1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Un inqulino moroso (da circa 7 mesi) può far valere un suo diritto di prelazione ?

    Ci sono regole specifiche?
     
  2. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La prelazione e' nel contratto di affitto?
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Aldilà del fatto che se non paga l'affitto, difficilmente trova i soldi per l'acquisto, credo che avrai difficoltà a vendere ad uno che vuole investire. Difatti, solo chi intende utilizzarlo in proprio ha la probabilità di entrarne in possesso in tempi certi.
     
  4. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non ho scritto che rimarrà occupato… o che l'attuale inquilino non abbia possibilità (suoi fondi?)

    Per ora "ha smesso di pagare"

    … ma la mia domanda era rivolta ad u. Possibile (per legge.. Perchè il contratto sottoscritto NON lo menziona) diritto di prelazione
     
  5. boghes

    boghes Ospite

    Nelle locazioni ad uso abitativo, il diritto di prelazione in favore del conduttore è previsto solo in una ipotesi (Art. 3 comma 1, lettera g, della legge 431/98). E cioè se il locatore (che non abbia la proprietà di altri immobili a uso abitativo salvo quello eventualmente adibito a propria abitazione) disdetti il contratto alla scadenza dei primi 4 anni perché intende vendere l’immobile a terzi.
     
  6. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    tutto giusto. Rimane il fatto che se io vendo un appartamento a 100 e il conduttore mi dà 100 più i mesi che mi deve, io, disdetta prima o dopo, mi sto zitta e glielo vendo...
     
  7. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    questo vale solo "al momento" del 4 anno...e non anche all'8 ????
     
  8. boghes

    boghes Ospite

    Tutto giusto.
    rimangono tutti e due contenti.
    Con il soldo, tutto si può fare...[DOUBLEPOST=1405605996,1405605896][/DOUBLEPOST]
    Non vale, in quanto c'è la sacadenza del contratto originario.
    P.S. Ma se l'intenzione del venditore e dell'acquirente-inquilino è la stessa, chiaramente è possibile anche se non permane il diritto di prelazione.
     
  9. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    mi sono espresso male : HO SCRITTO UNA COSA, PENSAVO AD ALTRO

    volevo scrivere "prima dell'8° anno".....nel senso:

    • disdico il contratto al 4° anno (tutto in regola) ....poi ci penso (oppure non trovo nessuno) ma lo riesco a vendere (nel "virtuale") 7° anno.
    l'inquilino precedente, può annullarre l'atto di compravendita per DIRITTO DI PRELAZIONE ?

    se si....se si mandasse una raccomandatataAR, quanto tempo bisogna far passare per essere certi che non interessi ? (se la riceve....ma non risponde?)
     
  10. boghes

    boghes Ospite

    Quando il conduttore NON ha diritto di prelazione

    In caso di vendita durante la locazione l'inquilino NON ha diritto alla prelazione, (la sua posizione non subisce pregiudizio, il nuovo proprietario è obbligato ad attendere la scadenza del contratto) NON spetta il diritto di prelazione qualora il proprietario intende vendere a terzi dopo la prima scadenza contrattuale, NON ha diritto di prelazione neppure quando dopo la scadenza del contratto il locatore intenda affittare l'immobile ad altro inquilino.

    NON spetta il diritto di prelazione, al conduttore se il locatore è comproprietario dell'immobile a titolo di comunione ereditaria ipotesi prevista dall' articolo 732 del codice civile, per le quali la prelazione opera a favore dei coeredi, e nella ipotesi di trasferimento effettuato a favore del coniuge o dei parenti entro il secondo grado.

    L'art. 38 L. 392/1978 che attribuisce al conduttore il diritto di prelazione nei confronti del locatore che intenda trasferire a titolo oneroso l'immobile locato ad uso diverso da abitazione, si applica solo alle alienazioni volontarie e NON trova quindi applicazione nel caso in cui, l'immobile venga venduto coattivamente.[DOUBLEPOST=1405607004,1405606949][/DOUBLEPOST]
    60 gg.
     
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    portagliela a mano e fagliela firmare
     
  12. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    allora non ho capito il tuo #4
    in quello si diceva che C'ERA un diritto di prelazione....

    sono solo fuso/confuso per il gran caldo ?
     
  13. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Ma il tuo è un appartamento, quindi uso abitativo, o un locale commerciale/artigianale ecc. ?
     
  14. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    appartamento normale (uso abitativo) : cambia qualcosa ?
     
  15. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Si, perchè il conduttore di un immobile ad uso abitativo – in assenza di un diverso accordo con il proprietario dell’immobile – non ha diritto di prelazione sull’acquisto della casa.

    Come ti hanno già detto sopra, in un solo caso l'inquilino può vantare la prelazione: qualora il locatore disdetti il contratto di locazione alla prima scadenza perché vuol vendere l’immobile a terzi e non abbia la proprietà di altri immobili ad uso abitativo oltre a quello eventualmente adibito a propria abitazione [Art. 3, comma 1, lett. g), legge 431/1998.].

    In tal caso al conduttore è riconosciuto il diritto di prelazione.
     
    A arciera piace questo elemento.
  16. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Caso pratico con domanda:

    > a settembre scadranno i (primi) 4 anni
    > mandata lettera di disdetta perchè il locatario non paga da dicembre (era meglio comunicare la vendita?)
    > il locatario uscirà a ottobre xché (fatti suoi… ma ha disponibilità)

    Quindi, da quanto presumo, abbia modo di rovinare la trattativa (con azione postuma) mediante avviso di Diritto di Prelazione - corretto?

    Meglio mandare subito raccomandata… o dopo la sua uscita e fare rogito finale a +90gg dalla sua uscita?

    Non si posseggono altri immobili oltre a quello in cui abito

    Il locatatio, in questa regione dove ha preso residenza, non possiede altri immobili .
     
  17. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @bolognaprogramme ha cambiato tutte le carte in tavola: non ha diritto di prelazione, quindi non deve neanche essere avvertito.
     
  18. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Nella lettera di disdetta che gli hai mandato che causale hai dato ?
     
  19. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E ora la domanda sorge spontanea (perchè NON ricordo il testo a memoria.. E sono in vacanza, lontano dalle carte) :

    Cosa avrei dovuto scrivere e, SOPRATTUTTO, cosa NON dovrei aver scritto?
     
    A arciera piace questo elemento.
  20. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    questa mi piace davvero!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina