1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. volevofareildams

    volevofareildams Nuovo Iscritto

    Il canone di locazione si può aumentare successivamente alla stipula del contratto?

    Quanto alle spese di registrazione, è legittima, secondo voi inserire in contratto una formula di questo tipo:

    "Tutte le spese relative alla registrazione del presente contratto ed ai successivi rinnovi saranno a carico del conduttore".

    Si attendono lumi...
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dalla L. 392/78 :
    Art.8. (Spese di registrazione). Le spese di registrazione del contratto di locazione sono a carico del conduttore e del locatore in parti uguali.
    Art.32. (Aggiornamento del canone). Le parti possono convenire che il canone di locazione sia aggiornato annualmente su richiesta del locatore per eventuali variazioni del potere di acquisto della lira. Le variazioni in aumento del canone non possono essere superiori al 75 per cento di quelle, accertate dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche ai contratti di locazione stagionale.
    SUNIA Salerno, legge 392/78
     
  3. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    La clausola citata la puoi inserire, ma vincola solo le parti contraenti.Per ll'AdE vige la responsabilità solidale delle parti contraenti. Il canone si può variare con la registrazione di un atto di rettifica.
     
  4. volevofareildams

    volevofareildams Nuovo Iscritto

    Grazie Maria55.
    In contratto si può inserire che le spese di registrazione sono a carico del conduttore! che bella notiziaaaaaaa!!:)
    Quanto all'aumento del canone, secondo voi in contratto va inserita una clausola del tipo"il locatore si risera in futuro di aumentare il canone di locazione"?

    Come funziona in questi casi?
     
  5. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista

    Puoi aumentare il canone, ma solo attraverso l'adeguamento ISTAT.
     
  6. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La clausola citata la puoi anche inserire ma sarebbe contro la legge, quindi nulla.
    Puoi invece convenire che siano interamente a carico del conduttore i bolli per la registrazione e le quietanze.
    Il canone si può aumentare aldifuori da quanto previsto dall'art. 32 della legge 392/78 solo se anche il conduttore è d'accordo, non certo per iniziativa del solo locatore.
    Ogni clausola inserita in tal senso in contratto sarebbe ugualmente nulla perché contraria alla legge.
     
  7. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Solo i bolli per le quietanze. Il contratto di locazione sconta il bollo all'origine.
     
  8. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In fase di registrazione del contratto di locazione si applicano o si pagano (in caso di registrazione telematica) le marche da bollo.
    Cosa vuol dire che "sconta il bollo all'origine" ?
    Non è contro la legge stabilire che le marche da bollo per la registrazione siano interamente a carico del conduttore.
    L'imposta di registro invece va suddivisa al 50% tra locatore e conduttore.
     
  9. tommi

    tommi Nuovo Iscritto

    Un aumento diverso dal normale adeguamento ISTAT dev'essere chiaramente indicato nel contratto al momento della registrazione.
    Esempio: canone mensile di euro 400 per il 1° anno, 430 per il 2° anno, 460 per il 3° anno, e così via...
    per quanto riguardo il resto del post:
    Il costo delle spese di registro va diviso a metà tra le parti secondo quanto dispone l’art. 8 della Legge 392/78 mentre il costo delle marche da bollo (14,62 euro)da applicare sui contratti rimane a carico del solo conduttore secondo quanto dispone il Decreto Ministeriale 30-12-2002 pubblicato sul Supplemento Ordinario N. 59 della Gazzetta Ufficiale n. 85 dell’11 aprile 2003 che, nei testi dei contratti tipo previsti dalla Legge 431/1998, recita “Tutte le spese di bollo, di quietanza e di esazione canoni, sono a carico del conduttore
     
  10. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il D.M. da te citato dice ciò solo nella stesura dei "contratti tipo", ossia negli allegati A, B, C, ecc. che riguardano i contratti ad uso abitativo diversi da quello "standard", ovvero libero ad uso abitativo, regolato dall'art. 2 della L. 431/98. Si tratta dei contratti ad uso temporaneo e per studenti.
    Per i contratti ad uso diverso da quello abitativo (come nel caso in questione) ci si riferisce solo alla Legge 392/78.
    Pertanto non vi è una norma che prescrive che i bolli debbano essere a carico del conduttore, la cosa è lasciata alla libera contrattazione delle parti.
    Per quanto riguarda gli aumenti che citi, invece, inseriti nel contratto, si tratta del cosiddetto "canone progressivo" ed è senz'altro un'opzione ammessa dalla legge.
     
  11. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Che un atto sconta il bollo all'origine significa che sin dalla stipula devi applicare la fatidica marca da bollo di € 14,62 per ogni 100 righe. Infatti se il contrassegno del bollo riporta una data successiva alla data di stipula l'adE ti richiede sanzione e interessi. Quindi redigere un contratto di locazione in regola con il bollo ricade nella responsabilità dei contraenti tutti.
     
  12. volevofareildams

    volevofareildams Nuovo Iscritto

    Ok, la legge prevede che le spese di registrazione vadano ripartire tra locatore e conduttore ma che succede se in contratto scrivo che sono a carico del conduttore? e quest'ultimo ovviamente accetta?

    E poi cosa si intende per "spese di quietanza e di esazione canoni".
    Scusate l'ignoranza:confuso:
     
  13. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se scrivi che tutte le spese sono a carico del conduttore fai un patto contrario alla legge, quindi nullo.
    Le spese di quietanza sono le marche da bollo che metti sulle ricevute che rilasci per il pagamento del canone di locazione, ovvero Euro 1,81 se l'importo della ricevuta è maggiore di Euro 77,47.

    Si, questo è ovvio, ma che c'entra con il thread in questione ? Qui si parla di spese di registrazione, che ovviamente comprendono sia l'imposta di registro che i bolli sul contratto. Mentre le imposte di registro vanno suddivise a metà tra locatore e inquilino per una precisa disposizione di legge, i bolli possono essere messi tutti a carico di una delle parti o suddivisi a metà o come meglio aggrada, basta indicarlo nel contratto. Era tutto qui il problema.
     
  14. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Non è così, per l'imposta di bollo e per quella di registro vige la stessa responsabilità "solidale" di tutte le parti contraenti
     
  15. volevofareildams

    volevofareildams Nuovo Iscritto

    Buon giorno forum.
    La norma relativa alla ripartizione delle spese di registrazione del contratto sembrerebbe proprio inderogabile, tuttavia, d'accordo con il conduttore inseriamo in contratto la seguente clausola:
    " Tutte le spese relative alla registrazione del presente contratto ed ai successivi rinnovi saranno a carico del conduttore.
    Sono altresì a carico del conduttore tutte le spese di bollo, di quietanza e di esazione canoni".


    Detto questo vi pongo un'altra domanda: un canone mensile di 500,00 euro come si fa concretamente ad aggiornalo in base all'indice istat? E quanto verrebbe, verosimilmente, il canone mensile per l'anno 2013?

    Non so se o in altrenativa al suddetto aggiornamento, mi conviene prevedere in contratto il canone progressivo, ad esempio 500 euro per il primo anno, 530 per il secondo....

    Si attendono lumi...
     
  16. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il conduttore potrà, se lo vorrà, richiedere quanto indebitamente anticipato.....

    Ipotizzando un Istat 3% :
    500+75% di 15------canone mensile 2013 di € 511,25
     
  17. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma cosa c'entra ? :shock:
    La responsabilità solidale è nei confronti dell'erario, qui si parla di ripartizione delle spese tra locatore e conduttore.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina