1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Tcollo

    Tcollo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Dai documenti del figlio non si evince un guadagno congruo per pagare l'affitto, quindi vi chiedo se fare il contratto al genitore o chiedere la firma come garante. In attesa di una gradita risposta, saluto
     
  2. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In casi analoghi ho fatto il contratto cointestato al genitore e al figlio.
    Specificando nel contratto stesso che l'immobile dovrà essere destinato esclusivamente ad uso di civile abitazione del sig. …..(il figlio).
    Così entrambi i conduttori sono obbligati in solido al pagamento del canone e degli oneri accessori (spese condominiali, riscaldamento).
     
    A possessore e Franci63 piace questo messaggio.
  3. Tcollo

    Tcollo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie infinite... anche per la rapidità di risposta!
     
    A uva piace questo elemento.
  4. moralista

    moralista Membro Senior

    Professionista
    Il genitore o chi per esso, può essere garante in un contratto di locazione anche se non cointestato
     
  5. happysmileone

    happysmileone Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Si ma in questo caso devi pagare la tassa di registro sull’importo garantito ( se non erro il 3%) . Coin testando nulla è dovuto invece
     
  6. Tcollo

    Tcollo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Fatemi capire ,se il genitore firma come garante devo pagare il 3% oltre la cedolare secca del 21%?!?
    Mi sembra strano!
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 3, comma 2, ultimo periodo, del D. Lgs. n. 23/2011:
    Sui contratti di locazione aventi a oggetto immobili ad uso abitativo, qualora assoggettati alla cedolare secca di cui al presente comma, alla fideiussione prestata per il conduttore non si applicano le imposte di registro e di bollo.

    E, quando è dovuta l'imposta di registro sulla fideiussione, l'aliquota è lo 0,50%, e non il 3%.
     
    A possessore piace questo elemento.
  8. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Occorre distinguere due casi per capire se bisogna pagare l'imposta di registro sulla garanzia:

    1) Fideiussione prestata da terzi: non si paga;

    2) Garanzia di terzi diversa dalla fideiussione: si paga lo 0,50%, anche se il locatore ha optato per la cedolare secca.
    Lo 0,50% si calcola sul canone annuo moltiplicato per la durata del contratto (4 anni per un contratto libero 4 + 4, oppure 3 anni per un concordato 3 + 2).
    Si deve comunque versare l'importo minimo di 200 euro.

    Circa la differenza tra i due tipi di garanzia (e quindi l'obbligo di pagare l'imposta oppure no), ne avevamo parlato qui:
    Fisconline: cedolare secca e imposta di registro
     
  9. Tcollo

    Tcollo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ma se nel testo contrattuale non menziono i termini :garante e fideiussione, posso ovviare al pagamento?
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Proprio usando nel testo contrattuale il termine fideiussore (o "presta fideiussione", ecc.) ti metterebbe al riparo da contestazioni.
     
    A uva piace questo elemento.
  11. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questo l'avevo pensato anch'io.
    Però ho dei dubbi su come compilare il mod. RLIweb - Sezione I - per registrare il contratto.

    Farei così:
    Tipo di garanzia: codice 1 (fideiussione prestata da terzi).

    Codice fiscale del garante: non scriverei nulla. Ma non so se si debba indicare comunque, anche quando il "garante" in realtà è un "fideiussore".

    Importo garanzia prestata da terzi: qui mi pare di capire che si deve indicare comunque l'importo della somma garantita.
    Il software non dovrebbe calcolare l'imposta dello 0,50% perché è stato indicato il codice 1 nel "tipo garanzia".

    Grazie di eventuali pareri e consigli.
     
  12. Tcollo

    Tcollo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Per evitare qualunque errore io andrei direttamente all'ufficio delle entrate a registrare il contratto.
    Un'ultima cosa,sul contratto ho scritto :
    La signora Caio, genitrice del conduttore si obbliga in solido con il figlio Tizio a garantire l'assolvimento finanziario che discende dal presente contratto... .. E in calce scrivo:Garante quindi nessun importo di garanzia.
     
  13. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Forse è meglio scrivere che la sig.ra Caio si dichiara fideiussore (per non ricadere nel caso di garanzia di terzi).

    Anche se vai allo sportello dell'Agenzia delle Entrate, devi portare il mod. RLI cartaceo compilato in tutte le sue parti. Quindi fa attenzione alla compilazione dei campi relativi alla garanzia/fideiussione!
    Se scrivi "garante" è probabile ti dicano che devi pagare l'imposta di registro 0,50% sulla garanzia.

    E' opportuno aggiungere nel contratto di locazione che il fideiussore rinuncia espressamente al beneficio della preventiva escussione del debitore principale (art. 1944 Cod.Civ).
    Art. 1944 codice civile - Obbligazione del fideiussore
     
  14. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina