1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Eriprando

    Eriprando Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti, vorrei sottoporre una situazione forse rara ma non di certo unica.
    Mi trovo ad avere un immobile accatastato A3 di circa 100mq ben finestrato, con un lato (nord) seminterrato e il lato sud con affaccio sul canale, e con altezze max di 235 cm.
    L'immobile è antico ma non vincolato, sicuramente fin dai primi '800 è sempre stato adibito ad abitazione, forse destinata alla servitù, in quanto sono presenti una classica cucina ottocentesca con grande cappa in muratura; due bagni e una stanza lavanderia con classico grande lavado in graniglia per lavare il bucato.
    Ho fatto ricerche sull'immobile e ho trovato una foto della metà dell'800 che dimostra che tutto è rimasto tale e quale, non sono mai stati eseguiti lavori di ristrutturazione, e di conseguenza non è mai stato richiesto alcun certificato di abitabilità.
    In municipio presso gli uffici edilizia privata, mi hanno detto che non potrò mai ricevere l'abitabilità.
    Cosa posso fare? Io vorrei poterci mettere residenza.
    Esiste anche un vecchio impianto a gas, sicuramente fornito in origine dall'allora azienda comunale: questo non potrebbe considerarsi una tacita certificazione sull'abitabilità dell'immobile.
    Mi rivolgo a voi confidando di poter ricevere delle indicazioni utili a risolvere il problema.
    Eriprando
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai scritto che "è sempre stato adibito ad abitazione"...ma chi e quando lo ha usato in tal senso?
     
  3. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    IMMOBILI LA CUI COSTRUZIONE È INIZIATA ANTE 1/9/1967

    ..."Non sussiste pertanto per le vecchie costruzioni, l’obbligo di richiedere il nuovo certificato di agibilità così come disciplinato dal T.U., e ciò in quanto o perché già rilasciato in base al DPR 425/1994 ovvero, se non rinvenibile perché trattasi di costruzione molto risalente, il problema si sposterà in sede di commercializzazione.

    In tale occasione il venditore potrà eventualmente dichiarare che il bene non ha subito alcun intervento ai sensi delle lettere b) e c) del DPR 380/2001. "...

    se non sono mai stati eseguiti lavori di ristrutturazione, dovresti verificare se al catasto risultino le planimetrie originali, conformi all'esistente
    invece secondo me l'impianto a gas va verificato e adeguato alle normative vigenti (anche l'impianto elettrico), e poi certificato dal tecnico
     
  4. Eriprando

    Eriprando Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Intanto grazie a tutti per l'attenzione. Rispondendo a Dimaraz, l'ultimo contratto di locazione risulta cessato nel 1989.
    Rispondendo invece a Gattaccia, facendo una ricerca al catasto, ho trovato delle vecchie planimetrie che corrispondono e che risalgono all'inizio del '900. Unica modifica che forse potrebbe fare la differenza è che questo piano era collegato al piano superiore "piano nobile" tramite una scala interna che nel 1988 e in atti dal 1998 è stata chiusa, facendo classificare l'immobile in questione A3, mentre quello al piano superiore A1.
    Ho già messo in preventivo il rifacimento degli impianti, ma la mia domanda è se potrò o meno metterci la residenza, non avendo l'agibilità, pur rimanendo un immobile A3.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se ho inteso l'ultima locazione è antecedente xi 10 anni la modifica.
    Dubito la questione sia risolvibile ma trattandosi di un immobile "storico" devi far valutare da un tecnico preparato in loco.
     
  6. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ma quando è stata chiusa la scala interna, nessuno ha chiesto l'agibilità a fine lavori?

    comunque per quanto riguarda la tua residenza (proprietario), secondo me dovresti informarti presso il tuo Comune se per il cambio di residenza è necessario presentare il certificato di agibilità (da me no, basta mettere il nome fuori e poi passa il vigile a controllare)

    invece in caso di eventuale locazione, mi pare che per gli immobili ante 1967 o comunque sprovvisti di certificato, il contratto di locazione è valido se il conduttore sa che non esiste il certificato o se comunque gode dell'immobile secondo la sua destinazione d'uso, sono uscite parecchie sentenze al riguardo
     
  7. Eriprando

    Eriprando Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
  8. Eriprando

    Eriprando Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Provo a porvi un'altro quesito. Secondo voi è possibile ottenere una polizza assicurativa, qualora riuscissi a mettervi la residenza, sull'immobile ad uso abitativo, dichiarando l'assenza di un certificato di agibilità?
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La variazione per frazionamento deve essere stata accompagnata dalle relative planimetrie. Il relativo progetto l'avreste dovuto presentare anche al Comune.
     
  10. Eriprando

    Eriprando Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Nella visura storica dell'agenzia delle entrate compare questo frazionamento con un numero e anno. Altri tipi di intervento non sono mai stati fatti. Venezia è piena di immobili mezzanini antichi che per secoli sono stati abitati, pur non essendo tutti i palazzi vincolati, mi domando perchè non possano rientrare in una categoria particolare visto che comunque sono una caratteristica tipica di questa zona.
     
  11. Eriprando

    Eriprando Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Mi sà che sarà bene che mi rivolga ad un'addetto ai lavori, che possa fare un'indagine scorica dell'edificio. Confido che nel dimostrare che l'immobile è stato fin dall'inizio un'abitazione, seppur della servitù, si possa ottenere almeno la possibilità di mettervi la residenza.
     
  12. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Probabilmente parli di un frazionamento del lotto nel catasto terreni. Ed è strano in quanto essendo il fabbricato del 1800 la situazione dovrebbe apparire dall'accertamento fatto in fase di attivazione del catasto fabbricati. Parliamo del 1940-45.
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Sarebbe stato il primo passaggio da seguire perché certamente un tecnico locale può conoscere meglio le norme locali e può fare le opportune ricerche presso gli uffici pubblici, catasto e comune.
     
  14. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    sono chiaramente locali che rispondono alle caratteristiche costruttive dell'epoca per la servitù dove poter dormire al coperto vicino al posto di lavoro era considerata una fortuna.
    Non so neanche come abbiano fatto a classificarlo A3 visto che non c'è l'altezza per l'abitabilità.
    O lo lasci così e ci fai una specie di museo da far visitare ai turisti, oppure devi abbassare il pavimento in modo da rispettare le norme per l'abitabilità.
     
  15. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    è una questione pelosa, tecnicamente se ci abiti lo puoi fare, in fondo è sempre stato abitazione, se presenterai una pratica qualsiasi per lavori, ti risponderanno che non puoi adibirlo ad abitazione perchè non ha le caratteristiche, l'agibilità, come scrive gattaccia non dovrebbe essere necessaria per pratiche che non siano la compravendita
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina