1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. maria savina

    maria savina Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buon giorno, è la prima volta che mii inserivsco per creare una nuova discussione. Tra qualche giorno si svolgerà l'assemblea ordinaria di condominio, vale a dire quella che approva il consuntivo (come sempre, e voi lo avete ben chiarito, avviene in questo ordine e non viceversa), la nomina dell'amministratore, dei consiglieri, il preventivo, e qualche altra voce o richiesta da alcuni condomini o pensati dall'amministratore.
    Desidero conoscere se alcune ripartizioni di spesa siano state fatte nel modo corretto. Nella fattispecie l'amministratore ha utilizzato la tabella spese di manutenzione, ovvero quella che utilizza i millesimi in base all'altezza del piano. Le spese ivi ripartite sono:
    - sanzioni per inosservanza norme raccolta differenziata (a Milano nei condomini vi sono quattro tipi di cassonetti: bianco per carta, giallo per plastica, verde per vetro e nero per l'umido);
    - sostituzione lampadine (nelle cantine e scale);
    - canone manutenzione estitori;
    - revisione apparecchiature antincendio;
    - ripristino pulsante apertura cancello pedonale;
    - acquisto chiavi servizio condominiale;
    - sostituzione cassetta wc bagno condominiale;
    - abbonamento pulizia rete fognaria orizzontale;
    - intervento urgente disostruzione rete fognaria.
    Devo inoltre precisare che il condominio è costituito da due stabili, uno verso strada e l'altro nel cortile; quest'ultimo ha tutte le dipendenze (acqua, luce, fogna, cantine) dallo stabile verso strada perchè così lo ha costruito l'acquirente nel dopoguerra, rovinando inoltre il primo stabile che risale al 1930. Nel 1980 la proprietà indivisa ha deciso di vendere e la maggior parte degli affittuari (me compresa) ha aquistato l'unità in cui abitava.
    Il regolamento allegato al rogito è di titpo contrattuale (così mi è parso di capire dalle vostre discussioni che giornalmente visiono), ma guarda caso, è stato firmato dal primo che ha effettuato il rogito (diventando così lo stabile un condominio); nelle prime assemblee l'amministratore di parte (per il primo anno) lo ha solamente illustrato ai condomini nelle prime convocazioni: non mi risulta che sia mai stato approvato in assemblea, sia pure per presa visione.
    Una porzione di cantina, piuttosto ampia è stata acquistata come secondo acquirente, da un artigiano elettricista che per regolamento lo doveva utilizzare solo come depostito: ciò è avvenuto per circa 20 anni. Per disavventure di quest'ultimo il deposito è poi diventato luogo di lavoro (con permanenza di persone) e si è poi chiesto l'aumento dei millesimi da 8 a 25 ca. La tabella millesimale è quindi diventata non più 1000, ma 1025. Mi chiedo da tempo se la stessa non dovrebbe essere rivista sopratutto in virtù delle parti comuni. Dimenticavo: io sono all'ultimo piano del primo edificio, per cui in base all'altezza piano pago di più.
    Scusate la mia lunga e logorroica descrizione. Attendo vostri pareri.
     
  2. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    Non e’ piu’ necessaria l’unanimita’ per cambiare le tabelle millesimali di un condominio. D’ora in avanti bastera’ un voto a maggioranza dell’Assemblea. A sancirlo e’ la sentenza n° 18477 del 9 agosto 2010 con cui la Corte di Cassazione ha dato il via a una vera rivoluzione nei condomini di tutta Italia.
     
  3. maria savina

    maria savina Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Di questo ne ero a conoscenza, ma del criterio di ripartizione cosa ne dite? Grazie.
     
  4. maria savina

    maria savina Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Aggiungo dopo: A seguito di un colloquio preliminare con l'amministratore lo stesso ha dichiarato che essendo un regolamento di tipo contrattuale (dice imposto dal venditore e al quale non va posta alcuna accettazione: "se ti va compri l'appartamento con il regolamento altrimenti vai") non è possibile modificarlo, a meno che non vi siano articoli ingruenti o in contrasto con altri articoli dello stesso. E' esatto tutto ciò??? Per quanto attiene il riparto delle spese che ho più sopra citato, sempre lo stesso amministratore, che è in carica da due anni, sostiene che si attenuto a quanto indicato nel regolamento stesso.
    Mi chiedo: visto che il regolamento precisava che le cantine sono destinate al deposito di materiale come ha potuto quel signore modificare la destinazione d'uso???
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina