1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. masagu

    masagu Membro Attivo

    Cari tutti quando ho acquistato l'appartamento vi erano delle spese straordinarie e deliberate dal vecchio proprietario. Vi è anche un foglio che attesta che queste spese verranno da lui pagate; l'amministratore però vuole che le paghi io ed eventualmente in seguito chiederò la riscossione del debito al vecchio proprietario. Adesso sto rivendendo casa e immagino che le spese deliberate dal vecchio proprietario debbano essere richieste sempre al vecchio proprietario che le ha deliberate. È così?
     
  2. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La Suprema Corte con sentenza n. 24654/2010 ha ritenuto che l’obbligo di pagare i contributi per le spese riguardanti opere di ristrutturazione delle parti comuni dell’edificio grava su colui che era proprietario al momento dell’adozione della delibera di approvazione delle spese stesse, a nulla rilevando il momento di effettiva esecuzione dei lavori.
    Per ciò secondo l’orientamento più recente nel caso di vendita di un appartamento, è tenuto alla spesa chi riveste la qualità di condomino al momento in cui viene adottata la delibera che autorizza il compimento di tali atti di amministrazione straordinaria.
    Nonostante pertanto la responsabilità solidale ai sensi dell’art 63 delle disp. Att. Codice civile tra acquirente e venditore, l’acquirente, richiesto del pagamento da parte del condominio per spese deliberate prima del rogito, è tenuto a pagare ma ha azione di rivalsa nei confronti del venditore.

    p.s. sei attivissimo nell'immobiliare. Come fai di questi tempi a vendere e comprare?
     
  3. masagu

    masagu Membro Attivo

    Bene grazie arciera...macché attivo figurati..è una lunga storia...quindi in poche parole il nuovo proprietario dovrà pagare all'amministratore le spese anche se non di sua competenza e poi è necessario rivalersi sul precedente proprietario (nel mio caso però dovrà rivolgersi al proprietario precedente a me....a colui cioè che ha approvato queste spese a suo tempo) è corretto? :occhi_al_cielo:
     
  4. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    entro due anni. non si può richiedere il rientro di spese superiori ai due anni per un condomino o ex condomino.
     
  5. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Con questa stessa logica, io sono stato fregato nel 2009 acquistando un box auto. C'erano 106 Euro di spese condominiali arretrate che il vecchio proprietario non aveva pagato e di cui naturalmente non mi aveva fatto menzione. I debiti seguono l'immobile e soprattutto chi ne detiene il titolo di proprietà, sicché l'amministratore ha chiesto a me di saldare il debito, ricordandomi che avevo diritto di rivalsa nei confronti del precedente proprietario. Ovviamente ho pagato e, data l'esiguità della somma, me la sono presa in saccoccia.
     
  6. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    oggi però nel rogito si richiede la liberatoria dell'amministratore da allegare all'atto.
     
  7. masagu

    masagu Membro Attivo

    E quindi? Se ci sono spese o ancora meglio cause lunghe per cui bisogna pagare l'avvocato non è possibile limitarsi a soli 2 anni no? Dove l'hai letto arciera?:occhi_al_cielo:
     
  8. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Interesserebbe anche a me la FONTE, arciera. Non ho mai letto che al rogito notarile di compravendita occorra allegare la liberatoria dell'Amministratore, e guarda che io l'ultimo rogito l'ho fatto a Settembre 2011, non nel 1975.
     
    A masagu piace questo elemento.
  9. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per le spese del condominio il codice con l’art. 63 disp. att. c.c. stabilisce che l’acquirente e il venditore sono responsabili per le spese relative all’anno nel corso del quale è stata stipulata la vendita e per l’anno precedente la vendita (art. 63 disp. att. c.c. “Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall’assemblea, l’amministratore può ottenere decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione. Chi subentra nei diritti di un condomino è obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all’anno in corso e a quello precedente).
     
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In virtù di quanto disposto dall'art. 63, ed al fine di evitare spiacevoli sorprese sia per il venditore che per l'acquirente, è consigliabile richiedere all'amministratore una liberatoria da allegare all'atto notarile che attesti che tutte le spese condominiali maturate sino alla data di vendita/acquisto dell'immobile siano state pagate.

    Tale documentazione deve essere richiesta dall'attuale proprietario; l'accesso a tale informazione non può essere richiesta dal futuro acquirente: finchè non c'è il rogito non ne ha diritto.
    Oggigiorno a quel che mi risulta a Roma non c'è notaio che non richieda questo allegato
     
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il promittente venditore garantisce inoltre che in relazione all’unità immobiliare promessa in
    vendita sita nel condominio di ………………… via ………………… n. ………. Amministratore
    ……………..
    con studio in ……………………. Tel. ……………………, non sussistono alla data del presente
    atto debiti per le precedenti gestioni e i pagamenti per la gestione in corso sono regolari e si impegnano a produrre idonea dichiarazione liberatoria sottoscritta dall’amministratore del condominio contestualmente alla data della stipula del rogito, attestante che tutte le spese condominiali fino alla data di consegna sono già state pagate.
    (da presentare all'atto del rogito).
    "Vi è anche un foglio che attesta che queste spese verranno da lui pagate" scrivevi. questa sarà la chiave per farti ripagare. meglio di così cosa vuoi?
     
    Ultima modifica: 7 Aprile 2014
  12. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    anni fa acquistai un immobile e dal venditore mi feci rilasciare un dichiarazione, in sede di rogito, che tutti i debiti erano estinti verso l'amministrazione e che qualunque altra cosa rimasta non evasa sino alla data del rogito non sarebbe stata pretesa a me.
    alcuni anni dopo un nuovo amministratore pretese dal sottoscritto la quota di spese legali per questioni risalenti al periodo precedente l'acquisto, ho consegnato la liberatoria e da allora non mi è stato più richiesto alcun pagamento.
    questo per confermare quanto asserito da arciera.
     
    A arciera piace questo elemento.
  13. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    grazie...amore...
     
  14. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    pas de quoi, mon tresor
     
    A arciera piace questo elemento.
  15. gingerina

    gingerina Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Interessante. Questa dichiarazione lo avevi come un foglio allegato al rogito? cioè un documento a parte di cui si faceva menzione nel rogito?
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Due rogiti in due anni ed ora il terzo (stiamo sistemando un pò di cose..) mi hanno detto che oramai è semplice routine dei notai a Roma inserirla come richiesta direttamente nel preliminare e quindi forzatamente presentato all'atto della vendita (rogito)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina