1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ffarigu

    ffarigu Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Mi rivolgo @JERRY48 che ha risposto al mio quesito ma io ho omesso di dire che non esiste sentenza del giudice in quanto la mia è una separazione solo di fatto dal momento che mia moglie non ha mai accettato la separazione consensuale nè io ho potuto affrontare le spese per una separazione legale. La casa coniugale (di mia esclusiva proprietà), dopo il mio allontanamento è rimasta a mia moglie e a mia figlia di 44 anni e disoccupata dove vivono ormai da 18 anni, mentre io 18 anni fà ho comprato una piccola casa (dove vivo attualmente) che ho intestato a mia figlia. Stanti così le cose mi vedo costretto a pagare l'IMU della casa dove vive mia moglie come seconda casa e altrettanto per la casa dove vivo io (di proprietà di mia figlia). Sono costretto, con la mia pensione di 900€, a pagare 1.500€ di IMU per due case uniche per me e per mia figlia, perchè considerate ingiustamente come seconde case. Purtroppo per la legge la mia separazione di fatto (da 18 anni sia io che mia moglie viviamo in due case diverse pur se nello stesso Comune) non mi permette di produrre giustificazioni legali emesse da un tribunale e nonostante viviamo separati da 18 anni , per la legge siamo sempre coniugi a tutti gli effetti e poichè mia moglie vive nella mia casa ed io vivo nella casa di mia figlia sono costretto a pagare l'IMU per due seconde case ed io con la mia pensione di 900€ non ce la faccio a pagare 1.500€ di IMU. Sono costretto a pagare per la casa dove vive mia moglie perchè io sono l'unico proprietario (1.000€ di IMU) e per la casa dove vivo io perchè mia figlia non ha mai lavorato e non ha alcun reddito (500€ di IMU) in conclusione 1.500€ per 2 seconde case che in realtà sono due prime e uniche case!
    Come posso uscire da questo ginepraio? Qualcuno mi può aiutare e darmi dei giusti consigli per venirne fuori? A tutti quelli che mi potranno dare anche qualche piccolo aiuto porgo i miei ringraziamenti e i più sentiti saluti

    Francesco Farigu
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Tua moglie non ha accettato la separazione consensuale ed abita nella casa di tua proprietà. Allora ti chiedo: perchè hai acconsentito?
    Non sta pagando affitto, pur essendo pensionata e non paga neanche l'IMU?
    A mio parere le hai concesso troppo, magari in modo bonario da parte tua.
    Chiediglelo direttamente che si faccia carico almeno dell'IMU.
    Questo il mio parere. Auguroni.

    Altri forumisti più competenti ti sapranno consigliare meglio.
     
  3. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Mi sembra giusta l'osservazione di Jerry: almeno un contributo alle spese da parte della moglie... Perchè non fai prendere la residenza anagrafica a tua figlia nel suo appartamento? Poi sta dove vuole...
    A getto, verrebbe da dire: scambiatevi le case, ma immagino che sia troppo complicato....:)
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  4. ffarigu

    ffarigu Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se mia figlia cambiasse residenza ci sarebbe il problema delle utenze domestiche le quali da 18 anni sono a carico mio. Lo scambio delle case non è possibile visto che la casa coniugale rimasta a mia moglie è di 230mq mentre quella dove abito io è di 50mq!!!!!! Se l'IMU la pago io o se la pagasse mia moglie sarebbe sempre come 2^ casa e sarebbe pur sempre una grossa ingiustizia perchè io ho un'unica casa e pure mia figlia!! Grazie Jerry per un tuo parere e altrettanti ringraziamenti a te Elisabetta.

    Jerry, dalla casa coniugale sono andato via io perchè non sopportavo più la convivenza e lei non mi concedeva la separazione consensuale. Ho vissuto da separato in casa per oltre 8 mesi poi non ce l'ho fatta più e me ne sono andato via dando così a mia moglie il diritto di abitazione sulla casa coniugale, di mia esclusiva proprietà, ed ora mi sono precluso ogni possibilità di rientro visto che mia figlia di 44 anni, nubile non ha mai avuto un reddito proprio non avendo mai lavorato (pur essendo ragioniera). Attendo un tuo parere. Grazie
     
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Alt! Ora tiri fuori il diritto di abitazione che hai concesso a tua moglie. Se hai un atto pubblico, L'IMU la deve pagare tua moglie.

    Altri forumisti più competenti ti sapranno consigliare meglio.
     
  6. ffarigu

    ffarigu Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ci siamo separati e basta . Lei di quà io di là senza legalizzare nulla. Per legge noi viviamo insieme ma da 18 anni in case separate (distanti l'una dall'altra 10km) nello stesso Comune! Questa è la situazione e le spese grosse sono a mio carico per ambedue le case! E' un'ingiustizia!!!!!!!!!!!!!
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Voi invece non vivete insieme, né per la legge, né per altro.

    Quale problema? Ci sarebbero invece evidenti vantaggi. Tua figlia, che è il solo soggetto passivo IMU, ora non la pagherebbe, essendo sospesa per l'abitazione principale (ma ovviamente dovrebbe effettivamente dimorare abitualmente con te). Per l'energia elettrica, si pagherebbe meno, essendo per uso residente. Ci sarebbe però la perdita della riduzione di 1/3 della TARSU, venendo meno la condizione di unico occupante. Tua moglie, nel contempo, acquisirebbe quella riduzione, nel caso divenisse l'unica occupante della sua attuale abitazione.
     
  8. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa, che cosa impedisce a tua figlia di trovarsi un lavoro? Nel nostro condominio c'è un ragazzo del Bangladesh che fa le pulizie con un regolare contratto di lavoro. Dico e sottolineo: viene dal Bangladesh, non dal quartiere limitrofo al nostro!
     
  9. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Allora ffarigu, per l'appartamento intestato a tua figlia, quest'ultima se ha la residenza ,gode dell'agevolazione prima casa, per l'altra casa, dove vive tua moglie che è tale a tutti gli effetti di legge in quanto per legge NON siete separati, puoi trovare un accordo per portare lì la tua residenza e godere TU delle agevolazioni prima casa per l'IMU.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Occorre che effettivamente vi dimori abitualmente e quindi abbia l'iscrizione anagrafica corrispondente.

    Per avere la residenza in un dato luogo occorre effettivamente dimorare abitualmente in quel luogo.
     
  11. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Infatti.
    :stretta_di_mano:
     
  12. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    in teoria si, nella pratica poi....
     
  13. ffarigu

    ffarigu Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    MIA FIGLIA VIVE CON LA MAMMA E NON VUOLE AVERE IL DOMICILIO DOVE ABITO IO (CIOE' NELLA SUA CASA). Sono obbligato a presentare documentazione al Comune per dimostrare che sulla casa di mia figlia ho il "comodato d'uso gratuito"? Se cambia la legge potrei utilizzare questo tipo di contratto per pagare l'IMU come prima casa. Grazie per il tuo parere Nemesis.[DOUBLEPOST=1371488924,1371488679][/DOUBLEPOST]Manuela, non basta portare la mia residenza nella casa dove abita mia moglie (cioè la mia casa) perchè dovrei avere anche il domicilio fiscale con relative utenze domestiche e mia moglie non me lo consente. Devo aspettare che venga concessa l'agevolazione prima casa per il comodato d'uso gratuito che per legge può essere anche solo verbale: E' vero? Che ne pensi Manuela?
     
  14. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Penso che dovresti chiedere la separazione addebitando la colpa alla consorte, dato che ti impedisce di entrare a casa tua, la faccenda delle bollette invece non è rilevante
     
  15. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se il tuo comune ha deliberato agevolazioni IMU per il comodato gratuito tra parenti, probabilmente richiederà delle autocertificazioni. Se non ha deliberato in tal senso, puoi presentare tutto quello che vuoi ma non avrai alcuna agevolazione.
    Saluti.
     
  16. ffarigu

    ffarigu Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie a quanti mi hanno dato il loro aiuto con pareri e consulenze legali.

    Francesco Farigu
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina