1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. azimut

    azimut Membro Ordinario

    Buonasera,

    una domanda agli esperti:

    due appartamenti contigui di stessa proprieta', che a seguito di DIA e ristrutturazione mantengono ingressi indipendenti ma anche comunicano tramite porta ricavata in muro di separazione, per essere regolari da un punto di vista catastale, devono essere a norma di legge accorpati in unico appartamento oppure possono restare separati (=subalterno differente) ?
     
  2. trionfale

    trionfale Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non sono un esperto, ma ho ben chiaro il caso che hai esposto. Se hai interesse che gli appartamenti rimangano separati catastalmente, perchè pensi ad esempio alla successione per i figli e se temi che una volta accorpati sia difficile in futuro riottenerne il frazionamento, gli appartaementi possono rimanere separati. Tuttavia:
    1. Sarai sempre "non in regola" perchè vi sarà una porta di comunicazione non riportata nelle planimetrie ufficiali delle due unità.
    2. Una delle due unità sarà come una "seconda casa". Pertanto dovrai pagare l'ICI, o meglio l'IMU senza detrazioni, pagherai il gas e la luce senza riduzioni prima casa e così via. Come avere una casa al mare!
    Sono valutazioni di opportunità che solo tu puoi fare.
     
    A armando piace questo elemento.
  3. piramoel

    piramoel Membro Junior

    Posso affermare con certezza che anche un unico grande vano senza tramezzi può essere suddiviso in più U.I. semplicemente tracciando in Planimetria la linea fittizia di divisione. Mi è capitato il caso di grandi magazzini in cui i proprietari ne dividevano la proprietà. Avere più accessi non significa dover avere più U.I.. Pertanto può sia lasciare due Unità Immobiliari che variarle per fonderle in una sola. A sua discrezione. Non ci sono irregolarità. Semmai consiglio di fare le opportune valutazioni di cui al punto 2 della risposta sopra (tariffe bollette, IMU, ecc.).
     
  4. azimut

    azimut Membro Ordinario

    Grazie per le utili risposte.
    Se ho capito bene, per poter restare due U.I. separate non bisogna indicare la porta di comunicazione (il tramezzo e la porta esistono veramente in questo caso, con riferimento a quanto dice piramoel).

    A quanto dici, trionfale, cosi' facendo non sarei in regola perche' ometterei la porta di comunicazione: e a parte riflessi tributari (IMU, bollette, ec.), questo avrebbe ripercussioni nel momento in cui volessi rogitare una sole delle due U.I, e' corretto?
     
  5. piramoel

    piramoel Membro Junior

    Se vuole lasciare due U.I., anche in previsione di un'eventiale vendita di una delle due, fossi in lei io eviterei di fare la Variazione Catastale; e non vi vedo irregolarità ne non farla, anche perché non varia la Consistenza (vale a dire la superficie o il numero dei vani). Vedo pertanto la Variazione Catastale una spesa inutile, finalizzata solo a riportare in planimetria una porta di accesso. Francamente mi sembra una spesa estremamente futile. L'importante è che l'intervento edilizio sia regolare urbanisticamente, che quindi ne sia stata depositata la relativa Pratica in Comune ( e Fine Lavori). Semmai posso dirLe che la fusione in una sola U.I. posso vederla utile per risparmiare qualcosa con l'IMU, ma bisognerebbe fare due conti per calcolare l'effettiva convenienza, forse inesistente. Per le tariffe di luce, acqua e gas, qualora le relative forniture fossero separate dal suo alloggio, intendo dire con contatori separati, non credo che le sarebbe comunque applica la tariffa di residente ai secondi contatori. La tariffa di residente credo si possa avere solo su un contatore di ogni fornitura. Spero di essermi espresso con chiarezza.
     
    A bianca luce piace questo elemento.
  6. trionfale

    trionfale Membro Attivo

    Proprietario di Casa
  7. azimut

    azimut Membro Ordinario

    In realta' quando dicevo all'inizio "a seguito di DIA e ristrutturazione", intendevo con cio' che varia la planimetria. Quindi un intervento a catasto e' comunque necessario. Se la DIA fa riferimento a ristrutturazione per unificazione, occorre poi alla fine, registrando le variate planimetrie, anche unificare le U.I. ?
    Le mie domande sopra andrebbero interpretate con riferimento a questo caso...
     
  8. piramoel

    piramoel Membro Junior

    Beh, allora si. Variazione Catastale necessaria per "Ristrutturazione e Fusione" di due Unità Immobiliari.
    Avevo interpretato male la domanda. Mi scuso.
     
  9. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Possono restare separati ( due U.I. indipendenti).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina