1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Orazio Martorina

    Orazio Martorina Nuovo Iscritto

    Salve, vi scrivo per avere delucidazioni sulla possibilità di recedere da una proposta di acquisto fatta un anno fa' e di cui stentano a partire i lavori. Provo a fare un sunto della situazione:

    1. Il 3 dicembre ho firmato la proposta di acquisto di una casa in costruzione per la somma di € 205.000 con inizio lavori prevista per maggio (data fornita a voce) e conclusione a 24 mesi. In questa fase mi è stata fornita una bozza del capitolato (caratteristiche costruttive) che riportava la presenza dell’impianto fotovoltaico.
    2. A metà aprile hanno incassato l’assegno di accettazione proposta di acquisto;
    3. Il 5 giugno mi è stata inviata mail certificata per la convocazione e firma del compromesso. Non essendo minimamente iniziati i lavori non mi sono fidato e non sono andato a firmare dicendo che aspettavo l’inizio dei lavori così come riportato nella proposta di acquisto.
    4. A fine luglio hanno firmato la convenzione con Roma Capitale per l’autorizzazione a costruire in edilizia convenzionata.
    5. A novembre ho visto che avevano iniziato a recintare il terreno e quindi ho inviato raccomandata di richiesta convocazione per il compromesso. In quella sede mi è stato comunicato che:
    a. sono iniziati i lavori in termini di rilievi archeologici ma al comune ancora non hanno approvato il progetto e quindi non risulta ancora dichiarato l’inizio lavori;
    b. il prezzo è aumentato di € 900;
    c. la fideussione bancaria non mi sarà fornita contestualmente al pagamento e firma del compromesso (cosa invece prevista per legge) bensì un paio di settimane dopo;
    d. la variazione del capitolato, in particolare l’assenza dell’impianto fotovoltaico;
    e. non è presente la dimensione dello stabile che mi accingo ad acquistare ne tantomeno delle pertinenze vedi giardino in quanto dicono che la vendita è a lotti;
    f. il compromesso si compone di un contratto preliminare per un ammontare di € 180.000 (importo suscettibile di variazione sulla base di variazioni del prezzo imposto dal comune) e di una scrittura privata per un ammontare di € 26.000 contenente le migliorie presenti nel capitolato.

    Da qui risulta che nel caso di aumento del prezzo massimo imposto dal comune il prezzo aumenterebbe senza poter ribattere e poi non è prevista alcuna penale nel caso i lavori vadano oltre i 24 mesi.

    Alla luce di ciò vorrei trovare un modo per uscirmene così da recuperare i 5.000 € dati in acconto al costruttore. A maggior ragione visto che stanno andando lunghi con i tempi, che non mi daranno la fideiussione subito, che il prezzo è aumentato e non hanno rispettato il capitolato. Inoltre volevo sapere se c’era modo di recuperare anche i soldi dell’agenzia.

    Ringrazio anticipatamente chiunque possa darmi informazioni su come muovermi.
    Grazie
    Orazio
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina