1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. simo1955

    simo1955 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ho dato in comodato d'uso ad un mio nipote (figlio di mio fratello) un'appartamento dove io sono residente ma abito in un'atra citta'. Posso avere qualche agevelazione per l'IMU in considerazione che in questo appartamento mio nipote vi ha portato anche la residenza ?
    Grazie
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente erisiede anagraficamente.
    Disposizione sulla quale è intervenuto il Dl 16/2012 introducendo il vincolo relativo al nucleo familiare del contribuente.
    La norma introduce, quindi, due requisiti che devono essere rispettati per poter beneficiare delle corrispondenti agevolazioni (aliquota ridotta e detrazioni).
    saluti
    jerry48
     
  3. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi auguro che tu abbia stipulato e registrato un regolare contratto di comodato.
    Attenzione poiché i contratti di comodato che riguardano abitazioni sono al momento soggetti a verifica fiscale in quanto ipoteticamente elusivi di contratti di locazione. Dico "ipoteticamente", ma al fisco devi dimostrare tu il contrario.
    Oltre a tutto il nipote (figlio del fratello) non è un discendente in linea retta, quindi devi vedere se il Fisco per il comodato gratuito e il tuo Comune per le facilitazioni riconoscano o meno il comodato gratuito anche ai parenti in linea collaterale.
    per il Fisco credo sia possibile, per il Comune non lo so.
    Vedi l'allegato affini.pdf
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Avete risposto... senza rispondere alla domanda. Il soggetto passivo dell'imposta (non essendoci nessun titolare di altro diritto reale) è, nella fattispecie, solo il proprietario. Che pagherà con l'aliquota normale (non è la sua abitazione principale) e quindi senza nessuna detrazione.
     
  5. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Che il soggetto passivo dell'imposta fosse il proprietario lo sapeva anche simo1955 che ha aperto il thread, infatti ha chiesto "posso avere qualche agevolazione" ?
    In passato per l'ICI alcuni regolamenti comunali prevedevano tali agevolazioni per le abitazioni date in comodato d'uso ai parenti, alcuni solo a quelli in linea retta, alcuni anche a quelli in linea collaterale.
    Jerry48 ha risposto dicendo che le agevolazioni per la abitazione principale non spettano, in quanto il proprietario non vi dimora abitualmente. Giustissimo.
    Io ho semplicemente risposto che per il Comune bisognerà attendere l'emanazione dei regolamenti relativi all'IMU per sapere se per i locali dati in comodato ai parenti siano previste agevolazioni rispetto alla normale aliquota del 7,8 per mille.
    Mi sembra che quindi le risposte ci siano state.
     
    A simo1955 piace questo elemento.
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    che io sappia nessuna agevolazione. se cominci ad escludere questo e quello alla fine pagherebbero in pochi.
     
  7. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Circolare n. 3/DF del 18/5/2012 del Ministero Economia e Finanze.

    "13. RAPPORTI TRA L’IMU E LE IMPOSTE SUI REDDITI
    L’IMU, come già anticipato al paragrafo 1, sostituisce, a norma del comma 1 del citato art. 8 del D. Lgs. n. 23 del 2011, l’ICI e, per la componente immobiliare, l’IRPEF e le relative addizionali comunali e regionali dovute in riferimento ai redditi fondiari concernenti i beni non locati.
    La sostituzione dell’IRPEF comporta, in via generale, che per gli immobili non locati (compresi quelli concessi in comodato d’uso gratuito e quelli utilizzati a uso promiscuo dal professionista) o non affittati risulta dovuta la sola IMU, mentre per quelli locati o affittati risultano dovute tanto l’IMU quanto l’IRPEF.
    Tale principio trova una parziale applicazione nell’ipotesi di terreni non affittati, tenuto conto della previsione di cui all’art. 9, comma 9, del D. Lgs. n. 23 del 2011, laddove dispone che il reddito agrario di cui all’art. 32 del TUIR continua ad essere assoggettato alle ordinarie imposte erariali sui redditi. In tale ipotesi, pertanto, risultano dovute l’IRPEF e le relative addizionali sul reddito agrario, mentre l’IMU sostituisce l’IRPEF e le relative addizionali sul solo reddito dominicale.
    Particolare risulta l’ipotesi dell’abitazione principale “parzialmente locata” trattandosi al tempo stesso di un immobile non locato per la parte adibita ad abitazione principale e di un immobile locato per la rimanente parte. In tal caso si ritiene, sulla falsariga delle scelte interpretative operate ai fini IRPEF fino al 31 dicembre 2011, che debba applicarsi la sola IMU nel caso in cui l’importo della rendita catastale rivalutata del 5% risulti maggiore del canone annuo di locazione (abbattuto della riduzione spettante ovvero considerato nel suo intero ammontare nel caso di esercizio dell’opzione per la cedolare secca).
    Sono, invece, dovute sia l’IMU che l’IRPEF nel caso in cui l’importo del canone di locazione (abbattuto della riduzione spettante ovvero considerato nel suo intero ammontare nel caso di esercizio dell’opzione per la cedolare secca) sia di ammontare superiore alla rendita catastale rivalutata del 5%." ...ecc. ecc.


    Hai detto niente ?! :ok:
     
    A simo1955 piace questo elemento.
  8. simo1955

    simo1955 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie,ma io sono ignorante in questa materia,me ne devo occupare perchè è morto mio marito e io non voglio farmi fregare!!!! Traduci in parole semplici,terra terra!!!!!
     
  9. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per l'immobile concesso in comodato dovrai pagare l'IMU (non come prima casa in quanto non vi risiedi abitualmente), ma sarai esonerata dal pagamento dell'IRPEF.
     
    A simo1955 piace questo elemento.
  10. simo1955

    simo1955 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    OK,ho compreso.Scusa in un'altra discussione che avevo lanciato su residenza e pagamento dell'IMU, mi è stato risposto che avrei dovuto pagare come prima casa ,l'abitazione in cui ero residente e non quella in cui dimoro abitualmente,a differenza dell'ICI. E' cambiato qualcosa? Questo per me è molto importante perchè sono residente in un'appartamento con € 379 di rendita catastale contro € 1032 dell'abitazione in cui ho il domicilio.Grazie del tuo prezioso aiuto
     
  11. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina