco di più.
     
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non è un motivo che possa spingere il giudice ad autorizzare la vendita.
     
  19. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Io sono amministratore di sostegno da dieci anni e non ho mai presentato alcun rendiconto.
     
  20. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Tu sei di sostegno a chi può comunque decidere (in tutto o in parte), il tutore agisce per conto e nell'interesse di, per l'ordinaria amministrazione redige ogni anno un rendiconto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina