1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    L'argomento è sempre dibattuto e si ritiene utile quanto letto su "IlSole24ore" di cui per opportuna conoscenza di tutti riporto le ultime notizie sul controverso istituto:

    "IL SOLE 24 ORE
    Conciliazione senza trucchi.
    Il tentativo non può essere dichiarato esaurito solo se una parte non si presenta.
    Il ministero della Giustizia stringe le maglie sulla conciliazione. E con la circolare del 4 aprile della Direzione della giustizia civile chiude la porta a tentativi di conciliazione solo formali e richiama all'ordine i mediatori sul rispetto dei requisiti per potere esercitare l'incarico. La circolare fornisce così i primi chiarimenti a meno di un mese dall'entrata in vigore della conciliazione obbligatoria in alcune materie del contenzioso civile.
    Innanzitutto, il ministero della Giustizia dichiara di ritenere non corretto l'inserimento, nel regolamento di procedura dell'ente, di una disposizione che autorizza la segreteria a emanare una dichiarazione di conclusione del procedimento per mancata adesione della parte invitata ogni volta che quest'ultima non si è presentata all'incontro già fissato, non avendo comunicato tempestivamente la propria adesione oppure avendo comunicato di non volere aderire. Il ministero precisa che avere introdotto un tentativo di conciliazione come condizione di procedibilità nel giudizio civile ha un significato preciso. Infatti, «la mediazione obbligatoria è tale proprio in quanto deve essere esperita anche in caso di mancata adesione della parte invitata e non può, quindi, dirsi correttamente percorsa ove l'istante si sia rivolto ad un organismo di conciliazione ed abbia rinunciato, a seguito della ricezione della comunicazione di mancata adesione della parte invitata, alla mediazione». No quindi a scorciatoie "di comodo", anche perché, sottolinea la circolare, bisogna tenere presente che il mediatore può formulare la proposta anche in caso di mancata partecipazione di una o più parti al procedimento; in ogni caso è il mediatore che deve verificare se effettivamente la controparte non si è presentata anche perché la condotta di quest'ultima può avere una rilevanza successiva nel giudizio della magistratura. E ancora: il mediatore potrebbe ragionare con l'unica parte presente sul ridimensionamento o sulla variazione della sua pretesa da comunicare all'altra parte come proposta dello stesso soggetto in lite e non del mediatore.
    Quanto al profilo dei mediatori, la circolare sottolinea il rischio anche penale cui si espone chi, nel rispetto degli ampi margini che la normativa assegna all'autodichiarazione, attesta il falso. In particolare con riferimento alla dichiarazione sul possesso dei requisiti, si è chiesto di indicare: a) il titolo di studi; b) l'iscrizione a un ordine professionale; c) l'esperienza nella materia dei rapporti di consumo; d) la frequentazione di un corso di formazione presso un ente di formazione abilitato a svolgere l'attività di formazione dei mediatori sulla base dell'articolo 18 del decreto ministeriale 180 del 18 ottobre 2010, con l'indicazione della durata e della valutazione finale. Per Maurizio De Tilla, presidente Oua, «la circolare del ministero è illegittima, perché non tiene alcun conto del termine perentorio di quattro mesi, il cui decorso comporta l'automatica decadenza della procedura senza alcun verbale negativo del conciliatore. Inoltre, tende a far sostenere notevoli spese al cittadino che aderisce e non intende parecipare alla mediaconciliazione, non distinguendo tra adesione e partecipazione».
    IL SOLE 24 ORE
    Il testo della circolare
    Le alternative per diventare mediatori.
    01|LA FORMAZIONE. Avere frequentato e superato con esito positivo un percorso formativo di durata non inferiore a 50 ore tenuto e attestato dall'ente di formazione accreditato presso il ministero della Giustizia sulla base di quanto previsto dal decreto 180/10.
    02|LE 40 ORE. Avere frequentato e superato con esito positivo:
    - un percorso formativo di durata non inferiore a 40 ore tenuto e attestato dall'ente di formazione accreditato presso il ministero della Giustizia, sulla base del decreto ministeriale 222 del 23 luglio 2004, e del decreto 24 luglio 2006 del direttore generale della Giustizia civile;
    - aver frequentato e superato con esito positivo un percorso formativo di durata non inferiore a 10 ore tenuto e attestato dall'ente di formazione accreditato
    03|L'ISCRIZIONE
    - Avere ottenuto l'iscrizione, quale "conciliatore di diritto" in base all'articolo 4, comma quarto, lettera a) del decreto ministeriale 222/2004, presso l'organismo di mediazione accreditato presso il ministero della Giustizia;
    - aver frequentato e superato con esito positivo un percorso formativo di durata non inferiore a 10 ore tenuto e attestato dall'ente di formazione accreditato presso il ministero della Giustizia
    04|LA TRANSIZIONE
    - Avere ottenuto l'iscrizione, quale "conciliatore di diritto" in base all'articolo 4, comma quarto, lettera a) del decreto ministeriale 222/2004, oppure come "conciliatore" presso l'organismo di mediazione accreditato presso il ministero della Giustizia sulla base del decreto 180/10;
    - fatto riserva di acquisizione dei requisiti previsti dal medesimo decreto oppure avere attestato l'avvenuto svolgimento di almeno 20 procedure di mediazione, di cui almeno cinque che si siano concluse con successo anche parziale, entro sei mesi dall'entrata in vigore del Dm.
    Torneremo in argomento su questo tema di notevole interesse.
    Grazie dell'attenzione.
    Gatta
     
    A Adriano Giacomelli e piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina