1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Valerio Vegni

    Valerio Vegni Membro Ordinario

    Salve,
    esistono alternative legali e registrabili, rispetto alla locazione?
    In rete si legge di alternative che potrebbero ridurre IMU/tasu/tares etc..ed IRPEF su abitazioni, e solo IRPEF su locali non abitativi.

    Qualcuno sa qualcosa in merito?
     
  2. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Qualora necessitino di alloggio parenti o conoscenti, l'alternativa c'è: il contratto di comodato.
     
  3. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ti contraddico,
    Per l'IMU non c'è possibilità di riduzione se non in quei comuni che hanno concesso agevolazioni per la cessione di fabbricati a parenti prossimi, quindi non c'è comodato o altro che faccia ciò.
    A me ad esempio su un appartamento che ho al 50% e nel quale risiede mio fratello che ha l'altro 50% devo pagare la mia IMU e mio fratello essendo prima casa paga (o non paga) questa solo sul suo 50%.
    Per le altre non ho certezze, a Roma per non pagare la tassa sui rifiuti occorre che l'apparrtamento non abbia allacciata l'energia elettrica, ed anche qui il comodato essendo "gratuito" non trasferisce l'onere di pagare le imposte che rimangono sempre su chi concede il comodato.
    Luigi
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    ma quei comuni sono scomparsi, e/o sono nascosti
     
  5. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Mi correggo.
    In alcuni Comuni, per parenti fino a un certo grado, l'alternativa c'è: il contratto di comodato.
    Uno di questi comuni è Recanati.
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il grado di parentela che può essere previsto per l'assimilazione all'abitazione principale è solo uno: il primo.
     
  7. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Solo i figli e i genitori?
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    I parenti di primo grado sono solo quelli.
     
  9. linteo

    linteo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Credete sia possibile registrare un contratto a canone concordato tra genitori e figlio, con un canone di 1 euro al mese? In questo caso, l'aliquota IMU, sarebbe ridotta, le spese di registrazione sono nulle, e non ci sarebbe reddito imponibile IRPEF.
     
  10. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ma il canone si chiama concordato perchè è un ACCORDO tra le parti ? ....io lo chiamavo canane libero

    ....il canone CONCORDATO, mi pare, sia quello che rientra in alcune specifiche tabelle...
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì, ma solo se quel canone non è inferiore al canone minimo previsto dall'Accordo territoriale.
    Solamente nel caso che il comune abbia così previsto.

    Solamente se il locatore opta per il regime della cedolare secca.
     
  12. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Allora i Recanatesi sono matti: i gradi di parentela per accedere all'aliquota ridotta (8,6 permille) del comodato sono due: il primo e il secondo.
     
  13. linteo

    linteo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    hai ragione, infatti c'è sempre un minimo, quindi...strada non percorribile !
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Un conto è l'assimilazione all'abitazione principale. Un altro conto è prevedere un'aliquota ridotta.
     
  15. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Importante è pagare con 8,6 permille l'IMU di un'u.i. data in comodato a un parente entro il secondo grado (ad esempio, al figlio di una sorella).
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Peccato che il figlio di una sorella sia un parente di terzo grado.
     
  17. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    E' vero. Parliamo allora della sorella.
     
  18. Valerio Vegni

    Valerio Vegni Membro Ordinario

    ringrazio tutti per le risposte,
    non ho ben capito però se esistono alternative a prescindere oppure se a seconda dei comuni e degli occupanti gli immobili si possano applicare agevolazioni specifiche?

    Riguardo al canone concordato, mi pare di ricordare che riguardasse i comuni ad alta densità abitativa, con tariffe a metro quadro contenute all'interno di un range stabilito da un accordo siglato dal Municipio e dalle categorie del settore, vero?

    In pratica: la cedolare secca l'ha stabilita lo Stato, per cui qualsiasi abitazione sul territorio Nazionale può usufruire di tassazioni agevolate, mentre se l'abitazione si trova in un Comune specifico può essere affittata a canone concordato e su questo canone si può applicare anche la cedolare secca e le collegate agevolazioni?
     
  19. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Casa tua in che comune si trova? Qual'è la sua categoria catastale? Devi darla in comodato ad un parente? Di che grado?
     
  20. Valerio Vegni

    Valerio Vegni Membro Ordinario

    Si vuole affittare un negozio C1 situato in un piccolo comune calabrese, ad un affitto ragionevole e non rimetterci troppo in tasse. Il proprietario, con la riscossione dell'affitto non vorrebbe sforare la soglia IRPEF ad aliquota superiore, essendo al momento dipendente a tempo indeterminato.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina