1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. maddygvr

    maddygvr Nuovo Iscritto

    Buongiorno,
    scrivo subito perchè ho necessità urgente di prendere in affitto un garage.
    Dopo averne visti alcuni tarmite un'agenzia, ne avevo individuato uno che sembrava proprio fare al caso mio.
    Al momento di redigere il contratto che doveva avere durata 6 mesi rinnovabili, però, è venuto fuori che la proprietaria in realtà non lo è ancora in via effettiva, perchè in possesso del solo compromesso di vendita. Il rogito sarà effettuato in data da destinarsi per 'problemi burocratici'.
    Mi è stata proposta una scrittura privata sempre di 6 mesi al posto del contratto, che secondo l'agenzia avrebbe il medesimo valore e mi tutelerebbe nei confornti della legge.
    Sinceramente sono molto dubbiosa, vorrei fare le cose in regola.
    Qualcuno mi può aiutare?
    Grazie in anticipo
    Maddy
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Io la vedo così:
    Il promissario acquirente che desidera locarti il garage, faccia un vero e proprio contratto di locazione, in modo che tu sia tutelata. Se lui è il promissario acquirente, lo può fare, il contratto di locazione è valido, e ne tu ne lui hai motivo di contestarlo.
    La condizione di essere nella disponibilità del bene, in base ad un preliminare di acquisto, lo abilita a sottoscrivere un contratto di locazione.
     
  3. maddygvr

    maddygvr Nuovo Iscritto

    Grazie mille!!!!!
    E' proprio quello che pensavo anch'io, stavo 'annusando' un tentativo di eludere il contratto :???:
     
  4. mario marchetti

    mario marchetti Nuovo Iscritto

    Secondo me il promittente compratore non può effettuare nessun contratto di affitto, nè vantare altri diritti sul bene promesso, fino a che non viene stipulato il contratto di fronte al notaio. Il compromesso (lo dice la parola stessa) è una scrittura privata nella quale non vengono trasferiti diritti, ma ci sono solo promesse di stipula di un contratto. Ritengo quindi che il contratto di affitto debba essere stipulato dal promittente venditore e poi, una volta stipulato il contratto di vendita, trasferito al compratore.
     
    A borriello e bolognaprogramme piace questo messaggio.
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Sicuramente la teoria è questa, ma se analizzi bene le cose stanno in questa maniera:
    A) Il promittente acquirente è intenzionato ad acquistare, ha versato un congruo acconto e quindi si sente ragionevolmente sicuro che nulla si frapporrà all'esito positivo dell'acquisto.
    B) Assodato il punto A) si decide di sottoscrivere un contratto di affitto, se il conduttore lo accetta, per nessuno motivo, nessuno ha nulla da contestare, il promittente venditore, non ha interesse a contestare, il promittente acquirente è colui che si avvantaggia del canone, il locatore ha firmato e nulla gli gioverebbe contestare a liceità del contratto.
     
  6. mario marchetti

    mario marchetti Nuovo Iscritto

    Adriano, a quello che dici si potrebbe anche non stipulare contratti, tanto se va tutto bene con ci sono problemi....... Credo che un contratto stipulato come dici non abbia alcuna efficacia di fronte alla legge a meno che i contraenti non siano in buona fede, nel qual caso però andrebbero incontro a problemi in caso di inadempienza delle parti non ultimo quello di dimostrare la buona fede. Poi, ripeto, trattandosi di compromesso l'acquirente non acquista sul bene nessun diritto, pertanto non può usare lo stesso come se ne fosse proprietario, indipendentemente dalle intenzioni del venditore e la caparra versata. Tutto il resto penso siano solo discorsi.
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  7. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Tutto vero, io mi sono rifatto ad un'esperienza personale, dove la ricerca del locatore era arrivata a buon fine, prima che fossero concluse le pratiche dell'intestazione dell'immobile. Tutto si basa sul fatto che gli interessi coincidano, e quindi, se anche come dici tu, non vi sono reali diritti del promissario acquirente, è altresì vero che per un lasso di tempo breve, non vi sono interessi contrastanti tra i tre attore, il venditore, l'acquirente e futuro locatore, e il conduttore.
    All'occorrenza funziona, come dire, acquisto se riesco a locare, nel momento in cui trovo il conduttore, firmo il preliminare e il contratto di locazione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina