• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gitano

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Nel mio condominio si stanno effettuando lavori di rifacimento balconi aggettanti.
L'impalcatura a breve sarà montata sul terrazzo di mia proprietà esclusiva.
1) Occorre che preventivamente mi faccia rilasciare dalla Ditta una dichiarazione ai sensi dell'art.843 del c.c. (il proprietario deve permettere l'accesso e il passaggio nel suo fondo, sempre che ne venga riconosciuta la necessità, al fine di costruire o riparare un muro o altra opera propria del vicino oppure comune . Se l'accesso cagiona danno, è dovuta un'adeguata indennità..........).
2) E' previsto che l'indennità venga riconosciuta, oltre che per gli eventuali danni cagionati, anche nel caso di eccessivo ritardo nello smontaggio dell'impalcatura??
Grazie
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
secondo me devi distinguere il risarcimento per l'occupazione dal risarcimento dei danni provocati.
Tu puoi prendere l'iniziativa, anche se la prima mossa dovrebbe essere il condominio o l'impresa a farla.
Prima di far mettere il primo pezzo di impalcatura fai firmare una scrittura privata nella quale il condominio, tramite l'amministratore, ti riconosce un risarcimento per l'occupazione giornaliera del tuo balcone, che sarà tanto maggiore quanto è più è grave l'impedimento di usare il terrazzo; mentre l'impresa deve dichiarare di avere una assicurazione che copre i danni arrecati a terzi o al committente medesimo durante l'esecuzione dei lavori.
Il progettista dei lavori ti ha contattato prima di presentare il progetto? Perché a fronte ti un tuo diniego di accesso avrebbe dovuto verificare se esistevano tecniche alternative e solo dopo aver appurato che l'unica soluzione praticabile, anche economicamente per il condominio, era quella di occupare il tuo terrazzo avrebbe dovuto comunicarti, tramite l'amministratore, l'applicazione dell' art. 843 c.c. .
 

gitano

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Sono stato contattato solo verbalmente e mi è stato comunicato che a breve verranno montati i ponteggi sul mio terrazzo.
Ci tengo a precisare che in effetti per la tipologia del lavoro e per l'ubicazione dei balconi non ci sono alternative all'uso dei ponteggi da montare sulla mia proprietà e quindi mi rendo disponibile a tale accesso e allo stesso tempo non pretendo un'indennità giornaliera per il periodo di messa in opera dei ponteggi.
Però vorrei essere "tranquillizzato" sulla copertura di eventuali danni arrecabili e sui tempi di installazione, cioè mi potrebbe star bene che mi lascino l'impalcatura per 2/3 mesi ma nel caso di sforamento dei tempi (si sa che durante questi lavori possono nascere dei conteziosi tra la ditta e i condomini......) e beh a quel punto si che ci vorrebbe un'adeguata indennità per tutti i giorni di ritardo.
Cosa ne pensate?
Grazie mille
Cordiali Saluti
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Quello che pensano i forumisti, conta poca cosa devi mettere per iscritto con l'amministratore le tue pretese e garanzie
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
buongiorno a tutti ho stipulato un contratto preliminare per l acquisto di un immobile definito chiavi in mano con scritto che sarebbe stato finito il giorno 31 maggio 2019 ovviamente d accordo con l imprenditore.Ad oggi 22 giugno 2019 la casa non e ancora finita ed ora l'imprenditore vuole una proroga del contratto a fine luglio 2019 qualcuno sa cosa mi comporta questa proroga?cioè dovrei firmarla?e perché la vuole?
Alto