1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    questa mi è proprio nuova : per effettuare una nuova apertura su un muro, che ci sia poi messa la porta...o meno.... non si può più effettuare "in economia" : necessita la presentazione di DURC

    quindi l'apertura di "passaggio" non può più essere fatto IN ECONOMIA (dal padrone di casa....ad esempio ?)
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se il comune chiede un durc significa che il lavoro deve essere fatto da un'impresa. Di solito viene chiesto un durc per l'inizio di qualsiasi lavoro edile che abbia ottenuto un'abilitazione comunale: nel tuo caso si tratta di una manutenzione straordinaria e di sicuro deve essere indicata l'impresa esecutrice nella comunicazione di inizio lavori. Saluti.
     
  3. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    si tratta di un'apertura....su un muro precedentemente senza apertura....poi ci si mette una porta (prob a soffietto) : 2 stanze che non erano comunicanti direttamente.....lo diventerebbero

    devo chiedere ad un impresa tale apertura ?
     
  4. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Hai chiesto l'autorizzazione al comune?
     
  5. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Non è proprio nuova...
    Con la Legge 78/2010 sono state introdotte delle modifiche al DPR 380/2001, ovvero al Testo Unico sull'Edilizia, permettendo l'Attività Edilizia Libera.
    Si tratta di una serie di interventi minori per i quali non serve un'autorizzazione specifica da parte del Comune.
    Tra questi interventi c'è anche l'apertura di porte interne.
    Tale tipologia ricade nella manutenzione straordinaria, per la quale, anche se non serve un titolo abilitativo vero e proprio, c'è invece bisogno di un'artigiano edile o di un'impresa per eseguire il lavoro, e da qui la presentazione del DURC.
    I lavori in economia sono stati del tutto (o quasi) eliminati, poichè, se tu non sei un muratore, dubito che da solo riesci a demolire una parete, a posizionare l'architrave sul foro, a risquadrare le spallette, a dare gli intonaci, ecc. ecc.
    Serve anche e soprattutto per eliminare il lavoro nero da parte di muratori in pensione o persone tuttofare...
     
    A bolognaprogramme piace questo elemento.
  6. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Servirà sempre l'impresa per accedere alla discarica autorizzata per conferire gli scarti di risulta.
    Ed un tecnico per la variazione catastale della planimetria. Saluti.
     
  7. LARCH

    LARCH Nuovo Iscritto

    Presentazione del DURC? No di certo:

    l’art. 14, comma 6) bis D.L. n. 5/2012 convertito dalla Legge n. 35/2012 ha sancito l’obbligatorietà della acquisizione d’ufficio da parte delle PP.AA. del Durc anche per i lavori privati.
    Pertanto le amministrazioni pubbliche concedenti sono tenute ad acquisire d’ufficio il DURC non solo nell’ambito dei lavori pubblici ma anche nei lavori privati dell’edilizia, ai sensi dell’art. 90, lett. c) del decreto legislativo n. 81/2008.
     
  8. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    è pur vero quello che scrivono binotto e essezeta, il durc però non ha eliminato il lavoro in nero che spadroneggia ancora. Tutta questa burocrazia serve solo a incentivare l'abusivismo. La semplice cial per una banale apertura di porta costa non meno di cinquecento euro che raddoppia i costi dell'intervento.
     
  9. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    cial ?
     
  10. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    la cial è la comunicazione di attività libera.
     
  11. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    mi correggo: comunicazione inizio attività libera
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    sicuramente l'apertura di una porta può essere un intervento banale ma se la porta coinvolge un muro portante già puo creare danni alla struttura, va quindi fatta col criterio corretto
    si modifica la strutturazione dell'appartamento quindi deve essere comunicato il risultato per aggiornare quanto depositato in comune e in catasto
    il tutto potrebbe sembrare inutile ma chiunque, oggi, a volte anche a mio parere esagerando, voglia comprare la casa pretenderà la conformità di tutti gli atti, con la conseguente esigenza di adeguare tutto in fretta ed in sanatoria, con spese molto più alte
    purtroppo la normativa non contempla, anche perchè non può distinguere, differenze tra un piccolo lavoro ed una ristrutturazione importante
     
  13. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    comprendo bene tutte le problematiche

    ma chi ha già realizzato una porta "in economia" facciamo 15 anni fa
    (naturalmente porta...su tramezzo insignificante)

    e adesso dovesse vendere il suo appartamento con accatastamento aggiornato....allora non potrebbe farlo perchè ha compiuto un'opera abusiva...e dovrebbe (sempre abusivamente) ripristinare la situazione originaria - suppongo che sarebbe impossibile effettuare una DIA con DURC adesso ( e quanto, poi, verrebbe mai a costare....)
     
  14. griz

    griz Membro Senior

    Professionista

    è un problema molto diffuso
    l'alternativa è accordarsi con l'acquirente perchè accetti la situazione e magari l'accetterà con una riduzione di prezzo.... Di quanto?
     
  15. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    l'abuso fatto 10 anni fà e sempre un abuso e va sanato, modificare una parete può anche essere un nulla, ma tante volte ha creato dei problemi gravi, specialmente nelle costruzioni vetuste dove spostare una parete crea dei danni alla soletta che appoggiava con un rialzamento delle stessa e crepe nell'appartemtento sottostante, ciao
     
  16. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    sono d'accordo che andrebbe sanato !

    ma "si sana" con una FALSA-DICHIARAZIONE (una DURC di un'opera che è stata già realizzata...e terminata ?) non mi pare sia la procedura corretta

    Invece "ripristinare" la situazione originaria (quella presenta al catasto) mi pare sia la "soluzione corretta" (e non necessita di autorizzazione)
     
  17. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    apertura porta : necessita durc

    fanno di tutto per farti pagare di tutto e di piu': durc,dia etc: se uno si vuole fare le cose in economia gli mettono tutti i tipo di bastoni fra le ruote pur di scucirgli le tasche : purtroppo al sottoscritto ,per lo stesso problema,sono stati richiesti (obbligatorio il professionista geometra od ing )piu' di 2000 euro : economia ?
     
  18. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    ovviamente ripristinare abusivamente uno stato modificato abusivamente, risolve
    solitamente però la modifica praticata è scaturita da un bisogno, quindi è migliorativa per l'immobile, sopratutto, in caso di vendita, il compratore ha visto l'immobile così com'è, difficilmente gli piacerebbe com'era prima della modifica
    da qui la necessità di adeguare i documenti alla situazione, si cerca di farlo nel modo più economico possibile ma spesso è costoso, personalmante, per un lavoro semplice semplice, riesco anche a stare al di sotto dei 2000 euro che cita hanton
    purtroppo, mi ripeto, la norma è strutturata per tutelare la legalità degli immobili ai quali si mette mano, dal punto di vista burocratico, la ristrutturazione completa dell'appartamento (molto onerosa) è uguale alla semplice apertura di una porta (basso costo)

    comunque teniamo presente che a tutti piace che gli altri siano in regola con le norme, quando però tocca a noi, quindi attingere dal nostro portafoglio, la cosa ci piace meno
     
  19. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    purtroppo vorremmo che gli altri stessero alle regole ed a noi fosse possibile evaderle a ns piacimento
    meglio NON svegliare il can che dorme ....se fosse possibile
     
  20. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    In realtà nelle modulistiche dei comuni esiste ancora la casellina lavoro in economia; ovviamente vale per i lavori minori non per le vere e proprie ristrutturazioni.

    c'è da dire che quando il Direttore dei Lavori mette lavoro in economia, e non comunica il nome dell'impresa e dell'artigiano con la relativa documentazione (Durc +Visura camerale+eventuale numero personale dipendente con qulifica e contratto) sia Il Direttore dei Lavori che il Committente si prendono tutte le responsabilità del caso.

    Sicuramente si dovrà comunque procedere ad un titolo amministrativo anche in caso di demolizione di muro, in quanto si con tale titolo si dovrà cambiare pure il Catasto in quanto...stato di fatto, progetti comunali e catasto devono corrispondere ai sensi della Certificazione degli atti catastali degli immobili.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina