• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

mg1

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buon giorno,
aiuto aiuto aiuto!
Mi rivolgo a voi con ricerca sul corretto modo di comportarsi in una situazione che è andata a complicarsi da un impostazione a favore di entrambe le parti in un incubo stressante.

L'anno scorso a marzo, in qualità di promittente acquirente firmo un compromesso (registrato regolarmente) con scadenza (non perentoria) ma cmq entro il 30.09.18 dove si specifica che, in quanto la casa nessita di sanatoria e io necessito di mutuo, la scadenza possa essere prorrogata in accordo tra le parti - facciamo la proroga con scadenza 31.03.19

Nel compromesso si specifica che le parti potranno prorrogare se:
- serve + tempo per la sanatoria
- serve + tempo per l'errogazione del mutuo

La sanatoria viene concessa a dicembre 2018 (al venditore)
Il mutuo viene concesso inizio febbraio 2018 (a me)
Quindi, incarico il notaio che richiede a mezzo mio geometra incaricato alcuna documentazione + contatto del referente della banca dove il promittente venditore ha ancora acceso un mutuo ipotecario
Fissiamo la data inizio marzo .19 per il rogito ed il promittente venditore:
- non invia alcuna documentazione neanche quella banale (solo da andare a prendere in comune)
- non risponde all'email della comunicazione della data
- si rifiuta di passare il contatto della banca sua per vedere quanto è necessario alla copertura del mutuo che è da estinguere

Poi, mi chiama e mi dice che ha bisogno di + tempo, senza saperlo quantificare, asserendo che ha dovuto innestare una pratica a mezzo avvocato per richiedere i conteggi da parte della sua banca. (non mi fornisce alcuna data, alcun riferimento e si inalbera pure quando chiedo il contatto dell'avvocato da passare al notaio in modo che possano vedere loro come e quando fare)

Conseguentemente, penso di non poter rifissare con il notaio, dato che non abbiamo a disposizione ancora alcuni elementi base necessari per elaborare la relazione da inviare alla mia banca per l'ok e l'errogazione del mutuo.
Specifico che la pratica del mutuo concessomi ha una scadenza : 31.03.18

Aggiungo 3 elementi importanti a completamento quadro:
Si parla nel caso mio di aver versato la caparra confirmatoria di 40k (1/2 a compromesso e 1/2 poco dopo rilascio sanatoria).
Avevamo fissato che nel caso la sanatoria non fosse andata a buon fine, oppure il mutuo, avrebbe restituito la caparra con sotrazione di 1K/cad. mese di ns. permanenza.
Inoltre, come evidenziato nel compromesso (dato che doveva essere tutto molto veloce) ho traslocato nella casa, prendendone possesso in attesa di diventarne proprietaria.
La attuale proprietaria sta nella cantina che è uno spazio indipendente, dove poco fa ha accolto il suo figlio che si è da poco separato e, nel weekend, ci stanno in 3, perché arriva anche il piccolo nipotino x stare con il papà.

In sostanza, una bella situazione di cacca, potete immaginare.

Ho quindi 2 domande (e spero davvero che qualcuno possa indirizzarmi):
- quali passi sono necessari per poter arrivare a fissare una data entro la scadenza della mia pratica del mutuo?
- posso, e se sì comme liberarmi da questa situazione del cacchio senza perdere alcunché (che mi sembrerebbe logico, dato che io ho fatto tutto quello che c'è da fare ed è il venditore che mi sta facendo penare ed è inadempiente).
Considerate che la caparra versata è stata spesa parecchio - per la sanatoria e anche per il fatto che il venditore non ha un lavoro fisso. Sto considerando seriamente anche quest'opzione.

A cercare di combinare le cose perbene, venendo incontro agli altri per aiutare, vedi te come sto adesso...
Help.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Purtroppo c'è stata una serie enorme di errori.
Se non si sa ancora quanto è il mutuo residuo, e il venditore traccheggia, c’è il rischio concreto che sia più alto della somma che deve ricevere, e sarebbe un problema enorme. Forse per questo ha messo di mezzo un avvocato.
Anche prendere possesso della casa , senza avere certezze, è stato un gran rischio.
Inoltre, da quanto dici, hai avuto solo una predelibera reddituale, non ancora l’ok al mutuo, che avrai quando la banca avrà visto i documenti necessari , e il nataio avra fatto la sua relazione in merito.
Se si supera il 31/3 senza novità, dovrai interpellare un avvocato ( ma forse già da subito è meglio) , per esaminare quanto firmato; non è chiaro se ci sono condizioni sospensive o c’era solo la possibilità di proroga, e vanno lette attentamente tutte le clausole.
Temo che rivedere la caparra, se è già stata spesa, potrà essere molto molto difficile.
nel caso la sanatoria non fosse andata a buon fine, oppure il mutuo, avrebbe restituito la caparra con sotrazione di 1K/cad. mese di ns. permanenza.
Anche questa clausola va letta bene, per le notevoli implicazioni .
 

mg1

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ciao, Grazie x la celerità.
sì, sono consapevole del rischio legato al possesso anticipato, d'altronde dovevo stare da qualche parte.
Questo è un problema relativo - posso anche ritraslocare. Mi girano, ma è fattibile.

Quello che genera perplessità è, che la proposta di cifra mossa da parte mia è stata accettata dalla p.venditore dicendo pure che era ok e in modo consapevole rispetto all'ipoteca esistente. (mi ha detto che aveva visto i conteggi)

Non posso mica farmi portare avanti nel tempo così. Tutti in stallo.
Oppure la p.venditrice spera che scade il contratto per essere libera? Ad ogni modo è tenuta a restituire la caparra. mmm.

Se vi vengono in mente suggerimenti, o se qualcuno che legge è un avvocato - benvenga!
La strada missà è quella a breve.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se vi vengono in mente suggerimenti, o se qualcuno che legge è un avvocato - benvenga!
La strada missà è quella a breve.
Magari qualcuno di "simile" ti ha già risposto.

Purtroppo hai (avete) firmato un accordo "in bianco"... tanto valeva che quelle che ora "ti girano" le appoggiassi sopra una incudine ...solo che poi declini al femminile quindi è tutto "pleonastico".

Non si comprende quali documenti il venditore ti debba produrre... che lui abbia un mutuo o contestazioni con la sua banca non è un tuo problema.
Tu compri un immobile che deve essere libero da ipoteche...se il venditore non riesce a disporre in tal senso l'inadempienza è solo sua.
Ma tu aggiungi anche
dato che non abbiamo a disposizione ancora alcuni elementi base necessari per elaborare la relazione da inviare alla mia banca per l'ok e l'errogazione del mutuo.
che è in contraddizione con il fatto che tu sia pronto per il Rogito.

Devi decidere se rivolgerti ad un legale (nuove spese senza garanzia di rientro) oppure rimanere per almeno 40 mesi e poi decidere.
 

mg1

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ciao, grazie.
Di fatto ho un po' intrecciato.
Ad oggi non è possibile passare all'atto, perché p.venditore si rifiuta di consegnare contatti referente sua banca ed i conteggi relativi alla ipoteca esistente.
Ha fatto scrivere da un suo avvocato alla banca. Sarà per avere i conteggi ?- non credo. Non vuole passare neanche il contatto del suo avvocato.

Quindi, è inadempiente.
Io sono pronta con tutto.
Vedremo. Ci sarà un modo per ottenere questi conteggi della sua ipoteca?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buona sera a tutti, volevo fare una domanda.
Volevo sapere se un bene bcnc può essere donato?
iole ha scritto sul profilo di Pignata.
ho letto che hai accatastato molte piscine, puoi inviarmi qualcosa iolebenevento@gmail.com?
Alto