1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. texfranco

    texfranco Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    A fronte di una proprieta' data in usufrutto con contratto di locazione in corso si rende necesario rifare il cotratto di locazione?

    Nel rimanere in attesa di qualche lume cordiali saluti e auguroni

    grazie

    texfranco
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Assolutamente no, sarà opportuno informare il conduttore che i canoni di affitto dovranno essere versati all' usufruttuario Sig......
    Auguri :fiore:
     
    A arianna26 piace questo elemento.
  3. uGuccione

    uGuccione Nuovo Iscritto

    ho qulche dubbio! Se l'usufruttuario muore senza che sia scaduto il contratto di affitto, quid iuris? Per questo ritengo che debba intercorrere un nuovo contratto nel quale sia precisata la qualifica (Usufruttuario) del locatore, nonchè la circostanza che il contratto - anche se non è scaduto il termine - cesserà in ogni caso con la morte del locatore.Ciò a tutela del conduttore.
    Buone Feste.
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dal Codice Civile :
    1599. (Trasferimento a titolo particolare della cosa locata). Il contratto di locazione è opponibile al terzo acquirente (1603), se ha data certa (2704) anteriore all’alienazione della cosa.
    La disposizione del comma precedente non si applica alla locazione di beni mobili non iscritti in pubblici registri, se l’acquirente ne ha conseguito il possesso in buona fede (1147, 1153).
    Le locazioni di beni immobili non trascritte non sono opponibili al terzo acquirente, se non nei limiti di un novennio dall’inizio della locazione (2643, n. 8, 2644, 2923).
    L’acquirente è in ogni caso tenuto a rispettare la locazione, se ne ha assunto l’obbligo verso l’alienante (1505, 1600 ss.) (1).
    (1) L’art. 7 della L. 27 luglio 1978, n. 392, ha sancito la nullità della clausola che prevede la risoluzione del contratto in caso di alienazione della cosa locata.

    1602. (Effetti dell’opponibilità della locazione al terzo acquirente ). Il terzo acquirente tenuto a rispettare la locazione (1599, 1600) subentra, dal giorno del suo acquisto, nei diritti e nelle obbligazioni derivanti dal contratto di locazione (1406 ss.).

    1603. (Clausola di scioglimento del contratto in caso di alienazione) (1). Se si è convenuto che il contratto possa sciogliersi in caso di alienazione della cosa locata, l’acquirente che vuole valersi di tale facoltà deve dare licenza al conduttore rispettando il termine di preavviso stabilito dal secondo comma dell’art. 1596. In tal caso al conduttore licenziato non spetta il risarcimento dei danni, salvo patto contrario (1625, 29234).
    (1) L’art. 7 della L. 27 luglio 1978, n. 392, sancisce la nullità di questa clausola.

    1606. (Estinzione del diritto del locatore). Nei casi in cui il diritto del locatore sulla cosa locata si estingue con effetto retroattivo (1360), le locazioni da lui concluse aventi data certa (2704) sono mantenute, purché siano state fatte senza frode e non eccedano il triennio (1445, 1458).
    Sono salve le diverse disposizioni di legge.

    Auguri :fiore:
     
    A arianna26 piace questo elemento.
  5. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    In questi casi di subentro in un contratto di locazione pendente è sufficiente cambiare l'intestazione dal precedente locatore al nuovo locatore che è appunto l'usufruttuario. Il contratto, in sostanza, prosegue nel rispetto di tutto il suo contenuto.
     
  6. texfranco

    texfranco Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie per il contributo AUGURI
     
  7. uGuccione

    uGuccione Nuovo Iscritto

    Art. 999 c.c. , 2 comma:
    "Se la cessazione dell'usufrutto avviene per la scadenza del termine stabilito, le locazioni non durano in ogni caso se non per l'anno. ...."
    Auguri

    Aggiunto dopo 11 minuti :

    Rimangio tutto!!!!!!!
    Concordo con le risposte fornite perchè non avevo riflettuto sulla circostanza che la morte dell'usufruttuario - pendente il contratto di affitto - restaura la situazione antecedente la costituzione dell'usufrutto: il locatore riacquista la piena
    proprietà ed il contratto continua in capo a lui.
    Anche i geni possono sbagliare (naturalmente ioci causa).
    Ancora Auguri.
     
  8. texfranco

    texfranco Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    e per l'AGENZIA delle ENTRATE ?relativamente all'IRPEF ?


    grazie

    texfra
     
  9. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Occorre dare comunicazione all'Agenzia del subentro e conseguentemente da lì in poi sarà il subentrato a percepire i frutti e a farsi carico dell'IRPEF
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina