1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. reger

    reger Nuovo Iscritto

    Salve esattamente il 19 agosto di quest'anno abbiamo deliberato diversi lavori tra cui l'automazione del cancella condominiale a parte gli altri lavori che sono stati eseguiti sempre secondo me in modo errato ora siamo circa 10 giorni che l'amministartore ha fatto togliere il cancello lasciando il condominio totalmente aperto, prima almeno il cancello rimaneva chiuso in parte segnalando che si trattava di proprietà privata,e non rispettando inoltre la decisione deliberata in altra assemblea che stabiliva l'apertura del cancello in metri 3,20,io chiedo non doveva l'amministratore anche se sta eseguendo dei lavori fare in modo che l'apertura corrispondesse alla decisione presa dal condominio?Inoltre c'è qualche articolo per obbligarlo ad eseguire il lavoro immediatamente?Grazie
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    L' amministratore non è il solo responsabile di tutto.
    Credo che l' assemblea abbia deliberato di affidare il lavoro ad una ditta specializzata, la quale si presume che stia svolgendo il lavoro a regola d' arte.

    Forse è opportuno che Lei si relazioni con l' amministratore, ed ottenga così le informazioni che Le permettano di seguire il progresso dei lavori deliberati dall' assemblea.

    Buona serata!
     
  3. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Caro Reger,i compiti dell'amministratore sono ben precisati dall'art.1130 cod.civ.
    E tra questi al punto 1) si precisa che egli "deve eseguire le deliberazioni dell'assemblea dei condòmini e curare l'osservanza del regolamento di condominio":compito che s'attaglierebbe al caso da te esposto.
    Laddove il condominio sia scontento dell'operato dell'amministratore può far valere i suoi diritti nelle sedi più opportune (ricorso all'assemblea,azione giudiziaria..).
    Dalla tua esposizione sembrerebbe che la scelta sugli operatori dei lavori non sia stata del tutto felice (càpita spesso!) ed allora,in termini pratici,perchè non lo affrontate per chiarire il tutto,rinviando per il momento diffide scritte o azioni che corromperebbero i vostri rapporti?
    Di norma nei condominii vengono nominati uno o due consiglieri:potrebbero farsi avanti loro,non ti pare?
    Spero che questi semplici consigli potranno essere di aiuto a te ed ai tuoi condòmini.....
    Gatta
     
    A maidealista piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina