1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Salve a tutto il forum; premetto che al momento sono in regime di comunione dei beni con mia moglie e siamo in procinto di acquistare una seconda casa.
    Per avere le agevolazioni come "acquisto prima casa" e relative agevolazioni ( detrazioni degli interessi passivi del mutuo; detrazioni per lavori di ristrutturazione etc etc ) il funzionario della banca mi ha consigliato di fare un atto notarile di separazione dei beni e di trasferire la mia quota di proprietà della casa attuale a mia moglie e acquistare la nuova casa intestandola a me. Specifico che il mutuo sarebbe interamente a mio carico.
    Cosa ne pensate? Quali possono essere le implicazioni di queste operazioni? Se potete datemi qualche consiglio.
    Grazie!
    Antonio
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    L'atto di separazione dei beni costa 700 euro come minimo, poi devi donare metà casa a tua moglie e quindi altro atto (costa più di 700 euro) più i soldi che si spendono a nome di tua moglie come tassazione per la sua ulteriore quota di prima casa...
    Poi altro atto di acquisto per la tua nuova prima casa.....
    Se acquisti come seconda casa:
    le spese di ristrutturazione le puoi detrarre anche se i lavori sono fatti su una seconda casa (non c'è alcuna differenza tra prima o centesima casa), gli interessi sul mutuo li puoi detrarre ugualmente basta che ti trasferisci come residenza in questa nuova casa......
    Faresti un solo atto notarile di compravendita....
    Ti rimarrebbe da pagare in più differenza di tassazione tra prima e seconda casa (IVA al 10% anzichè al 4%).
    Non ti rimane che valutare le spese nei due differenti casi...saluti.
     
  3. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Nelle valutazioni complessive del caso c'è da considerare la differenza di tassazione sia riguardo ai mutui per prima e seconda casa e le tasse degli enti locali che, come sappiamo sono differenziate tra prima e seconda casa.
    Grazie della risposta Essezeta67. Saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina