1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. masagu

    masagu Membro Attivo

    Cari tutti,
    nel caso in cui un appartamento venisse donato prima del matrimonio alla morte del coniuge a chi va la casa? All'altro coniuge o agli eredi del coniuge defunto? :confuso:
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A chi?
    La casa di chi?
     
  3. boghes

    boghes Ospite

    All'uno ed agli altri.
    Se la casa è stata donata al coniuge defunto, farà parte dell'asse ereditario.
     
  4. masagu

    masagu Membro Attivo

    Faccio un esempio Nem...A e B si sposano. Ad A viene donato un appartamento prima del matrimonio. Nel caso in cui A dovesse passar a miglior vita B eredita la casa di A? :occhi_al_cielo:
     
  5. boghes

    boghes Ospite

    Scusami, se insisto nella mia interpretazione.
    Tutti i beni del defunto A acquisiti per donazione o compravendita, sia prima che dopo il matrimonio, sia nel caso di separazione o comunione dei beni, formeranno la massa ereditaria per i legittimi o legittimari, ovverosia non in presenza o in presenza di testamento. Quindi coniuge B e figli se ci sono, se no subentrano a questi gli ascendenti o, in mancanza, i fratelli di A. Ciò si verifica se non è stato redatto il testamento.
    Con testamento, i familiari che ereditano sono coniuge B, figli, o ascendenti se mancano i figli. Sono esclusi invece i fratelli del de cuius.
     
  6. pimol

    pimol Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Agli eredi del defunto, cioè il coniuge e i figli, in proporzione di legge. Solo se macassero questi si allarga a parentele più lasche.
    Cioè la risposta alla tua domanda è si, si. Il senso mi pareva chiedere se il coniuge è tagliato fuori: la risposta è no.
    P.
     
  7. masagu

    masagu Membro Attivo

    Grazie a tutti :basito:[DOUBLEPOST=1405926222,1405926206][/DOUBLEPOST]Grazie a tutti :basito:
     
  8. Bunny

    Bunny Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    trattandosi di donazione, sopratutto se fossero in separazione dei beni, penso che eventuali parenti di A avrebbero qualcosa da reclamare..
     
  9. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    E in comunione dei beni (è un caso che potrebbe essere il mio)?
     
  10. masagu

    masagu Membro Attivo

    :shock::shock::shock:
     
  11. Bunny

    Bunny Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ho risposto di impulso, facendomi solo la domanda: chi aveva donato l'appartamento ad A? I genitori? I quali magari hanno altri figli e nipoti?
    ...presumo che in un caso del genere, essendo un dono fatto prima del matrimonio, quindi che non rientra nella comunione legale tanto più se in regime di separazione dei beni, è di esclusiva proprietà di A, e che sia lecito, ai parenti di A, poter difendere il patrimonio famigliare... reclamando quanto meno una quota di successione. Sarebbe utile il parere di un notaio
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    B potrebbe non ereditare quella casa se A facesse testamento in modo da destinarla ad altri. In ogni caso B, essendo erede legittimario, avrebbe diritto alla quota del patrimonio di A che la legge riserva al coniuge (in misura che dipende dalla presenza di altri legittimari oltre al coniuge, che sono i figli e, in mancanza dei figli, gli ascendenti).
    Al coniuge è riservata la quota di metà del patrimonio dell’eredità, salvo che concorra con i figli. In tal caso, se il figlio è uno solo, sia al coniuge sia al figlio spetta ciascuno un terzo del patrimonio; se i figli sono più di uno al coniuge è riservato un quarto e ai figli la metà del patrimonio, in quote uguali tra di loro; il coniuge separato legalmente concorre con gli stessi criteri, a meno che la separazione gli sia stata addebitata con sentenza definitiva.
    Se non vi siano figli, gli ascendenti concorrono con il coniuge: la quota loro riservata è di un quarto, mentre al coniuge va la metà del patrimonio.
    Quindi B potrebbe essere soddisfatto, relativamente alla sua quota di riserva, con altri beni del de cuius.
    Inoltre, in tutti i casi, testamento o no, al coniuge, anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni. Tali diritti gravano sulla porzione disponibile e, qualora questa non sia sufficiente, per il rimanente sulla quota di riserva del coniuge ed eventualmente sulla quota riservata ai figli.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Premesso che è buona norma riportare la parte del messaggio a cui si risponde, la casa ricevuta in donazione, prima o dopo il matrimonio, con regime legale della comunione dei beni o no, è nel patrimonio del de cuius, che quindi cade in successione. I donanti non avrebbero motivo di dolersi se quella casa fosse destinata solo al coniuge o ad altri soggetti, potendo eventualmente agire in riduzione solamente nel caso che gli stessi donanti siano anche eredi legittimari del de cuius e il testamento non assegnasse loro le quote riservate dalla legge.
     
  14. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Che diritti in termini di eredità ha il coniuge che ha l'addebito della separazione dato con sentenza definitiva? Grazie.
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il coniuge cui è stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato ha diritto soltanto a un assegno vitalizio se al momento dell'apertura della successione godeva degli alimenti a carico del coniuge deceduto. L'assegno è commisurato alle sostanze ereditarie e alla qualità e al numero degli eredi legittimi, e non è comunque di entità superiore a quella della prestazione alimentare goduta. La medesima disposizione si applica nel caso in cui la separazione sia stata addebitata a entrambi i coniugi (art. 548, commi 2 e 3 c.c.).
    Adesso mi aspetto la domanda sui diritti successori del coniuge divorziato. :)
     
  16. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Ti faccio un'altra domanda, che sorge spontanea: quali sono i diritti successori del coniuge divorziato? Sono uguali o minori?
     
  17. masagu

    masagu Membro Attivo

    Nem perchè parli di separazione? Quindi stai dicendo che B ha diritto soltanto alla metà e in presenza di un figlio ad 1/3 ciascuno ...ma la restante quota a chi va agli eredi di A? Come mai non va tutto a B? :occhi_al_cielo:
     
  18. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    In presenza di un figlio mamma e figlio ereditano ciascuno la metà, in presenza di due figli ognuno dei tre prende 1/3.
     
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ho parlato di separazione perchè succede che i coniugi si separino. Va precisato inoltre che il coniuge separato con addebito non è indegno a succedere. Potrebbe validamente ereditare se il coniuge lo nominasse erede con un testamento.
    Bisogna distinguere se vi sia un testamento o no.
    Senza testamento (successione legittima): se il figlio è uno, a questi va la metà dell'eredità e l'altra metà va al coniuge (oltre ai diritti di abitazione ecc. sulla casa adibita a residenza familiare, come in precedenza specificato). Se i figli sono più di uno, al coniuge va 1/3 e i figli si dividono i rimanenti 2/3.
    Con testamento (successione testamentaria): se il figlio è uno, la sua quota di riserva è di 1/3, la quota di riserva del coniuge è di 1/3 e quindi la quota disponibile (che il testatore può destinare a chiunque) è di 1/3.
    Se i figli sono più di uno, la loro complessiva quota di riserva è di 1/2, la quota di riserva del coniuge è di 1/4 e quindi la quota disponibile è di 1/4.
     
    A masagu piace questo elemento.
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non ha alcun diritto successorio nei confronti dell'ex coniuge.
    Però esiste l'art. 9-bis della legge n. 898/1970 ("Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio"), che prevede:
    "A colui al quale è stato riconosciuto il diritto alla corresponsione periodica di somme di denaro a norma dell'art. 5, qualora versi in stato di bisogno, il tribunale, dopo il decesso dell'obbligato, può attribuire un assegno periodico a carico dell'eredità tenendo conto dell'importo di quelle somme, della entità del bisogno, dell'eventuale pensione di reversibilità, delle sostanze ereditarie, del numero e della qualità degli eredi e delle loro condizioni economiche. L'assegno non spetta se gli obblighi patrimoniali previsti dall'art. 5 sono stati soddisfatti in unica soluzione.
    Su accordo delle parti la corresponsione dell'assegno può avvenire in unica soluzione. Il diritto all'assegno si estingue se il beneficiario passa a nuove nozze o viene meno il suo stato di bisogno. Qualora risorga lo stato di bisogno l'assegno può essere nuovamente attribuito."
     
    Ultima modifica: 21 Luglio 2014

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina