• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

PaoloGR

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno.
Premetto che non sono avezzo a registrarmi ad un forum solo per avere un parere ma i notai mi hanno solo fatto molta confusione (tra chi dice una cosa e chi dice un'altra...).
La questione, tutto sommato, pare semplice.

Siamo tre fratelli in comproprietà di una casa, a suo tempo ricevuta in eredità.
Uno dei miei fratelli vorrebbe cedere la sua quota e a me sta bene acquistarla. Il tutto con il bene placido del terzo fratello (a cui, probabilmente, in futuro, farò un'offerta di acquisto, al fine di diventare proprietario unico dell'immobile).

C'è qualcosa che possa ostare il quanto?

Grazie
Saluti
Paolo
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Anche a me pare che la questione sia semplice, se hai già raggiunto l'accordo col fratello che ti ha proposto l'acquisto della sua quota.

Mi incuriosisce il titolo: quotina/quota/quotona.
Trattandosi di un'eredità, forse vi sono problemi non ancora risolti circa le quote ereditate dai tre fratelli?
 

PaoloGR

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
No, l'eredità ha seguito il suo iter. Oggi siamo i tre regolari proprietari della casa.
I termini quotina/quota/quotona li ha espressi il primo notaio e sul fatto che se uno dei proprietari dovesse disporre la vendita della sola “quotina”, ossia della quota indivisa della priprietà, ci potrebbero essere problemi. Il secondo, invece, ha detto che questa cosa poteva essere vera solamente se la quota fosse stata venduta a qualcuno che non facesse parte della "comunione" del bene (e così non è, dato che ce la compriamo tra fratelli proprietari).
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Se si vende una quota di eredità ad un terzo (estraneo alla comunione), sussiste il diritto di prelazione a favore dei coeredi.
Visto che nel vostro caso si tratta di vendita tra coeredi, tale diritto non sussiste.
Quindi potete procedere, magari non con il primo notaio 😉
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
buonasera..allo stato attuale abito con mia madre ..sono disoccuppata.
Quando mia madre sarà defunta questa casa dovrò dividerla con mio fratello.
Mio fratello percepisce una pensione di invalidità e ha un amministratore di sostegno.
Nel corso di questi anni mia madre ha accumulato debiti e quindi in caso di successione si ripercuoterà sugli eredi.
io posso decidere di pensarci se accettare l'eredità?quanto tempo?
Alto