1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. esselte50

    esselte50 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti in anticipo per l'attenzione.

    Un condomino aveva tentato già anni addietro di ampliare il suo terrazzo a vasca senza autorizzazione da parte degli uffici competenti. A suo tempo per questo motivo si era riusciti a bloccarlo prima dell' inizio lavori ora sembra invece che sia riuscito ad ottenere le autorizzazioni necessarie.

    Riporto il testo completo della circolare ricevuta dai condomini nei giorni scorsi dall'amministratore per ns. informazione:

    "La presente circolare per segnalare che il sig. xxx ha ottenuto da parte della sovraintendenza l'autorizzazione all' allargamento della terrazza con utilizzo delle sue intercapedini (laterali).
    Allargamento già autorizzato dall'assemblea in data marzo 2011, anche per consentire il deflusso
    delle acque piovane direttamente nello scarico pluviale.
    Il sig. xxxx che ci scrive in merito per darne informativa a tutti, evidenzia che provvederà a dar corso ai lavori nei prossimi mesi e che naturalmente tale intervento e la sistemazione successiva saranno a suo completo carico come pure tutti i danni derivanti dai lavori ovvero da eventuali difetti degli stessi.
    In tale contesto appunto l'ampliamento della terrazza non verrà considerata porzione di tetto ma neppure lastrico solare, la sua manutenzione rimarrà interamente a carico del sig xxx o di suoi successivi aventi causa".

    Considerando i precedenti, secondo la vostra esperienza è tutto regolare? Desidereremmo che il condominio sia tutelato:
    - Possiamo chiedere in visione le autorizzazione della sopraintendenza?
    - l'impressione dei condomini è che i lavori x consentire il deflusso delle acque piovane direttamente nello scarico pluviale "condominiale" sia una scusa.
    Tutti i terrazzi hanno il loro scarico che funziona, secondo la Vs. esperienza se uno si sveglia al mattino
    e senza motivo vuole collegarsi allo scarico del tetto del condominio gli viene permesso?

    - per quanto riguarda i vari lavori di manutenzione del tetto ovvero in caso di rifacimento del tetto o altri interventi come dovrebbero venire divise le spese? Si dovrebbero ricalcolare i millesimi?

    Ancora una domanda, cosa che attualmente non è chiara ma.... se in futuro il sig.xxx decidesse di chiudere il terrazzo con una struttura (veranda) e noi ci trovassimo davanti all'atto compiuto, come dovrebbe comportarsi il condominio?

    Grazie mille per i vostri preziosi consigli/suggerimenti
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se è stato autorizzato dal condominio nel mese di marzo del 2011 e lui ha ottenuto l'autorizzazione non c'è alcun motivo ostativo. Lui è tenuto a farvi visionare il nulla osta della soprintendenza, perché sta intervenendo sulla struttura condominiale. Se lui ha dichiarato per iscritto che, tutti i costi dei lavori di manutenzione dell'ampliamento con l'occupazione del cavedio, se li sarebbe accollati, non c'è motivo di dubitarne.
    Infine se dovesse chiudere il terrazzo avrebbe bisogno del benestare del condominio, dell'autorizzazione comunale e del nulla osta della soprintendenza.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  3. esselte50

    esselte50 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie Gianco per la risposta comunque, il sig. xxx con l'allargamento del terrazzo
    (per come è strutturato il palazzo) , riduce la superficie originale del tetto ( parte comune dell' edificio) lateralmente e da ambo i lati.
    A me sembra che con questa operazione il sig. xxx aumenta il volume affettivo totale dell'appartamento.

    In caso di futuri interventi di manutenzione del tetto, in base a quali quote millesimali
    verrebbero suddivisi i costi? E' il caso di rivdere le tabelle sia per quanto riguarda il tetto che l'appartamento?
    Il costo rifacimento tabelle spetta a chi ha effettuato la variazione o a tutto il condominio?

    Grazie ancora per la disponibilità e professionalità
     
  4. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ciao ti rispondo anch'io, per avere un effettivo aumento di cubatura una porzione di terrazzo dovrebbe venire verandato, (chiuso su tutti i lati). Nel momento in cui uno non chiude su tutti i lati non hai un aumento di volume.
    L'aumento di volume andrebbe ad incidere non solo poi su oneri maggiori, ma anche sugli standard urbanistici intorno al condominio...

    sicuramente si, aumenterebbero i millesimi per quel proprietario


    http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?idSezione=14898



    A questa non saprei risponderti.
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non esiste aumento di volume, il comune non avrebbe rilasciato l'autorizzazione ed avrebbe preteso la richiesta di una concessione edilizia rilasciata dietro nulla osta condominiale. L'aumento di volume l'avrebbe dovuto pagare al condominio.
     
  6. esselte50

    esselte50 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti le le utilissime informazioni che a noi condomini saranno molto utili ed inoltre per la Vs. cortese disponibilità e professionalità
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina