1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Guk

    Guk Nuovo Iscritto

    Salve,
    ho comprato quattro mesi fa ad un asta una villetta di due piani separati catastalmente. I due piani sono stati venduti in un lotto unico durante l'asta. Mi e' stato detto che per godere dell'agevolazione "prima casa" avrei dovuto riunire i due piani catastalmente separati. Di conseguenza, in sede di aggiudicazione dell'asta ho dichiarato che avrei provveduto alla riunione. La prima domanda e' la seguente: il suggerimento di riunire i due piani e' corretto nonostante essi fossero stati venduti come un lotto unico?

    Supponendo che il suggerimento fosse corretto, devo adesso procedere alla riunione dei due piani. La villetta ha gia' una scala esterna che porta al secondo piano. La scala e' sulla facciata dell'immobile ed e' accedibile dal giardino. La seconda domanda e': posso considerare la stessa sufficiente per la riunificazione? A rigor di logica la villetta e' gia un unico immobile e la scala e' privata e viene usata solo dall'unico proprietario

    Se la risposta fosse negativa, mi troverei costretto a riunire gli appartamenti internamente. In tal caso, vorrei risparmiare il piu' possibile sugli spazi interni. La terza domanda: un ascensore interno sarebbe sufficiente per considerare i due immobili come connessi?

    Se la risposta fosse negativa, l'unica soluzione rimasta e' una scala interna? In tal caso avete dei suggerimenti per risparmiare sull'occupazione degli spazi.

    Grazie in anticipo
     
  2. mtr

    mtr Membro Attivo

    Parto dal fondo.
    I suggerimenti si possono dare solo dopo sopralluogo diretto, o minimo con i disegi in mano...
    Bisogna procedere ad un accorpamento vero e proprio, quindi con collegamento interno (sto escludendo l'aumento di volume che deriverebbe dalla chiusura della scala esterna in volume dedicato).
    Si tratta di una pratica edilizia -progetto- che deve rispettare le norme esistenti.
    Io sono architetto, queste cose sono il mio pane quotidiano, quindi posso dire con una certa tranquillità che sono cose normalmente piuttosto semplici da fare. Tutto sta al progettista...
     
  3. Guk

    Guk Nuovo Iscritto

    Grazie per la risposta. Mi sto rivolgendo a dei consulenti che mi permettano di rispettare le norme esistenti. Putroppo ho risposte diverse. In particulare: * in caso di accorpamento, una scala a chiocciola e' sufficiente? * in caso di accorpamento, un ascensore interno e' sufficiente? Lo scopo sarebbe quello di minimizzare l'uso interno di superficie pur tuttavia garantendo lavori a regola d'arte e nel pieno rispetto delle regole. Inoltre, l'uso di una scala esterna richiede l'aumento di volumetria. Questa situazione e' del tutto da escludere?

    Dove trovo dei regolamenti e delle normative che mi permettano di capire cosa sia lecito fare senza opinioni discordanti?
     
  4. mtr

    mtr Membro Attivo

    Bisogna consultare il Piano Regolatore, individuare in quale zona si trova l'immobile e leggere le Norme di Attuazione che vigono in quella zona.
    Poi bisogna leggere il Regolamento Edilizio Comunale, dove è scritto 'in quali modi' gli interventi si possono realizzare.
    A fianco, bisogna avere le norme igienico-sanitarie.
    Per un 'non addetto ai lavori' può essere difficoltoso fare tutte queste verifiche: direi che i primi due regolamenti -spesso ormai anche on line- possono essere n buon inizio. Eventualmente poi approfondire con un progettista (tanto per i lavori bisogna presentarlo, il progetto).
    Escludo il discorso 'ascensore' in quanto elemento non edilizio, ma esclusivamente tecnologico.
    La scala a chiocciola non è elemento che si possa definire 'permesso' o 'vietato': dipende dalle norme del Regolamento Edilizio, e quello di igiene, che definiscono i parametri che un elemento di collegamento verticale deve rispettare.
     
    A Daniele 78 e Guk piace questo messaggio.
  5. calian29

    calian29 Membro Ordinario

    Inquilino/Conduttore
    Salve, ho il tuo stesso problema come si può risolvere la questione esiste una normativa in merito?basta una scala removibile?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina