1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alex870

    alex870 Membro Attivo

    Premesso che attualmente abito con i miei quindi ho il domicilio presso i miei, oggi ho fatto il rogito della casa che ho acquistato come prima casa ovviamente e il notaio mi ha detto che devo fare anche il cambio di domicilio altrimenti ai fini fiscali mi risulterebbe come seconda casa quindi non usufruirei dei vantaggi per la mini IMU prima casa andando a pagare IMU come seconda. Io preferirei per varie ragioni mantere il domicilio dai miei, mi confermate che è come dice il notaio ed eventualmente se c'è un escamotage per ovviare a tutto ciò ?

    Saluti
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Devi cambiare la residenza. Cioè il luogo della tua effettiva dimora abituale. Al cambio di residenza dovrai dichiarare entro venti giorni la nuova situazione di fatto all'ufficiale di anagrafe del comune di nuova residenza (o a quello dell'attuale comune nel caso il comune non cambi). Il "domicilio" è altra cosa, non ha una sua registrazione amministrativa e a nulla rileva per quanto in discussione.
     
  3. alex870

    alex870 Membro Attivo


    Quindi mi confermi che se lascio il domicilio nella casa dei miei genitori non devo pagare l'IMU come seconda casa ?
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Avevo già scritto che il "domicilio" a nulla rileva. Tu dovrai spostare la residenza nell'abitazione acquistata e ottenere la corrispondente nuova iscrizione anagrafica. Solo in questo modo quella sarà la tua abitazione principale anche ai fini dell'IMU.
     
  5. alex870

    alex870 Membro Attivo

    Ok ti ringrazio, anche se a detta del notaio dovrei spostare anche il domicilio ma forse ci siamo capiti male..

    Cmq leggendo qui mi da da pensare: http://news.supermoney.eu/tasse/201...ra-o-domicilio-in-comuni-diversi-0054660.html
     
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un nucleo familiare può essere composto anche da una sola persona...il minorenne necessariamente è sotto tutela genitoriale e di norma vive e risiede nella casa di famiglia. Con la maggiore età l'individuo acquisisce la capacità di agire e di decidere fra le tantissime cose anche quella di abbondare la casa paterna
    e di fissare la propria residenza in altro alloggio
    Affitto o proprietà che sia...La risposta di Nemesis è più che esauriente. Potrei suggerire
    una piccola variante,naturalmente in mancanza di ostacoli : " l'obbligo di comunicare la NUOVA residenza la potrai espletare solo ai fini fiscali, sanitari, pensionistici,assicurativi e altri se necessari, mentre potrai mantenere il vecchio "recapito"
    in ambito amicale, societario, artistico, sportivo
    e quant'altro di simile, evitando così, sempre salvo smentite ...NEmesiane...Jacane..Jerrianeecc...ecc...anche la denuncia ad hoc di DOMICILIO diverso dalla residenza. Ultima osservazione: non so se via sia nel tuo caso
    il controllo da parte del comune, come avviene
    nelle famose seconde case della Liguria ed altre regioni turistiche. Mentre, nonostante il mio amore per mamma RAI, rinuncia pure all'abbonamento finchè puoi. Auguri. QPQ.
     
  7. Lira75

    Lira75 Membro Attivo

    Supponiamo che esca un controllo dei vigili urbani per verificare l'effettiva residenza...e non viene trovato in casa chi ha comunicato la residenza principale....non vi e' il rischio che in pratica la residenza principale gli venga negata? E come fare magari con quei vicini pettegoli che..alla domanda del vigile..potrebbero rispondere "non vediamo quasi mai Tizio?"?

    Vi chiedo perche' possiedo una sola casa di proprietà ma haime' registrata come seconda casa non abitando tutta la settimana li...lavoro a 40 km di distanza e ho quindi la residenza vicino al lavoro (la casa dove sono adesso non e' mia)potrei spostare la residenza a casa mia?Con un eventuale controllo dei vigili come posso fare? E'assurdo che debba pagare questa MONTAGNA DI TASSE per l'unica casa che ho....sono stufa! La casa e' un diritto!
     
    Ultima modifica di un moderatore: 3 Marzo 2014
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Certamente la "famiglia anagrafica" può essere composta da una sola persona. Il "nucleo familiare" è altra cosa.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Certamente sì. Basta andarci a "vivere" (in termini di dimora abituale).
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    in queste condizioni potresti salvarti dalla seconda casa, per il resto delle tassazioni no
     
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai ragione di precisare la differenza "nucleare" ...Per consuetudine, non io, ma la stessa burocrazia e
    altri poteri o istituzioni da decenni usano questa espressione nel nostro specifico contesto e non capisco perchè anche tu ti abbandoni a questa libidine lessicale o grammaticale o di sintassi..che mi sembrava fosse un esclusivo uso di fradjacono... Vuol dire che invece di maggiore attenzione sulla forma dei miei futuri post, sul modello di Adimecasa, che giustamente ha dimostrato di fregarsene, io volutamente mi abbandonerò a una serie di strafalcioni e storpiature varie in modo da dare a te a lui ed altri imitatori materia su cui attingere per placare la vostra fame di esibizionismo nozionistico che comunque non fa onore alla vostra indubbia capacità analitica...e quindi sin da adesso: sfozzutttisimo sallutti da quaraprorquè. Che fatica.....!!!

    Lira 75, immagino che tu sia stata costretta alla residenza dove lavori per motivi di
    "UTENZE"...Alla spicciolata: le bollette che il
    bavoso legislatore italiano ha voluto differenziare fra prima casa e ...successive...
    E quindi se è così, non devi fare altro che ricorrere a carta e penna e fare due conti per evidenziare la differenza fra IMU seconda casa e bollette prima casa (dove lavori) e viceversa.
    Mi astengo dal commentare la tua asserzione
    sul "diritto che incombe sulla casa"...dovrebbero intervenire i libidinosi famelici correttori di qualunque piccola sbavatura formale o sostanziale che il o la malcapitata propista sia incorsa, essendo tale funzione di loro uso esclusivo. E quindi, con il loro permesso ti ssalluttto assffiticcammennte cun'' core 'ngrato. qpq. ( Auguri)
     
    Ultima modifica di un moderatore: 3 Marzo 2014
  12. Luky

    Luky Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Per Lira75, quando acquisti un immobile come prima casa devi spostare la residenza entro 18 mesi recandoti negli uffici comunali e presentando la "richiesta di cambio residenza" altrimenti ti verrà riconosciuto come seconda casa, con tutti gli oneri pertinenti. Dal momento che presenti la richiesta di cambio residenza, l'ufficio comunale ti invierà un Ufficiale dei VV.UU. entro 20 gg. per verificare la tua presenza nell'immobile acquistato, nel caso di tua assenza verrà redatto un verbale di non riscontro (della tua presenza), come conseguenza avrai che la tua residenza rimane quella precedente, inoltre sarai denunciato penalmente e gli oneri e tasse dell'immobile saranno calcolati come seconda casa, inoltre le spese del rogito saranno rivedute e corrette (con sanzioni oltre il 30%) come per acquisto di 2^ casa. Auguri
     
  13. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Senza nessuna pretesa di contraddirti, il notaio, mi sembra, deve (???) o può (???) inserire nel rogito che, trattandosi di prima casa, l'acquirente deve dichiarare di non possedere altri immobili in nessuna parte
    del territorio nazionale; se ciò fosse vero non
    si configurerebbe un conflitto di attribuzioni
    o regolamenti di legge fra il diritto di comprare
    e possedere la prima e unica casa e l'altro di considerare la stessa "UNICA" casa come seconda casa solo perchè temporaneamente
    il promosso nuovo PROPRIETARIO sia assente per motivi di lavoro??? Nemesis e compagni non hanno più di una volta chiarito
    che pur residente stabilmente in un comune si possa "dimorare" in un altro comune senza obbligo di registrazione anagrafica??? La confusione regna sovrana: se dico la mia seconda automobile è in avaria...si presuppone che ve ne sia una prima ... parimente se dico: la mia seconda casa è in Liguria...si presuppone che ve ne sia una prima da qualche altra parte...La pretesa di considerare
    una casa come seconda senza che vi sia la prima è un altro arbitrio del legislatore il quale non vuol capire che il "malcapitato" subisce
    iniquamente, a parità di situazione reddituale e immobiliare, con un altro cittadino, una riduzione del suo reddito netto spendibile. All'uopo richiamo la memoria di Adriano Giacomelli che qualche secolo addietro mi concesse la sua adesione. Cosa ne dite???QPQ. P.S: Chiaramente dò per scontato che l'acquirente debba necessariamente registrarsi nello stesso comune dell'alloggio acquistato.
     
    Ultima modifica: 3 Marzo 2014
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    come? dici che ha ragione e poi dici che non capisci...famiglia può essere anche un single (lessicalmente è una forzatura?) di un nucleo si fa parte... così come il nostro amico dice che il suo notaio gli ha detto di prendere il domicilio nella casa appena comprata: non sono semplici sfumature perchè si risiede in un posto ma ci si può far domiciliare le bollette in banca oppure si elegge il proprio domicilio da un avvocato etc. insomma la burocrazia spesso ci insegue (cerca di normalizzare i nostri comportamenti) non è che siamo noi ad adeguarci ad essa....anche se così vorrebbero i poveri burocrati spaesati dalla vita
     
  15. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In verità Arciera,avrei dovuto virgolettare la "RAGIONE". Ora, siamo d'accordo che per famiglia s'intende più di una persona...tuttavia in occasioni di censimento o altre pubbliche richieste si chiede di ben specificare il numero dei componenti il Nucleo familiare...La famiglia
    originale, per esempio, composta da i due coniugi e due figli
    col passare del tempo si assottiglia passando da quattro a tre...poi da tre a due...poi da due
    a uno (...vedova...) E alla fine del giro la stessa modulistica pubblica accetta di fatto che il Nucleo familiare possa essre costituito da una sola persona...io mi sono limitato a ripetere una frase che è ormai nell'uso comune. E qui mi fermo, con i migliori saluti. QPQ.
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Va bene. Diciamola meglio. La famiglia anagrafica e' quel che risulta dallo stato di famiglia, mentre il nucleo familiare e' un requisito ai fini fiscali. Ambedue possono essere composti da una persona sola. O quantomeno nulla si aggiunge nella dichiarazione dei redditi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina