1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. martin gala

    martin gala Nuovo Iscritto

    In un piccolo condominio in città (3 piani fuori terra, 6 appartamenti) un tubo (diametro di 3-4 cm) di scarico del troppo pieno di una cisterna condominiale di acqua potabile corre sotto il pavimento di un magazzino esistente nel seminterrato dello stabile, entra in un pozzetto nel quale converge un altro tubo di scarico apparentemente inutilizzato, esce dal magazzino e si immette nel collettore comunale delle acque bianche che corre sotto il piano stradale nelle vicinanze.
    Va precisato che il magazzino è di proprietà di un singolo condomino e che le acque scorrono per pendenza naturale senza pompa di sollevamento.
    Durante l'imperversare di una pioggia alluvionale di eccezionale intensità e durata che ha interessato tutta la città la condotta comunale è risultata inadeguata allo smaltimento delle acque piovane, si è completamente riempita ed è andata in pressione: si è di conseguenza verificato un rigurgito nell'ultimo tratto del tubo di scarico del condominio che ha provocato il sollevamento del coperchio del pozzetto e l'allagamento del magazzino in cui erano giacenti merci di valore appartenenti all'affittuario del locale.
    La polizza assicurativa del condominio non contempla questo tipo di sinistro.
    A questo punto sarò grato per ogni argomentata risposta che verrà data alle inevitabili domande che seguono.
    Chi deve risarcire i danni che sono ingenti?
    Il comune può considerarsi estraneo alla vicenda?
    In un magazzino possono essere conservati oggetti di valore sproporzionato al livello di sicurezza del luogo, facendo ricadere su tutti i condomini, completamente all'oscuro della situazione di potenziale rischio, le conseguenze onerose di eventi naturali assolutamente eccezionali?
    Il magazzino, che conteneva centinaia di capi di vestiario e mobili di pregio, è stato sgomberato senza chiamare a constatare i danni l'amministratore del condominio: è possibile a questo punto arrivare ad una stima del danno subito basandosi su una documentazione fotografica e su una perizia di parte?
     
  2. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    far intervenire l'amministratore, se esiste l'assicurazione aprire il sinistro, altrimenti se l'impianto fognario e di tutto il condominio il quale dovrà assumersi tutte le spese da dividersi x mm. di pp.
     
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    credo che in un magazzino in affitto chinque possa custodire quello che vuole purchè non pericoloso senza dir nulla nessuno ma deve poi provare i danni che dice di aver subito. le assicurazioni prima di stimare il risarcimento che mi daranno se mi ammalo vogliono verificare come sto.. dunque il tipo che prove può produrre? foto? di quando? del giorno prima, dell'anno prima? il condominio ovviamente deve, salvo risciure ad addossare la spese al comune in seguito, ripristinare subito lo stato antecedente per mettere l'affittuario di nuovo in condizione di godere dell'immobile.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina