1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Renato50

    Renato50 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    volevo avere conferma della correttezza dell’odg, della prossima Assemblea Ordinaria del mio Condominio, convocata in seconda convocazione, per quanto riguarda la nomina dell’Amministratore.
    All’ odg dell’Assemblea ordinaria l’Amministratore uscente (scadenza naturale mandato dell’esercizio 01/01/2012 – 31/12/2012) è stato indicato “conferma e/o revoca” Amministratore, anziché come richiesto dal Consiglio di Condominio “nomina Amministratore”.
    Mi sembra che il termine “revoca” si debba utilizzare in caso di convocazione dell’Assemblea Straordinaria per richiedere, appunto, la “revoca “ dell’Amministratore in carica prima della scadenza naturale del Suo mandato. Mentre per l’Assemblea Ordinaria, visto che l’Amministratore decade automaticamente ogni fine “esercizio”, credo si parli eventualmente di “conferma o di nomina” dell’Amministratore.

    Non so se aver indicato, da parte dell’Amministratore uscente, il punto all’odg “conferma o revoca”, sia per caso in funzione di possibili maggioranze “diverse” previste in caso di “conferma” dell’Amministratore in scadenza di mandato, rispetto alla “nomina” di un “nuovo” Amministratore.

    All’Amministratore uscente è giunta “voce” che l’Assemblea potrebbe anche deliberare un possibile “cambiamento” di gestione condominiale, con la nomina di un “nuovo” Amministratore.


    Dalla lettura del Cod. Civ. art. 1136, mi sembra che la maggioranza “qualificata”, prevista dal “secondo comma”, trovi applicazione anche per la deliberazione di “conferma” dell’amministratore dopo la scadenza del mandato (Cass; n. 4269 del 4 maggio 1994) .

    E’ corretto ?
    Ringrazio anticipatamente per il V. autorevole parere.

    Renato50
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E' una furbata usata da molti amministratori non inserire all'OdG dell'assemblea annuale ordinaria alla scadenza del suo mandato, la nomina di un nuovo amministratore, però nulla vieta all'assemblea di procedere alla nomina di un successore, che sarà nominato (se lo sarà) con le maggioranze stabilite dall'art. 1136 cc, risparmiando così le spese per una nuova convocazione e nuova assemblea a carico dei condomini.
    Eventuali dissenzienti e/o assenti potranno (volendo) impugnare all'A.G. la delibera di nuova nomina.
     
  3. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Maggioranza semplice per la riconferma dell'amministratore
    Tribunale di Roma, Sez. V, sentenza del 15 maggio 2009 n. 10701

    Per la sola conferma dell'amministratore in carica è sufficiente la maggioranza ordinaria prevista dal III comma dell'art.1136 c.c. ( un terzo dei partecipanti al condominio ed almeno un terzo del valore dell'edificio ).

    Invero, la conferma dell'amministratore in carica è fattispecie ben diversa da quella della nomina e della revoca in quanto è rielezione dello stesso nella carica precedentemente ricoperta per la cui deliberazione è sufficiente la maggioranza prevista dal III° comma dell'art. 1136 c.c.

    Mentre da Giugno con la nuova riforma, per la conferma sia applicherà il II° comma del 1136 cc. (metà teste e almeno metà millesimi).
     
  4. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Fatemi capire OGGI per eleggere l'amministratore occorrono
    ovvero 666 millesimi?
    metre da giugno
    ovvero 500 millesimi e se non ci sono pure la metà delle teste?
    Ma non occorrevano già 500 millesimi???:fiore:
     
  5. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Oggi per nominare l'amministratore servono almeno 1/3 delle teste ed almeno 500 mlm

    Per le deliberazioni dell'assemblea in seconda convocazione concernenti le materie indicate dall'art. 1136, quarto comma, c.c., tra le quali la nomina dell'amministratore, il richiamo alle maggioranze stabilite dall'art. 1136, secondo comma, c.c., non vale ad estendere il quorum costitutivo dell'assemblea in prima convocazione, ma importa che per la costituzione dell'assemblea, come per l'approvazione di esse, è richiesta una maggioranza che rappresenti almeno la metà del valore dell'edificio e che sia costituita dalla maggioranza degli intervenuti e da almeno un terzo dei partecipanti al condominio. (Cass. 26/04/94 - n. 3952)

    Dal 18 giugno 2013 sarà sufficiente la maggioranza delle teste presenti in assemblea rappresentanti almeno 500 mlm (in pratica si facilita la nomina togliendo il vincolo del 1/3 delle teste, lasciando inalterato quello dei mlm minimi)

    Per la sola riconferma dell'amministratore in carica, vale la Sentenza postata da Alessia Bruschi, e comunque non raggiungendo neppure quell'esile maggioranza, l'amministratore rimarrà in carica in Prorogatio Imperii (con tutti i poteri previsti dalla Legge), sino a nomina di un successore.
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  6. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Concordo perfettamente con Condobip.

    Infatti si parlava di riconferma e non di nomina.
     
  7. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma questa come si può definire cattiveria?, mi riferisco alla differenza di riconferma e nomina, ma la legge non prevede sempre e solo le dimissioni e nomina dell'amministartore? perchè esce fuori questa riconferma? :fiore:
     
  8. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    :stretta_di_mano:
     
  9. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Semplicemente perchè l'amministratore in carica al termine del suo mandato può essere riconfermato e se non viene riconfermato neppure con il minimo previsto dalla Sentenza citata da Alessia Bruschi e nessun altro candidato ottiene una maggioranza tale da essere nominato al posto del precedente, rimarrà in carica in proroga con pieni poteri;

    In tema di condominio di edifici, l'istituto della prorogatio imperii trova fondamento nella presunzione di conformità alla volontà dei condòmini e nell'interesse del condominio alla continuità dell'amministratore, - ha detto la Suprema Corte; che ha subito aggiunto che, conseguentemente, tale istituto - è applicabile in ogni caso in cui il condominio rimanga privato dell'opera dell'amministratore, e pertanto non solo nei casi di scadenza del termine di cui all'art. 1129, secondo comma, cod. civ. o di dimissioni, ma anche nei casi di revoca o di annullamento per illegittimità della relativa delibera di nomina. (Cassazione, sentenza n. 4531/2003)

    L’Amministratore di un condominio conserva i poteri conferitigli dalla legge, dall'assemblea, o dal regolamento di condominio, anche se la delibera di nomina sia stata oggetto di impugnativa dinanzi all'autorita’ giudiziaria, per vizi comportanti la nullita’ od annullabilita’ della delibera medesima, ovvero sia decaduto dalla carica per scadenza del mandato, fino a quando non venga sostituito con provvedimento del giudice o con nuova deliberazione dell'assemblea dei condomini. (Cass. Sez. Lavoro, 20/02/1976 n 572)

    L'amministratore di un condominio, anche dopo la cessazione della carica per scadenza del termine di cui all’art. 1129 c.civile, conserva in proroga i poteri conferitigli dalla legge, dall’assemblea o dal regolamento di condominio e può continuare ad esercitarli fino a che non sia sostituito con un altro amministratore; (Cass. n. 7256/86)
     
  10. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    BUSCHI prego :)
     
    A condobip piace questo elemento.
  11. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ops, scusami :confuso: :confuso:
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  12. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Dopo aver letto le VS. spiegazioni dico: è giusto che abbiamo l'Italia cosi come è e come viene governata, lo meritiamo. :fiore:
     
  13. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Vabbè..... ma che centra questo adesso? :shock:

    Se ci si riflette, la sentenza ha perfettametne ragione, in caso di riconferma non è giusto applicare la stessa maggioranza della nomina in quanto già lui era stato nominato e quindi il posto era gia il suo.

    La nuova riforma ha predisposto differentemente per la riconferma.......
    E tu pensi che dopo Giugno non ci saranno ulteriori sentenze che spiegheranno e rivolteranno le sentenze precedenti? :maligno: :risata:
     
    A dolly piace questo elemento.
  14. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Infatti!!!:stretta_di_mano:

    p.s. complimenti anche a Te per l'avatar!!!:applauso: (io invece sono ancora indecisa...:pollice_verso:)

    Saluti
    dolly:fiore:
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  15. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Siamo in trepida attesa...:fiore:
     
  16. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    La mimosa è il mio fiore preferito in assoluto, e siccome questo è periodo, mi ha ispirato.
    Prova anche tu a fare lo stesso :)
     
  17. Renato50

    Renato50 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a Tutti i partecipanti a questa mia "discussione" ed un grazie per le informazioni fornite...

    .. fortunatamente all'Assemblea del nostro Condominio... in seconda convocazione siamo riusciti, con una maggioranza di 545 millesimi, ad approvare la nomina di un nuovo Amministratore e pertanto è venuto meno il problema di dover interpretare il Codice Civile oltre alle varie sentenze della Cassazione in materia di "conferma" e "nuova nomina" dell'Amministratore.
    Anch'io ho trovato, sul sito dell'UPPI questo riferimento:
    ............. omissis......
    Per le deliberazioni dell’assemblea in seconda convocazione che concernono le
    materie indicate dall’art. 1136, comma 4, cod. civ., tra le quali la nomina
    dell’amministratore, il richiamo alle maggioranze stabilite dall’art. 1136, comma 2,
    cod. civ., non vale a estendere il “quorum” costitutivo dell’assemblea in prima
    convocazione, ma importa che per la costituzione dell’assemblea, come per
    l’approvazione di esse, è richiesta una maggioranza che rappresenti almeno la metà
    del valore dell’edificio e che sia costituita dalla maggioranza degli intervenuti e da
    almeno un terzo dei partecipanti al condominio (Cass., n. 3952 del 26 aprile 1994).
    UPPI 11/03/13 20.00

    La disposizione dell’art. 1136, comma 4, cod. civ. – la quale richiede per la
    deliberazione dell’assemblea del condominio di edifici che riguarda la nomina o la
    revoca dell’amministratore la maggioranza qualificata prevista dal comma 2 – trova
    applicazione anche per la deliberazione di conferma dell’amministratore dopo la
    scadenza del mandato (Cass., n. 4269 del 4 maggio 1994).

    Secondo questa "sentenza" della Cassazione, come quella citata da Condobip

    è richiesta una maggioranza che rappresenti almeno la metà del valore dell'edificio e che sia costituita dalla maggioranza degli intervenuti e da almeno un terzo dei partecipanti al condominio. (Cass. 26/04/94 - n. 3952)

    non ci sarebbe appunto differenza di "maggioranze" tra la "conferma" e la nomina, a differenza della sentenza citata da
    Alessia Buschi:
    Maggioranza semplice per la riconferma dell'amministratoreTribunale di Roma, Sez. V, sentenza del 15 maggio 2009 n. 10701Per la sola conferma dell'amministratore in carica è sufficiente la maggioranza ordinaria prevista dal III comma dell'art.1136 c.c. ( un terzo dei partecipanti al condominio ed almeno un terzo del valore dell'edificio )

    Per le prossime Assemblee vedremo se quanto previsto dalla nuova legge:

    Dal 18 giugno 2013 sarà sufficiente la maggioranza delle teste presenti in assemblea rappresentanti almeno 500 mlm (in pratica si facilita la nomina togliendo il vincolo del 1/3 delle teste, lasciando inalterato quello dei mlm minimi)

    dovrà essere ancora soggetta a "sentenze" per la corretta interpretazione.





     
  18. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Dal prossimo 18 Giugno, sarà ancora più semplice, perchè in mancanza di nuova nomina l'amministratore rimarrà in carica per un altro anno;

    cc art. 1129
    ...
    L'incarico di amministratore ha durata di un anno e si intende rinnovato per eguale
    durata. L'assemblea convocata per la revoca o le dimissioni delibera in ordine alla nomina del nuovo
    amministratore.
     
  19. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma vedete tutto quello che è stato detto è chiaro e sotto un certo aspetto e anche giusto, ma ritornando al “MA” perché prima si fa una legge semplice chiara senza scappatoie e poi si trova il sistema per aggirarla? Se il compito dell’amministratore è stato stabilito che dura un anno.
    PUNTO.
    Perché tirare fuori la dicitura riconferma? perché ci si vuole sguazzare?
    Semplice ecco perché ho detto che ci meritiamo l’Italia cosi come è
    Vi chiedo perdono se urto la sensibilità di qualcuno ( amministratori ) so solo che come amministratore di azienda quale sono non ho mai avuto problemi con i dipendenti proprio perché mi sono sempre comportato correttamente e quando non ho potuto farlo ho parlato chiaro con i ragazzi i quali mi hanno ringraziato della sincerità e dell’onesta nei loro confronti e mi hanno aiutato.
    Basterebbe cosi poco :fiore:
     
  20. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Scusami, ma chi ci vuole sguazzare?
    Ora come ora l'amministratore viene riconfermato anno per anno con la maggioranza minima (secondo la Sentenza di Roma del 15 maggio 2009 n. 10701), e non arrivando neppure a quella rimane in carica in regime di "prorogatio imperii" in mancanza di nuova nomina, dal prossimo 18 giugno sarà addirittura regolamentata dal Codice Civile all'art. 1129
    Per cui non vedo nessun interesse per nessuno di volerci sguazzare, e chi scrive (condobip) è un condomino e non amministratore.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina