1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. elo75

    elo75 Membro Junior

    Salve, ho stipulato un contratto in data 01/10/2010 a canone libero e tassazione ordinaria, in aprile ho inviato la raccomandata agli inquilini per l'adesione alla cedolare secca e la rinuncia agli aumenti del canone e agli aumenti Istat, ma in seguito alla confusione generata dalla cosa non ho versato alcun acconto in luglio. Poi a fine settembre gli inquilini sono andati via ed io ho stipulato un nuovo contratto con nuove inquiline nel quale specificavo l'adesione alla cedolare secca e per il quale ho versato regolarmente l'acconto in novembre.

    Ora ho già consegnato il modello 730 e dovrò pagare una bella cifra sui canoni percepiti nel 2011 per il primo contratto.
    Rileggendo per caso la circolare 20E del 04/06/2012 mi è sorto un dubbio, ma se io oggi versassi con ravvedimento operoso l'acconto ed il saldo per i canoni del primo contratto (circa 6200€ sui quali calcolare il 92%, giusto?) potrei usufruire della cedolare secca e con un mod 730 rettificativo recuperare una parte delle tasse che dovrei pagare?
    Immediatamente pagherei di più in quanto aumenterebbe anche l'acconto della cedolare, ma tanto quelli li pagherei cmq l'anno prox..
    Spero di non essere stato troppo tortuoso, qualcuno riesce a darmi un consiglio se è fattibile la cosa e il gioco vale la candela??

    Grazie
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Puoi tranquillamente tornare al CAF, spiegare chiaramente la situazione, farti fare un 730 integrativo, fare un ravvedimento operoso (sei ancora in tempo per pagare le sanzioni ridotte).
    Gli acconti non versati nel 2011 non li puoi più versare, dato che il 2011 è ormai trascorso, al massimo paghi il saldo) ma con il ravvedimento versi le sanzioni e gli interessi e sistemi tutto.
     
  3. elo75

    elo75 Membro Junior

    Ciao Alberto intanto grazie, ma quindi con il ravvedimento operoso cosa dovrei versare?
    Direttamente il saldo del 92% dei canoni percepiti nel 2011 con relativi interessi e sanzioni?
    Perchè un utente al quale tu avevi risposto ( http://www.propit.it/f83/ravvedimento-cedolare-secca-2011-a-20212/#post103542 ) ha ragioanto sul discorso del ravvedimento operoso sia per l'acconto che per il saldo..

    Grazie
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Perchè serve per calcolare le sanzioni e gli interessi basandosi sugli importi che avresti dovuto e sulle date entro le quali avresti dovuto pagare.
    la sanzione è in percentuale, ma per poterla applicare devi avere un imponibile su cui calcolarla, e gli interessi calcolati giorno per giorno hanno bisogno di due date ( data prevista e data effettiva del versamento = giorni di ritardo).

    Per il 2011 se il CAf ha già preparato il 730, il saldo che ne scaturisce contiene già gli importi che avresti dovuto versare come acconto. Secondo me, dovresti versare solo le sanzioni e gli interessi. Ma devi verificare con il CAF qual'è la data di riferimento per il saldo. La dataq di riferimento iniziale per il calcolo dei giorni ( e degli interessi) è il 30 Novembre 2011.
    Se per ipotesi si regolarizza tutto in data 30 giugno 2012,
    pagherai interessi:

    31 giorni ritardo (2011) all'interesse legale del 2011
    182 giorni ritardo (2012) interesse legale del 2012

    Per non sbagliare, vai dal CAF che ha tutti gli elementi per fare le cose correttamente.
    Ciao
     
  5. elo75

    elo75 Membro Junior

    Proverò ad andare al CAF, ma in effetti ad oggi il mio 730 ha solo gli importi calcolati come acconto/saldo per il secondo contratto del 2011, il primo è stato inserito coem tassazione normale, da qui il problema..
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quì la situazione si complica: bisogna verificare se il primo contratto era ordinario o con cedolare secca. Sta di fatto che anche con l'ordinario, se non avevi dei grossi crediti di imposta o per altri motivi, avresti dovuto versare gli acconti e di conseguenza dovresti ricorrere comunque al ravvedimento operoso.
    Riguardo alla risposta precedente:
    - le date di riferimento per il calcolo degli interessi comprendono anche quella relativa alla scadenza del primo acconto: 6 luglio 2011 (verifica con il Caf) da cui dovresti calcolare altri giorni di ritardo , che dovrebbero essere 365-6 = 359 giorni.


    Il link che hai allegato si riferiva al caso di un utente che non aveva ancora presentato il 730 e che aveva tentato di regolarizzare "in proprio" (senza inserimento nel 730 e coinvolgimento del sostituto) il saldo delle imposte.
     
  7. elo75

    elo75 Membro Junior

    Hai capito perfettamente, il primo era a tassazione ordinaria, poi in aprile ho mandato la raccomandata agli inquilini x l'adesione alla cedolare secca, ma nn avendo versato nessun acconto nè saldo sui canoni perceipti dal primo contratto volevo provvedere ora con il ravvedimento operoso e poi ripresentare il modello 730 rettificativo, secondo i miei conteggi dovrei risparmiare ancora qualcosa, certo è uno sbattimento, xò..
     
  8. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La rettifica del 730 devi farla immediatamente, prima che ti versino il saldo dell'imposta ordinaria, ed è probabile che si possa regolarizzare (dipende dal Caf, non dalla legge) seguendo la procedura da te indicata e cioè versando acconti e sanzioni + interessi.
    Attenzione che se versi l'imposta ordinaria salta fuori che non hai pagato l'imposta di registro + bolli.
    Viene fuori un saino infernale. meglio sistemare subito.
     
  9. elo75

    elo75 Membro Junior

    Si, io pensavo che siccome i conteggi e quindi le trattenute le faranno a partire dal cedolino di luglio, potrei cmq fare il ravvedimento operoso, poi fare il rettificativo.
    Su quel contratto i bolli di registrazione e chiusura li ho regolarmente pagati all'epoca, ma ormai son perse quelle..
     
  10. luix73

    luix73 Membro Attivo

    siamo sicuri che in questo caso possa fare la cedolare retroattiva per il contratto già risolto nel 2011?
    A settembre per risolvere il contratto ha consegnato modello 69 e cosa ha scritto sul modello? Cedolare si o cedolare no?
    Io ho un caso analogo chiuso ad Agosto con modello 69 in cui ho scritto che non avrei applicato la cedolare poichè avevo pagato l'IRPEF.
    Ora se potessi vorrei applicare la cedolare.
     
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io penso che con quella circolare si possa sanare solo l'errore "formale" della mancata o ritardata comunicazione all'inquilino.
    Al limite chi non ha versato gli acconti è ancora in tempo per fare un ravvedimento operoso, ma chi ha versato acconti IRPEF tratatndo il contratto come se fosse stato ordinario, ha compilato il mod. 69 in una certa maniera, ha già compilato il 730, non è che si "incasina" ancora di più ?
     
  12. elo75

    elo75 Membro Junior

    In effetti è davvero un casino, io mi sono fatto i conti e alla fine avrei risparmiato circa 300€ ma sbattendomi nn poco, anticipando soldi con il ravvedimento, e sopratutto non avendo la certezza che l'AdE non mi contestasse qualche errore formale o altro, alla fine come avrete capito, ho preferito rinunciare..
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina