• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

mariooo

Membro Junior
Proprietario Casa
#1
Il 30 aprile 2019, scadrà il contratto di locazione 4+4 in cedolare secca. Essendo io il proprietario dell'immobile ho intenzione di proporre un nuovo contratto (sempre in cedolare secca) con una maggiorazione modesta del canone d'affitto. Non avendo altri interlocutori ed essendo sicuro del rinnovo, sono obbligato a produrre ed indicare la certificazione APE nel nuovo contratto? Inoltre esiste un termine temporale entro il quale comunicare all'inquilino l'aggiornamento del canone con il nuovo contratto? Un ultima cosa, alla cessazione del contratto devo comunicare all'Agenzia delle Entrate la chiusura del contratto tramite il modulo RLI? Grazie in anticipo per i vostri suggerimenti, come sempre preziosi.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
#2
Se la scadenza del 30/4/19 è la prima (ossia il contratto fu stipulato nel 2015), hai solamente la facoltà di diniego del rinnovo del contratto, dandone comunicazione al conduttore con preavviso di almeno sei mesi, se esiste uno dei motivi elencati nell'art. 3 della legge n. 431/1998.
Non hai la facoltà di imporre un nuovo contratto con un canone aumentato.
L'attuale contratto si rinnoverà alle medesime condizioni per un periodo di quattro anni, fino al 2023.
Se invece la scadenza del 30/4/19 è la seconda (il contratto fu stipulato nel 2011), ciascuna delle parti ha diritto di attivare la procedura per il rinnovo a nuove condizioni o per la rinuncia al rinnovo del contratto, comunicando la propria intenzione con lettera raccomandata da inviare all'altra parte almeno sei mesi prima della scadenza. La parte interpellata deve rispondere a mezzo lettera raccomandata entro sessanta giorni dalla data di ricezione della raccomandata di cui sopra. In mancanza di risposta o di accordo il contratto si intenderà scaduto alla data di cessazione della locazione. In mancanza della comunicazione di cui sopra il contratto è rinnovato tacitamente alle medesime condizioni.
 
Ultima modifica:

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#3
alla cessazione del contratto devo comunicare all'Agenzia delle Entrate la chiusura del contratto tramite il modulo RLI?
La comunicazione all'Agenzia delle Entrate col mod. RLI deve essere fatta solo in caso di risoluzione anticipata.
Nel tuo caso, il 30/04/2019 scadrà il quadriennio. Quindi non dovrai comunicare nulla all'Agenzia delle Entrate perché il contratto giungerà alla sua scadenza naturale.

Se stipulerai un altro contratto di locazione, dovrai scrivere nel nuovo contratto una clausola per la quale il conduttore dichiara di aver ricevuto il certificato APE.
 

ensiro

Membro Attivo
#4
Mi inserisco nella discussione per chiedere: se entrambe le parti sono d'accordo a rinnovare il contratto alle stesse condizioni, devo inviare la comunicazione RLI ( come mi è stato richiesto anche per il rinnovo dei primi 4 anni)? Grazie
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#5
devo inviare la comunicazione RLI
Ogni rinnovo (o proroga, il significato è praticamente lo stesso) del contratto di locazione deve essere comunicato all'Agenzia delle Entrate col mod. RLI.
Nel caso di un contratto 4 + 4, se la locazione continua dovrai comunicare il rinnovo alla scadenza di ogni quadriennio.
 

ensiro

Membro Attivo
#6
Grazie per la risposta. Se non sbaglio, per i possessori di più di dieci appartamenti (ed è il mio caso), il mod. RLI deve essere inoltrato per via telematica. Essendo solo una proroga è possibile derogare da questo e inviarlo in modo normale via posta?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#7
Essendo solo una proroga è possibile derogare da questo e inviarlo in modo normale via posta?
teoricamente no. Ma potresti trovare qualche ufficio che lo accetta. Attento però: se non in cedolare secca devi versare l'imposta di registro: e se poi non ti accettano la registrazione cartacea, ti trovi a riversare telematicamente e chiedere il rimborso della prima (.... ed aspetti qualche anno come è capitato a me).
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#9
Se sei in cedolare secca, non devi anticipare nessuna imposta, quindi se la presenti per tempo puoi sapere se l'hanno accettata.
Cero che se hai il pin dispositivo, non vale la pena seguire una strada aleatoria.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Cosa devo fare x farmi pagare i danni, x il momento ho mandato una raccomandata x avvisare di sistemare i danni prima di uscire, poi se non sistema cosa faccio i danni sono pari a 1000€ tra pulizie (preventivo impresa pulizie di 250€ x un monolocale) x farvi capire le condizioni. Imbiancata come da contratto., frigorifero rovinato ecc..
Ho un problema con l inquilino, mi ha dato la disdetta, nella quale abbiamo concordato che la caparra andava a coprire le spese arratrate con un avanzo da me trattenuto x coprire le ultime bollette dopo la sua uscita. Non avendo effettuato volture. Fino a qui tutto bene e concordato. Oggi ad 1 mese dalla sua uscita, ho effettuato un sopraluogo concordato e mi sono accorto che ho dei danni, ma non ho più la caparra
Alto